Rinfresco da Freud's Faucet: un saluto di compleanno

Il mio approccio alla psicoterapia, sviluppato in oltre trent'anni di pratica clinica, può essere meglio descritto come psicologia di profondità esistenziale : una (per alcuni, improbabile) fusione di psicologia esistenziale (specialmente quella del mio ex mentore, psicoanalista esistenziale Rollo May) e la psicodinamica psicologia del profondo ( Tiefenpsychologie ) di Freud, Jung, Adler, Rank, et al. Mentre mi considero teoricamente e praticamente più uno junghiano che lo psicologo freudiano, gli scritti di Freud mi hanno influenzato profondamente sin dalla più tenera età. Come un bambino un po 'intellettualmente precoce, ho iniziato a leggere Freud, il cui compleanno è domani, il 6 maggio, intorno ai dodici anni o forse anche prima. È stata la prosa affascinante, fluente, lucida e penetrante di Sigmund Freud che mi ha ispirato a perseguire una carriera come psicoterapeuta, seguendo brevi flirt con la medicina, l'arte, l'agopuntura e, più durevolmente, la musica nei miei anni dell'adolescenza. Quando compii ventisei anni, ero un professionista della salute mentale con licenza a esercitare nella zona della baia di San Francisco.

Due decenni dopo, durante i miei 40 anni, ho avuto la fortuna di trascorrere la maggior parte delle mie estati viaggiando per l'Europa, a volte studiando, insegnando o facendo conferenze lì. Nell'estate del 1999, fui invitato a parlare del mio libro, Anger, Madness and the Daimonic , al secondo congresso mondiale di psicoterapia a Vienna, in Austria, città natale di Freud. (Freud nacque a Freiberg, in Moravia, ora Repubblica Ceca, nel 1856, ma la sua famiglia si trasferì a Vienna quando aveva tre anni.) Il titolo chiaramente freudiano del mio discorso era "Miti dell'Inconscio". In vacanza, come era la mia lussuosa abitudine quindi, a Kusnacht, l'incredibile lago svizzero Il villaggio in cui visse e praticò CG Jung e la pittoresca posizione del CG Jung Institute, dove avevo studiato e insegnato in precedenza, decisi di fare un viaggio panoramico di dieci ore in treno da Zurigo a Vienna. Una volta sistemato nella città romantica, prima di tenere la mia conferenza, partii per visitare l'ex residenza e l'ufficio di Freud su Berggasse 19 nel nono distretto di Vienna, ora il Museo di Sigmund Freud. Era metà estate, con temperature e umidità insolitamente alte, anche per quel torrido periodo dell'anno. Camminai incautamente a una distanza considerevole dal mio albergo per trovare l'appartamento di Freud nel caldo di mezzogiorno, sudando copiosamente. Finalmente arrivai al sobrio ed elegante complesso di appartamenti in cui Freud e la sua famiglia visse dal 1891 al 1938 prima di fuggire a Londra dai nazisti e dove per la prima volta analizzò i pazienti giacenti sul suo ormai famoso divano nei giorni formativi della psicoanalisi .

Quando salii le scale e entrai nell'impressionante appartamento del secondo piano, ero arido e disidratato dal caldo. Passando attraverso la sala d'attesa restaurata di Freud per i pazienti – e dove i membri della Società Psicoanalitica di Vienna, il famoso "cerchio interno" di Freud, si incontravano ogni mercoledì sera – e avvicinandosi allo staff minimo del museo, chiesi se sarebbe stato possibile acquistare una bottiglia d'acqua. Mi hanno scusato informandomi che il museo non vendeva bevande in bottiglia. Eravamo appena fuori dalla cucina originale di Freud, che era totalmente off-limits per i visitatori, pur avendo questa interazione banale. Pare che abbia avuto pietà della mia condizione di surriscaldamento, un membro compassionevole dello staff femminile sia entrato in cucina e sia tornato con un bicchiere di acqua di rubinetto, la stessa acqua dello stesso rubinetto da cui Freud ha bevuto durante gli albori di quello che oggi più genericamente ci riferiamo come "psicoterapia". La "psicoanalisi" di Sigmund Freud è la fonte principale da cui scaturisce più o meno la psicoterapia moderna. (In realtà, era Otto Rank, uno dei discepoli più vicini di Freud, che rese popolare il termine psicoterapia , e persino la onnipresente terapia cognitivo-comportamentale odierno fu creata da uno psicoanalista.) Questo semplice atto di gentilezza e il suo inebriante contesto storico sembravano profondamente significativi per questo una volta pubescente imbevuto delle prodigiose intuizioni di Freud circa trent'anni prima. Sia come un ragazzo curioso, che molte volte in seguito, Herr Doktor Freud aveva ancora una volta fornito il tanto necessario nutrimento a questo assetato ammiratore, perenne refrigerio dal rubinetto di Freud.

Solutions Collecting From Web of "Rinfresco da Freud's Faucet: un saluto di compleanno"