Rimbalzando, Sort Of

brain MRI

Tanti tipi di dolore, così poco tempo. O è che abbiamo troppo tempo per ferire?

Le tre memorie che discuto qui riguardano diversi tipi di dolore, da quello fisico a quello emotivo a quello che potremmo chiamare spirituale o esistenziale. Ogni autore ha inventato una narrativa che si rivela arricchente per il lettore. Non molte risate, ma non le mancheranno.

Colpito da Genius: Come una ferita cerebrale mi ha fatto una meraviglia matematica di Jason Padgett e Maureen Seaberg è una narrativa ben organizzata e scattante a leggere su uno dei pochi individui che ha acquisito la sindrome matematica savant e la sinestesia dopo una grave aggressione a sinistra con una lesione cerebrale traumatica.

Questo lettore finì per sentirsi ambivalente riguardo alla simpatia di Padgett: prima dell'infortunio, era solo un frequentatore alla festa socievole e frequentatore di bar senza alcuna ambizione seria, e in seguito – ora – lui è un amante matematico e fisico volubile con diverse stranezze . Questi includono OCD (ossessività, paura della contaminazione) e PTSD. Disegna ciò che vede, che sono frattali e triangoli e schemi sovrapposti a oggetti di uso quotidiano come alberi e persone. Le illustrazioni del libro sono impressionanti, anche se riesco a malapena a immaginare di percepire tali immagini fluttuanti intorno a me, tutto il tempo e ovunque io sia.

Più di una volta, Padgett (con l'abile assistenza alla scrittura del suo coautore) afferma che non scambierebbe la sua personalità "dopo" per la sua "prima". Ora è sposato, apparentemente felicemente, ed è passato i quattro anni dopo l'infortunio che ha trascorso nella sua stanza da solo, agorafobico e depresso. Continua a gestire il dolore cronico con tutte le risorse disponibili. Ci racconta come ha imparato la meditazione ed è diventato abile nel controllare la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e la temperatura della pelle.

Questa è una storia edificante? Essere stato brutalmente derubato e picchiato fino al punto in cui il suo cervello non si sarebbe mai ripreso, non sarebbe stato in grado di permettersi test adeguati, di aver dovuto cercare e capire da solo cosa stesse succedendo nella sua mente: da tutto ciò essere invitato a raccontare la sua storia tramite conferenze, TV e questo libro; amando i numeri, trovando gioia nella sua vita familiare e potendo accettare la realtà in cui vive. Quando leggiamo questa storia, siamo testimoni della resilienza di un uomo, della vulnerabilità del cervello umano e del suo sorprendente potenziale.

Losing Tim: A Memoir di Janet Burroway è un affascinante libro di memorie di un abile romanziere. Il figlio cresciuto di Burroway si è ucciso dopo essere stato un appaltatore militare che ha rimosso le mine dalle zone di guerra. Gli indizi si accumulano su cosa sia realmente accaduto. Forse una tendenza genetica alla depressione può aver avuto un ruolo quando le circostanze molto difficili erano giuste, o semplicemente sbagliate.

Sentiamo il dolore di Burroway, ci immedesimiamo con le sfide che ha affrontato allevando un ragazzo le cui opinioni erano così poco convenzionali e quindi così antitetiche rispetto alle sue convinzioni. Il suo amore per le armi era presente molto presto, ed era un'arma da fuoco che usava per farsi un buco nella testa. Apparentemente non era più disposto a vivere con i cattivi sentimenti che si accumulavano dentro di lui: che faceva parte di un complesso industriale militare che non aveva integrità, che quelli per cui lavorava erano bugiardi, che stava facendo cose cattive nonostante il suo buone intenzioni e il bene che ha effettivamente compiuto.

La scrittura è meravigliosa: una memoria letteraria e una narrazione del dolore di uno scrittore che non ha alcun riguardo per l'esperienza più difficile che una madre possa affrontare. Uno dei suoi libri più vecchi, il romanzo Raw Silk , è anche di recente disponibile come ebook. Bello, con qualche accenno di alcuni elementi autobiografici che sarebbero venuti alla ribalta in Losing Tim .

My Accidental Jihad: A Love Story di Krista Bremer ha preso tempo per crescere su di me. Anche se scritto bene, era stranamente troppo vicino a casa per farmi piacere all'inizio. La descrizione di Bremer di lei e del suo corteggiamento da marito musulmano nato in Libia mi ha ricordato in molti modi il mio primo matrimonio. Ben presto la storia divenne più interessante, soprattutto quando la coppia si recò a casa del marito e passò del tempo con la sua famiglia. Di nuovo, molto familiare, ma assorbente. Poi, verso la fine, quando Bremer, apparentemente sempre un ricercatore spirituale (sebbene non ne avesse scritto molto prima nel libro) trovò una versione personale dell'Islam che si adattava a lei, mi sentii leggermente deluso dal modo in cui sembrava torcersi la sua prospettiva per abbinare quella della sua nuova famiglia.

Copyright (c) 2014 di Susan K. Perry, autrice di Kylie's Heel

Solutions Collecting From Web of "Rimbalzando, Sort Of"