Rilevamento infedeltà e interesse femminile nel sesso orale

Nello studio della sessualità umana, i fattori psicologici associati all'interesse per il sesso orale sono stati sottostimati. In un precedente articolo, ho discusso un recente articolo che proponeva una spiegazione evolutiva per l'interesse per il sesso orale, ovvero che l'esecuzione del sesso orale viene eseguita per rilevare l'infedeltà dei partner. Quel documento si concentrava sull'interesse degli uomini per il cunnilingus. Gli autori hanno pubblicato di recente un nuovo documento di accompagnamento incentrato sull'interesse delle donne per la fellatio. Contrariamente alle aspettative degli autori, l'interesse di una donna per la fellatio non era correlato a quanto fosse attraente il suo partner, a differenza dell'interesse degli uomini per il cunnilingus. Gli autori fanno un tentativo piuttosto complicato e sconcertante di adattare le scoperte di questo articolo alla loro teoria, ma le reali ragioni della considerevole variazione nell'interesse delle donne nel sesso orale rimangono poco chiare. La ricerca futura potrebbe esplorare più proficuamente in che modo l'interesse femminile per il sesso orale potrebbe essere collegato a tratti di personalità noti per essere correlati a variazioni negli atteggiamenti e nei comportamenti sessuali.

Immagine per gentile concessione di imagerymajestic su FreeDigitalPhotos.net

La logica dietro i due studi recenti discussi qui (Pham & Shackelford, 2013; Pham, Shackelford, & Sela, 2013) è che l'interesse umano per l'esecuzione del sesso orale si è evoluto come un modo per verificare se il proprio partner fosse stato recentemente infedele. Questa nozione, inizialmente proposta in un libro del 2006, si basa sull'idea che se il proprio partner ha avuto di recente un contatto sessuale con qualcun altro, un odore o un gusto rilevabile sarebbe rimasto sui genitali. Inoltre, gli autori sostengono che avere un partner molto attraente ne mette uno a maggior rischio di infedeltà dei partner. Pertanto, gli autori ragionano, se l'ipotesi di rivelazione di infedeltà è corretta, quindi il partner più attraente è, più interessata sarà una persona nell'eseguire sesso orale su di loro. Come discusso in dettaglio nel mio precedente articolo, Pham e Shackelford hanno inizialmente testato questa ipotesi in relazione agli uomini, e hanno trovato, come anticipato, che tra gli uomini impegnati in relazioni eterosessuali, coloro che hanno valutato i loro partner come più attraenti hanno mostrato anche più interesse nell'esecuzione orale sesso. Hanno considerato questo come una prova per la loro ipotesi di rivelazione di infedeltà, sebbene abbiano discusso due ipotesi alternative, vale a dire che il sesso orale aumenta la soddisfazione del partner e che l'orgasmo che induce l'orgasmo può aumentare la ritenzione di sperma (quest'ultima che considero improbabile). Personalmente, trovavo sconcertante il fatto che non considerassero la possibilità più mondana che gli uomini che trovano i loro partner molto attraenti potrebbero essere più interessati agli atti sessuali in generale, compreso il sesso orale.

In un articolo più recente, Pham et al. applicato la stessa metodologia alle donne. In questo studio, alle donne in relazioni eterosessuali impegnate di almeno un anno di durata è stato chiesto quanto fossero attraenti il ​​loro partner, la loro esperienza sessuale più recente e la loro soddisfazione nei confronti della relazione. Contrariamente alle aspettative, le valutazioni delle donne sull'attrattiva del loro partner (a se stesse e ad altre donne) non erano significativamente correlate al loro stesso interesse nell'eseguire la fellatio. La soddisfazione delle donne nei confronti della relazione ha avuto una piccola significativa associazione positiva con il loro interesse per il sesso orale. Tuttavia, in un'analisi statistica che controllava la durata del rapporto sessuale e la lunghezza della relazione, né l'attrattiva né la soddisfazione della relazione erano fattori predittivi significativi dell'interesse della donna al sesso orale. Inoltre, quando hanno confrontato i risultati di questo studio con quelli degli uomini, hanno scoperto, non a caso, che la relazione tra l'attrattiva e l'interesse dei partner nell'esecuzione del sesso orale era più forte negli uomini che nelle donne.

Sulla base di questi risultati, ritengo che una conclusione ragionevole sia che le donne sembrano avere diverse ragioni rispetto agli uomini per essere interessate al sesso orale, almeno nelle relazioni impegnate. Le loro motivazioni (a differenza di quelle degli uomini) sembrano essere in gran parte non correlate all'attrattiva del loro partner e quindi l'ipotesi dell'infedeltà non si applica alle donne. Ho quindi trovato il modo in cui gli autori hanno espresso la loro conclusione in qualche modo contorta:

I risultati attuali forniscono supporto per l'ipotesi di rilevazione di infedeltà del sesso orale; le differenze nella quantità fluida lasciata da un rivale (cioè lo sperma di un maschio rivale rispetto ai fluidi vaginali di una femmina rivale) possono influenzare l'efficacia e la motivazione a usare il sesso orale come mezzo per rilevare l'infedeltà.

Per me, questo suona come un modo indiretto di dire che "la fellatio è inefficace rispetto al cunnilingus per scoprire l'infedeltà e quindi la nostra teoria non può spiegare perché le donne sono interessate alla fellatio". Lo scopo dello studio era di testare le previsioni di un teoria, non per fare scuse per questo. Pertanto, la loro affermazione che "i risultati attuali forniscono supporto" per la loro ipotesi, è fuorviante.

Gli autori sollevano la ragionevole considerazione che la fellatio comporta un maggior rischio di trasmettere una STD al ricevente rispetto al cunnilingus. Tuttavia, se una donna fosse preoccupata che il suo partner molto attraente fosse vedere altre donne e metterla a rischio di un'infezione, sospetto che mostrerebbe un interesse ridotto nell'eseguire il sesso orale per proteggersi. Se ciò fosse vero, allora ci si aspetterebbe una correlazione negativa tra l'attrattiva del partner (e il maggior rischio di infedeltà) e l'interesse della donna per il sesso orale, e anche questo non è stato trovato.

Come notato in precedenza, Pham e Shackelford hanno considerato che i risultati dello studio sugli uomini potrebbero essere spiegati dall'ipotesi di ritenzione dello sperma. Il buon senso sembrerebbe suggerire che questo non si applica all'interesse delle donne nel sesso orale, eppure Pham et al. continua a fare la seguente bizzarra affermazione:

I risultati attuali supportano anche l'ipotesi di ritenzione dello sperma del sesso orale; gli uomini, ma non le donne, sono preoccupati che il loro sperma venga trattenuto nel tratto riproduttivo del loro partner.

Trovo questa affermazione semplicemente sconcertante, sfidando la spiegazione. Perché le donne dovrebbero preoccuparsi che il loro sperma venga trattenuto nel tratto riproduttivo inesistente del loro partner maschile? Cosa significa questo? Anche se intendessero riferirsi solo al tratto riproduttivo della donna, non vedo ancora come l'ipotesi della ritenzione dello sperma abbia alcuna rilevanza per questo particolare studio.

Gli autori tentano di affrontare l'ipotesi della soddisfazione, ma in un modo strano:

I risultati attuali non supportano l'ipotesi della sazietà sessuale (sic) del sesso orale perché l'insorgenza di sesso orale è positivamente associata alla soddisfazione delle relazioni sia degli uomini che delle donne.

Questa affermazione sembra contraddire se stessa: sicuramente se il sesso orale fosse correlato alla soddisfazione della relazione in entrambi i sessi, ciò sosterrebbe l'idea che le persone lo fanno per aumentare la soddisfazione. Inoltre, i risultati precedenti della ricerca si sono concentrati sulla soddisfazione del destinatario del sesso orale, qualcosa che l'attuale coppia di studi non ha affrontato. In un altro articolo discutono dettagliatamente la teoria secondo cui gli uomini possono usare il cunnilingus per mantenere la loro partner felice e dissuaderla dal suo allontanarsi dalla relazione. Non vedo perché non abbiano dedicato spazio al nuovo documento per discutere sulla possibilità che le donne possano impiegare la fellatio per lo stesso scopo, invece di perdere tempo a dedicarsi alla ritenzione dello sperma.

I risultati di Pham et al. la carta non fornisce una teoria adeguata del perché le donne potrebbero essere interessate a fare sesso orale. I risultati indicano che le donne potrebbero avere motivi diversi rispetto agli uomini per essere interessati al sesso orale, ma non indicano quali potrebbero essere queste ragioni. Le differenze individuali nelle motivazioni delle donne per l'esecuzione della fellatio non sembrano essere state approfondite, ma ho l'impressione dalla letteratura che ho visto che le donne possono variare più degli uomini in quanto si divertono a fare sesso orale. Ad esempio, uno studio condotto da studenti universitari ha rilevato che uomini e donne avevano quasi la stessa probabilità di dire che la ragione più tipica per eseguire il sesso orale era per il piacere del destinatario (circa l'80% degli uomini e delle donne ha dato questo motivo principale) . Nessuna grande sorpresa lì. Più interessante, tuttavia, è che la seconda ragione più comune è stata per il piacere del donatore, e questo motivo è stato più frequentemente dato dagli uomini rispetto alle donne (26,8% contro 16,9%). Cioè, gli uomini erano più propensi delle donne a dire di aver fatto sesso orale principalmente per il proprio piacere (Chambers, 2007).

Un altro studio, questo su coppie sposate, ha rilevato che circa il 55% delle donne ha dichiarato di aver trovato una fellatio soddisfacente nel complesso, mentre il resto l'ha trovato insoddisfacente (Apt, Hurlbert, Sarmiento e Hurlbert, 1996). Le ragioni più comuni per cui le donne davano per averlo trovato insoddisfacente erano il disgusto del gusto dello sperma, la paura dell'eiaculazione e, in misura minore, un "spegnimento personale". È interessante notare alla luce di precedenti osservazioni sulla fellatio e le malattie sessualmente trasmissibili. terzo delle donne che hanno trovato insoddisfacente preoccupazione citata circa i germi / la pulizia. Gli autori di questo studio hanno suggerito che le donne che trovano soddisfacente la fellatio possono essere quelle che hanno atteggiamenti più liberali e sperimentali nei confronti del sesso e che sono libere da blocchi psicologici sul sesso, come il disgusto dei genitali maschili e dello sperma in particolare.

Da quanto precede, sembra plausibile che le differenze individuali nelle preferenze delle donne per il sesso orale possano essere correlate a tratti di personalità stabili. Un certo numero di tratti della personalità sono stati collegati agli atteggiamenti sessuali. La grande apertura all'esperienza delle donne, ad esempio, è legata a una maggiore soddisfazione coniugale nelle coppie, forse perché tali donne sono più aperte ad esplorare la loro sessualità (McCrae & Sutin, 2009). L'apertura all'esperienza è anche associata a una più ampia gamma di fantasie sessuali ea una conoscenza più accurata del sesso. Si è scoperto che la grande apertura all'esperienza nelle donne (ma non negli uomini) è correlata positivamente con un tratto chiamato ricerca della sensazione sessuale, che si riferisce al desiderio di cercare livelli ottimali di eccitazione sessuale e di impegnarsi in nuove esperienze sessuali (Gaither & Sellbom, 2003). La ricerca radicata nella psicologia evolutiva ha anche identificato un numero di dimensioni sessuali della personalità precedentemente trascurate dai teorici della personalità (Schmitt & Buss, 2000). Questi includono un tratto chiamato "attrattiva sessuale", che include descrittori come "sensuale", "erotico" e "sexy". Se questo tratto è legato alla variazione di interesse per il sesso orale non sembra essere stato studiato, ma sembra un buon candidato. Inoltre, "l'attrattiva sessuale" è positivamente correlata con l'estroversione in entrambi i sessi e con l'apertura all'esperienza solo nelle donne. Non sono a conoscenza di studi che abbiano provato questo, ma sembra probabile che l'interesse delle donne per la fellatio sia probabilmente correlato all'elevata apertura all'esperienza e alle rilevanti dimensioni sessuali della personalità.

Gli studi sull'interesse per il sesso orale di Pham e colleghi hanno tentato di collegare questo comportamento con una particolare teoria radicata nella psicologia evolutiva. Cercare di collegare i comportamenti umani a una teoria più ampia è uno sforzo utile, ma in questo caso ritengo che il tentativo non abbia avuto successo, in particolare nello studio sulle donne. Penso che un approccio potenzialmente più proficuo sarebbe quello di studiare questo comportamento nel contesto di tratti di personalità che già conoscono collegamenti con la sessualità umana. Le influenze dei tratti della personalità potrebbero anche essere valutate nel contesto di fattori motivazionali più situazionali, come il desiderio di compiacere il proprio partner. Potrebbe anche essere interessante confrontare le motivazioni per eseguire il sesso orale in una più ampia varietà di contesti relazionali, ad esempio confrontando la sua presenza in relazioni impegnate rispetto a contesti più casuali.

Aggiornare

Michael Pham, l'autore principale dell'articolo di riferimento discusso in questo post, ha gentilmente preso il tempo per risolvere i problemi che ho sollevato, nella sezione commenti qui.

Seguimi su Facebook, Google Plus o Twitter .

© Scott McGreal. Si prega di non riprodurre senza permesso. Brevi estratti possono essere citati a condizione che venga fornito un link all'articolo originale.

Altri post su sesso e psicologia

Pornostar e psicologia evolutiva

Le personalità delle pornostar

Sono i nemici naturali di sesso e religione?

Il sesso orale ha uno scopo evolutivo?

La pseudoscienza delle differenze di razza nella dimensione del pene

Lo sperma è un antidepressivo? Pensa di nuovo

BDSM, personalità e salute mentale

Tratti della personalità dei praticanti BDSM: un altro sguardo

Ulteriori letture su Psicologia evolutiva

Psicologia evolutiva: un primer di Leda Cosmides e John Tooby. Questa è una lettura essenziale per chiunque sia interessato a comprendere le basi scientifiche della materia.

La risposta di Tooby e Cosmides a Gould – debunks riteneva che la disinformazione sul soggetto fosse originata dal biologo Stephen Jay Gould, ad esempio la falsa idea che gli psicologi evoluzionisti pensino che "ogni comportamento è un adattamento".

Riferimenti

Apt, C., Hurlbert, DF, Sarmiento, GR, e Hurlbert, MK (1996). Il ruolo della fellatio nella sessualità coniugale: un esame della compatibilità sessuale e del desiderio sessuale. Terapia sessuale e coniugale, 11 (4), 383-392. doi: 10,1080 / 02674659608404452

Chambers, WC (2007). Sesso orale: vari comportamenti e percezioni in una popolazione universitaria. Journal of Sex Research, 44 (1), 28-42. doi: 10.1080 / 00224490709336790

Gaither, GA, e Sellbom, M. (2003). La scala per la ricerca di sensazioni sessuali: relatività e validità all'interno di un campione studentesco eterosessuale. Journal of Personality Assessment, 81 (2), 157-167. doi: 10.1207 / s15327752jpa8102_07

McCrae, R., & Sutin, AR (2009). Apertura all'esperienza. In RHH Mark R. Leary (a cura di), Manuale di differenze individuali nel comportamento sociale (pagine 257-273). New York / Londra: The Guildford Press.

Pham, MN, & Shackelford, TK (2013). Sesso orale come rivelazione di infedeltà. Personalità e differenze individuali, 54 (6), 792-795. doi: http://dx.doi.org/10.1016/j.paid.2012.11.034

Pham, MN, Shackelford, TK, & Sela, Y. (2013). Comportamenti sessuali orali delle donne e rischio di infedeltà dei partner. Personalità e differenze individuali, 55 (4), 446-449. doi: http://dx.doi.org/10.1016/j.paid.2013.04.008

Schmitt, DP, & Buss, DM (2000). Dimensioni sessuali della descrizione della persona: oltre o sottomessa dai grandi cinque? Journal of Research in Personality, 34 (2), 141-177. doi: http://dx.doi.org/10.1006/jrpe.1999.2267

Solutions Collecting From Web of "Rilevamento infedeltà e interesse femminile nel sesso orale"