Rigidità cognitiva: The 8-Ball From Hell

James Coplan, MD
Figura 1. La rigidità cognitiva è un elemento in una serie di tratti e comportamenti challegning. Per i dettagli, vedi testo. Figura (c) James Coplan, MD, usato su autorizzazione.B
Fonte: James Coplan, MD

Quando ero bambino – eoni prima di Pokemon e X-Box – i miei amici e io ci divertiremmo con una Magic 8-Ball. Chiedete alla 8-Ball una domanda ("Passerò il quiz algebra domani?", "Fa così e così come me?"), Date una scossa alla palla, poi sbirciate in una finestrella sul fondo per la sua risposta – a volte definitiva (es. "Signs point to Yes"), ma spesso ambigua ("Sei sicuro di volerlo sapere?"). Nonostante l'avvento dei giochi elettronici, l'8-Ball ha conservato la sua popolarità e ha generato molte imitazioni, tra cui un 8-ball di astrologia e "Dr. Freud's Amazing Therapy Ball, "uno strumento psicoterapico ironico con risposte come" MMM-hmmmm "," Dimmi di più … "e" Quanto tempo ti sei sentito in questo modo? "Per coloro che sono appassionati dell'elettronica , c'è una versione on-line, e un'app 8-ball per il tuo telefono, anche se a mio parere questi non sono così divertenti come la cosa reale.

Cosa c'entra tutto questo con l'autismo? Solo questo: penso alla rigidità cognitiva – una delle caratteristiche fondamentali dell'ASD – come " The 8-Ball from Hell ", con comportamenti e caratteristiche che vanno ben oltre le caratteristiche fondamentali dell'ASD, influenzando praticamente ogni aspetto della vita dell'individuo. In questo post riassumerò brevemente questi comportamenti e tratti. Li elaborerò in post successivi. Vi invito anche a visitare la mia pagina web e a prenotare, dove discuto approfonditamente di questi argomenti.

La definizione tecnica della rigidità cognitiva è "Difficoltà nel cambiare gli insiemi mentali". In parole povere, ciò significa passare dal pensare alle cose in un modo, al pensare a loro in un modo diverso. (Le persone che possono farlo facilmente si dice che abbiano una " flessibilità cognitiva " – l'opposto della rigidità cognitiva.) Diciamo che ti do una pila di blocchi rossi e blu di diverse dimensioni, e ti chiedo di ordinarli "prima per taglia" , quindi per colore. "Quindi ripeto l'operazione, con colori o forme diversi. Ogni volta, il tuo compito è di ordinare per dimensione, poi per colore. A proposito, questo è un compito a tempo, e guadagnerai punti extra per la velocità, e alla fine potrai incassare i tuoi punti per un premio. Hai svolto questo compito per dieci o 15 minuti e ti stai comportando abbastanza bene; i tuoi tempi stanno scendendo. Poi ti lancio una palla curva: con il prossimo gruppo di blocchi dico "Ordina prima per colore, poi per dimensione!" – l'opposto di quello che hai fatto fino ad ora. Fare quel tipo di interruttore richiede flessibilità cognitiva. Le prime volte, potresti prenderti involontariamente a farlo alla vecchia maniera, nonostante te stesso. E questo è su un semplice compito di smistamento di blocchi! Pensa a quanto più potente sarà la rigidità cognitiva per compiti e comportamenti più complessi o profondamente radicati.

James Coplan
Figura 2. In questo esempio, al soggetto è richiesto di passare da una strategia all'altra. Rendere questo tipo di cambiamento è difficile per le persone con rigidità cognitiva (l'opposto di "flessibilità cognitiva").
Fonte: James Coplan

La rigidità cognitiva è intorno a noi. Quante volte hai sentito persone perfettamente intelligenti resistere a qualcosa, offrendo come unica obiezione la protesta "Non l'ho mai fatto prima!"? (Così, il celebre economista inglese John Maynard Keynes notoriamente ha scherzato "La difficoltà sta, non nelle nuove idee, ma nel fuggire dai vecchi, che ramificano, per quelli allevati come molti di noi sono stati, in ogni angolo del nostro menti. ") Esiste un certo conforto che deriva dalla familiarità. D'altra parte, alcune persone sono così bloccate in un modo di fare le cose che perdono molto – e qualsiasi cambiamento inaspettato li lancia per un ciclo. Questo tratto non è unico per ASD, ovviamente. Stavamo parlando in un precedente post sul blog sul fenotipo dell'autismo ampio – persone con "tratti autistici" che non sono la stessa ASD. La rigidità cognitiva è uno di quei tratti!

Se quella fosse l'intera storia, sarebbe semplice. Ma non è così semplice. La rigidità cognitiva non si verifica in isolamento. Piuttosto, Madre Natura "impacchetta" la rigidità cognitiva con una serie di altri tratti e comportamenti. Trova uno di questi tratti o comportamenti, e troverai spesso il resto di loro in agguato – o all'interno dell'individuo, o all'interno di altri membri della famiglia di quella persona.

Nella figura principale, ho diviso questi tratti e comportamenti associati in "Esternalizzare" e "internalizzare". "Esternalizzare i comportamenti" sono cose che sono visibili all'esterno; "Comportamenti interiorizzanti" sono cose che portiamo in giro all'interno. (In questo senso, i "comportamenti interiorizzanti" sono più uno stato mentale che un comportamento, ma siamo bloccati con il termine.) Nel riquadro superiore ("Comportamenti esternalizzanti") troviamo comportamenti ripetutamente ripetitivi, difficoltà con aspettative insoddisfatte, perfezionismo, compulsioni e perseveranza. Tra parentesi ho elencato Agitazione, Aggressività e comportamento autoaggressivo ("SIB"). Ho messo questi in parentesi perché non sono l'espressione diretta della rigidità cognitiva. Piuttosto, sono le conseguenze a valle che si presentano se una persona con Rigidità Cognitiva non è in grado di soddisfare le sue aspettative rigidamente mantenute.

Nella casella in basso, ho elencato i "Comportamenti di internalizzazione" che di solito accompagnano la rigidità cognitiva. Notare che ho elencato il "perfezionismo" sia nella scatola superiore che in quella inferiore! Non è un errore Piuttosto, è enfatizzare che il perfezionismo si qualifica come un comportamento esternalizzante quando vediamo le sue manifestazioni visibili (implacabile lavarsi le mani in qualcuno con OCD, per esempio), così come un comportamento interiorizzante (il travolgente bisogno di ottenere cose "giuste") . Allo stesso modo, le ossessioni (pensieri ricorrenti e intrusivi) sono il partner silenzioso e interiore delle compulsioni (comportamenti ripetitivi esteriori visibili). Infine, arriviamo ai grandi assassini (letteralmente e metaforicamente): ansia, depressione e suicidio. Come agitazione, aggressività e SIB, ansia, depressione e suicidalità non sono espressioni dirette di rigidità cognitiva. Piuttosto, quindi, rappresentano i tratti neuropsicologici associati (a causa del modo in cui il cervello è cablato), o le conseguenze a valle.

Entrerò nei dettagli su tutto questo nei post di follow-up. Nel frattempo, per saperne di più, controlla la mia pagina web e il mio libro.

Fino alla prossima volta.

Solutions Collecting From Web of "Rigidità cognitiva: The 8-Ball From Hell"