Rigenerazione e rinnovamento in Big Easy

La Società di ricerca ortopedica ha tenuto il suo incontro annuale all'inizio di questo mese a New Orleans, e l'esposizione dei progressi scientifici e il sogno delle loro applicazioni nel mondo clinico sono stati certamente entusiasmanti. Sono stati esposti i risultati di esperimenti che integrano ingegneria e ricerca biologica su cellule, tessuti e organi del sistema muscolo-scheletrico. Tra tutte queste statistiche e conclusioni c'è un'acuta aspettativa che il dolore cronico così tanto sofferto a causa dell'artrite degenerativa e delle lesioni dei legamenti e dei tendini possa un giorno essere alleviato dall'impianto di nuove cellule e da una tintura di fattore di crescita.

Ecco solo un esempio di ciò che accade nei laboratori di ricerca di tutto il mondo:

1. Le microbolle, bolle su un livello in miniatura quasi inimmaginabile, vengono utilizzate per modificare gli scaffold, che sono a loro volta fondamenti di una specie per la crescita di nuova cartilagine ingegnerizzata da cellule staminali, per il trapianto nelle ginocchia di atleti feriti (e non atleti). Le bolle infine si dissolvono, lasciando i pori che consentono alle molecole di diffusione essenziali per la crescita del tessuto forte.
2. Le cellule staminali derivate dai muscoli possono essere indotte a esprimere fattori di crescita ossea, consentendo la guarigione di grandi difetti ossei, come le fratture.
3. Le cellule staminali con etichetta magnetica possono essere trasmesse con precisione tramite il targeting magnetico esterno, consentendo una formazione ossea accelerata utilizzando un numero inferiore di cellule staminali.
4. Le cellule staminali embrionali possono essere utilizzate per la riparazione delle tendiniti, evitando le cicatrici osservate con la riparazione chirurgica delle lesioni della cuffia dei rotatori, per esempio.
5. Il farmaco che riduce il colesterolo, lovastatina (Mevacor), può essere iniettato in un'area di frattura ossea, accelerando la riparazione dell'osso fratturato.
6. I nanotubi possono essere iniettati come un liquido, che poi si solidificano in un gel viscoso, consentendo un aumento dell'adesione delle cellule staminali e la successiva crescita più robusta di nuovo tessuto osseo o cartilagineo.

Ovviamente, ogni volta che si parla di cellule staminali e di crescita di nuovi tessuti, bisogna anche preoccuparsi del rischio di tumori. Ma i ricercatori hanno scoperto sostanze biochimiche che possono essere aggiunte al "brodo" in cui crescono le cellule staminali, inibendo il comportamento tumorale.

Ahimè, gli esempi di scoperte citate sopra sono il risultato del lavoro svolto su modelli animali, ma gli studi sull'uomo sono dietro l'angolo. E credo davvero che arriverà il giorno in cui non dovremo stare a guardare e vedere la cartilagine degenerata al punto in cui una persona ha bisogno di un'anca artificiale o di un ginocchio artificiale – supponendo che siano anche abbastanza in salute per tale chirurgia. Arriverà un giorno in cui saremo in grado di iniettare nuove cellule congiunte che faranno crescere nuova cartilagine o nuovi tendini o nuovi legamenti.

Nel frattempo, quelli di noi con dolori e dolori hanno ancora una piastra elettrica e Tylenol.

Solutions Collecting From Web of "Rigenerazione e rinnovamento in Big Easy"