Riflessioni sulla seconda Conferenza mondiale sull'educazione artistica dell'UNESCO, Seoul, Corea

Ricorderemo sempre la 2 ° Conferenza mondiale sull'educazione artistica tenuta a Seoul, in Corea, come un'esperienza meravigliosa e stimolante, sia a livello professionale che personale. È stato un grande privilegio per noi partecipare a un evento così dinamico e lungimirante e incontrare i leader dell'educazione artistica di tutto il mondo. Ed è stata una tale gioia ascoltare, vedere, annusare, assaggiare e altrimenti esplorare le arti e le arti coreane. Non possiamo dire abbastanza per lodare sia l'organizzazione ospitante che la nazione ospitante per aver organizzato un evento eccezionale.

L'obiettivo dichiarato della conferenza era di basarsi sul lavoro della Prima Conferenza mondiale sull'educazione artistica (Lisbona, 2006) e in particolare sul suo principale risultato, la Road Map for Arts Education. Questa road map consigliava ai paesi membri dell'UNESCO di esplorare due temi intrecciati che divennero il tema centrale della 2a Conferenza Mondiale a cui partecipammo: "Arts for Society, Education for Creativity". La conferenza sviluppò diversi obiettivi dell'UNESCO. Uno era l'Appello internazionale per la promozione dell'educazione artistica e della creatività a scuola, approvato dalla Conferenza Generale dell'UNESCO nel 1999. Un secondo era di esplorare la pace mondiale attraverso le arti come parte dell'Anno internazionale 2010 per il riavvicinamento delle culture.

Oltre 2000 funzionari statali, studiosi, artisti e attivisti hanno partecipato alla Conferenza dell'UNESCO, provenienti da 129 (su 193) paesi membri. Coloro con cui abbiamo parlato e ascoltato tutti concordano sul fatto che l'educazione artistica è assediata in tutto il mondo, il suo valore frainteso o del tutto negato. Come cambiare questa situazione e quali idee e prove da attuare nel fare ciò, tuttavia, hanno generato molte risposte diverse. Dal momento che le diverse nazioni affrontano sfide diverse, il sostegno e il sostegno delle arti attraverso l'educazione artistica implica necessariamente molte preoccupazioni e obiettivi diversi.

Come abbiamo assorbito scopi e punti di vista, ci siamo resi conto che le conversazioni avvenivano a due diversi livelli di discorso. C'erano le questioni nominali della conferenza, esplicitamente trattate nei colloqui e nei gruppi di discussione, e c'erano le questioni sub-rosa, implicitamente espresse nelle ipotesi e nelle attitudini dei partecipanti. Ciò che è stato detto e ciò che è rimasto non detto ha formato lacune intellettuali che riflettono altre lacune, reali e percepite, tra nazioni sviluppate e sviluppate; tra culture tradizionali e globali; tra l'arte, da un lato, e la scienza e la tecnologia, dall'altro.

In larga misura, i partecipanti hanno affrontato uno dei tre punti seguenti: l'uso dell'educazione artistica per preservare le culture tradizionali ed etniche e promuovere l'apprezzamento globale della loro diversità globale; l'uso dell'educazione artistica per guarire le comunità in crisi e promuovere il multiculturalismo socio-politico; e l'uso dell'educazione artistica per promuovere la creatività per i bisogni del 21 ° secolo. Pochissimi oratori o pannelli hanno tentato di cimentarsi con tutti e tre i problemi o sondare le loro intersezioni. Eravamo tra loro. Francamente non ci aspettavamo o non avevamo compreso la profondità della frammentazione che osservavamo e non abbiamo affrontato adeguatamente il problema nel nostro discorso introduttivo di apertura. Abbiamo la possibilità ora, in questo post e in seguito, di dare un'occhiata più da vicino a alcuni di questi vuoti involontari e silenzi.

The Seoul Conference trained a spotlight on the traditional arts of Korea.

La conferenza di Seoul ha focalizzato l'attenzione sulle arti tradizionali coreane.

Vedremo prima il divario tra il primo e l'ultimo numero, tra tradizione da una parte e innovazione, dall'altra. Per molti oratori e molti partecipanti, forse la maggior parte, l'educazione artistica è stata intesa come un mezzo primario per preservare le culture indigene o tradizionali e per proteggerle da un assalto di omogeneizzazione culturale portato avanti da giganti dei media, spesso americani, che stanno travolgendo il mondo con un particolare concetto occidentalizzato di ciò che le arti sono e quali funzioni sociali dovrebbero svolgere. Lee Dae-young, presidente della Corea Arts and Culture Education Service ha fatto questo punto per la sua nazione e per molti altri quando ha detto: "La Corea deve continuare a lavorare per riportare il suo spirito perduto di cultura e arte che sono scomparsi temporaneamente durante il era di industrializzazione, democrazia e IT [tecnologia dell'informazione] "(Kim Hee-sung).

Apprezziamo e valutiamo questo ruolo per l'educazione artistica, e non solo per la conservazione di modi unici di essere nel mondo. Per la nostra mente, la conservazione delle culture tradizionali in realtà si interseca con l'educazione artistica come mezzo per promuovere la creatività. Considera che la cultura globale proposta dall'Occidente è altamente commerciale e consumistica, in contrasto con la natura altamente partecipativa della maggior parte delle arti indigene. Questo è un punto molto importante per noi, perché coloro che fanno le proprie arti, come fa la maggior parte delle persone nelle società tradizionali, sono intrinsecamente non solo creando la propria cultura, ma imparando e partecipando al processo creativo su base giornaliera. Le arti di consumo, al contrario, collocano questo tipo di creatività quotidiana nelle mani di pochi individui d'élite al lavoro con le corporazioni, che poi vendono quelle arti al resto della società. Il risultato, sfortunatamente, è che coloro che consumano la cultura senza partecipare alla sua creazione diventano divorziati dalla comprensione del processo creativo.

Per noi, quindi, le arti partecipative e la comprensione del processo creativo vanno di pari passo, e dove l'arte non diventa nient'altro che un prodotto di consumo, perde non solo il suo valore intrinseco, ma anche le capacità creative e creative che guidano l'innovazione dentro e oltre il arti. In paesi come la Corea, dove la "creatività" è vista come la chiave per guidare l'economia, crediamo che le arti tradizionali nell'ambito dell'educazione artistica possano benissimo svolgere un ruolo vitale mantenendo e sviluppando quella immaginazione molteplice.

Reconciling the past, present and future through arts, a UNESCO poster.

Conciliare il passato, il presente e il futuro attraverso le arti, un manifesto dell'UNESCO.

Dopotutto, come quasi tutti alla conferenza concordavano, l'educazione artistica implica intrinsecamente il dialogo tra vecchio e nuovo. In questo spirito di dialogo, non vediamo l'ora di approfondire ulteriormente la questione, sollevando un piccolo interrogativo sollevato dalla conferenza: la tradizione e l'innovazione possono coesistere, ma in realtà sinergizzare per produrre significativi progressi culturali ed economici? Per essere continuato nel nostro prossimo post.

© 2010 Michele e Robert Root-Bernstein

Riferimenti

Kim Hee-sung, Seoul Agenda assicura un futuro migliore per l'educazione artistica. Korea.net. @ http://www.korea.net/detail.do?guid=47172

Solutions Collecting From Web of "Riflessioni sulla seconda Conferenza mondiale sull'educazione artistica dell'UNESCO, Seoul, Corea"