Riflessioni sulla maestria terapeutica, parte 1

Q. Che cosa fai (o chi sei) che ritieni sia più importante nel contribuire alla tua efficacia come terapeuta esperto, cioè un professionista che produce risultati sempre buoni e si sente ragionevolmente sicuro del tuo lavoro?

A. Domanda molto difficile, ma mi permetto che abbia molto a che fare con l'aver "sistemato" molto nella mia vita attraverso le mie terapie approfondite. Ero in psicanalisi all'età di 5 anni dopo la tumultuosa morte di mio fratello di sette anni, e mi trovavo in un'analisi esistenziale cruciale (con un terapeuta esistenziale orientato alla psicoanalisi) verso le 22, quando ho iniziato i miei studi universitari. Guardando indietro, considero entrambe le terapie come salvavita in qualche modo; il primo perché era una connessione chiave di stabilità (presenza "solida come una roccia") che in quel periodo era molto comprensibile nella mia giovane vita. Sono sicuro di aver interiorizzato questa relazione sensibile ma profonda e di sostegno che successivamente mi ha aiutato a far fronte semplicemente, e poi alcuni anni dopo, in realtà mi ha permesso di diventare eccitato, facendolo con le domande più importanti della vita. Mi sono trasferito da una posizione di abietto terrore a uno di intrigo graduale e persino a meravigliarsi verso il mondo (non perdendo mai completamente, naturalmente, il riconoscimento umiliante del tragico). Questo si è manifestato nel mio crescente fascino per la fantascienza, il gioco creativo e una crescente capacità di amare.

Al momento della mia seconda terapia critica a 22 anni, avevo appena sofferto una sorta di esaurimento nervoso (provocato da diversi fattori di stress, la maggior parte di essere lontano da casa in un contesto molto insolito e impegnativo e di fronte a decisioni importanti sulla vita) . Ero in un modo piuttosto brutto (abbastanza regredito davvero) – avendo sperimentato grandi terrori notturni, tremori mattutini, e la paura che stavo diventando psicotico (in realtà avevo esperienza di pensieri spaventosi e intrusivi e di illusioni percettive, ma fortunatamente avevo dovrei capire che stavo vivendo queste cose). Anche questa seconda terapia importante ha cambiato la vita e la qualità più importante che mi ha insegnato è stata "stare con me stesso", non importa quanto spaventose siano le paure. Ciò naturalmente ha richiesto un periodo di tempo prolungato, ma mi ha insegnato moltissimo sul potere della presenza di guarire, sia dal punto di vista del mio terapeuta sia da ciò che ho imparato a mobilitare all'interno.

Voglio accoppiare queste osservazioni di cui sopra con il punto correlativo che ho avuto meravigliosi mentori nella mia carriera professionale. Rollo May è stato il mio mentore filosofico-spirituale che mi ha anche invitato a scrivere un libro con lui ("The Psychology of Existence") *, e Jim Bugental e sua moglie Elizabeth sono stati i miei principali mentori clinici, dato che ho trascorso 3 anni con loro supervisori. Non posso davvero sottovalutare il ruolo che questi (e alcuni altri mentori come Bob Masek, Don Rice e Stanley Krippner presso l'Università della West Georgia e la Saybrook University rispettivamente) hanno svolto nella mia vita. In particolare, Jim e Rollo mi hanno aiutato a sviluppare gli strumenti per organizzare il mio pensiero sulla terapia in un modo che è stato estremamente prezioso sia per il mio sviluppo professionale come scrittore e insegnante, sia per il mio sviluppo pratico come clinico. Quindi l'acquisizione di un mentore e un confidente di qualità è anche la chiave per prendere la materia prima della terapia personale e portarla in una carriera terapeutica vitale e coesa.

Sono state queste scoperte sull'esplorazione e sulla presenza che ritengo essenziali per chi sono diventato sia come persona che come professionista, e credo che siano l'essenza di ciò che offro ai clienti. Come i terapeuti con cui ho avuto la fortuna di connettermi, credo che i miei clienti sentano di potermi relazionare con loro in un modo profondo e non verbalizzabile, e che in qualche modo la mia "sopravvivenza" è una base chiave per la possibilità che anche loro possano sopravvivere, o addirittura prosperare ad un certo punto dal loro calvario. Questi risultati spiegano anche la mia risonanza con la ricerca sui "fattori contestuali" che è così importante nella letteratura sull'esito della psicoterapia. Ho inquadrato questa ricerca in termini di potere della presenza per dare ai clienti la sensazione di essere capiti a un livello profondo, di essere supportati e sintonizzati, e di avere speranza, al di là di ogni malattia personale e culturalmente definita.

Oltre a questi fattori, mi è stato anche detto che la mia gentile e rispettosa disposizione, la mia voce rassicurante e il mio apprezzamento per le vite interiori nascoste o vergognose dei clienti sono significative per la loro volontà e capacità di guarire (che è diventata più integrata dentro di loro) .

Questa serie di interviste continuerà nel mio prossimo post sul blog.

Kirk Schneider

[L'intervista che precede è in parte estratta da ed elaborata in Kottler, J. & Carlson, J. Sull'essere un terapeuta esperto: Praticare ciò che predichi, Wiley, 2014. Vedi http://www.wiley.com/WileyCDA/WileyTitle /productCd-1118225813.html]

* Psicologia dell'esistenza: http://www.amazon.com/Psychology-Existence-Kirk-Schneider/dp/0697809625/ref=sr_1_1_twi_2?s=books&ie=UTF8&qid=1426285172&sr=1-1&keywords=psychology+of+existence

Solutions Collecting From Web of "Riflessioni sulla maestria terapeutica, parte 1"