Riflessione di sé: Ageism e il corpo

Non vedo l'ora di partecipare al matrimonio di mio nipote questo fine settimana. I matrimoni sono occasioni che riuniscono familiari e amici. Non vedo l'ora di vedere tutti. Le riunioni possono anche essere stressanti. Mi trovo preoccupato per come guarderò e cosa indosserò. Avendo raggiunto lo status di "una donna di una certa età", sono preoccupato per il mio corpo che invecchia.

Il corpo è un simbolo fondamentale dell'identità di una persona. La magrezza e la giovinezza sono associate all'attrattività, al successo, all'autodisciplina e all'autocontrollo. Il corpo ideale è sfuggente a qualsiasi età; l'invecchiamento ci allontana ulteriormente da esso. Le immagini in film, televisione, riviste e persino libri ritraggono raramente le donne anziane in modo positivo. Si prevede che Penelope Cruz interpreti l'interesse amoroso di James Bond nel nuovo film di James Bond. Cruz avrà 40 anni quando inizieranno le riprese, un'età in cui gli attori femminili spesso non sono più considerati adatti per simili controparti maschili di età avanzata. Con alcune eccezioni degne di nota, le donne di una certa età sono limitate ai ruoli di mentore, madre o sorella. C'è stata poca discussione sull'età di Craig come una guida romantica; ha 45 anni. Non c'era discussione quando Roger Moore aveva 28 anni in più di Tanya Roberts in A View To Kill . Questo scenario di età è tipico dei film di Hollywood e dei programmi televisivi popolari, in particolare Modern Family , in cui Sofia Vergara, 40 anni, interpreta la moglie molto più giovane di Ed O'Neil, 67 anni.

Dato questo contesto culturale, i risultati di un recente sondaggio pubblicato nell'edizione del 20 marzo di The NY Daily News non sono sorprendenti. Quell'indagine, che era basata su un sondaggio nazionale di 2000 adulti statunitensi, ha rilevato che quasi il 90% delle persone pensa che le donne siano sottoposte a una pressione maggiore rispetto a quella degli uomini per sembrare più giovani. Gli intervistati hanno suggerito che gli uomini raggiungono lo status di "vecchi" circa cinque anni più tardi rispetto alle donne. Non sorprende che le donne tendano a interiorizzare le visioni negative dell'invecchiamento; un processo psicologico che rafforza la paura dell'invecchiamento e rafforza la conformità agli stereotipi dell'età negativa. La comprensione contemporanea dell'età si riferisce all'età cronologica di una persona. L'età soggettiva, al contrario, è una valutazione più completa basata su quanto "vecchio" percepisci di essere te stesso.

Mio padre era nato in Medio Oriente, dove i registri delle nascite erano a volte imprecisi. Né lui né le sue sorelle conoscevano la loro età esatta. Sono stati alleggeriti da famosi compleanni come 40, 50, 60, 80, 100, punti di svolta che spesso ci spaventano. Volte in cui siamo costretti a notare il passare del tempo; chiedersi come possiamo aver vissuto così a lungo; che ci portano a riflettere su quanto bene abbiamo vissuto; tempi in cui ci facciamo strada verso i nostri riflessi allo specchio. Indipendentemente dalla nostra posizione sul sentiero della vita, dobbiamo negoziare le nostre identità attraverso i nostri corpi. La natura e la biologia hanno stabilito i confini del corpo. Le norme ei valori sociali continueranno a stabilire i confini della nostra autovalutazione. I nostri corpi, dopo tutto, ci connettono al mondo. Il benessere e la dignità del sé vengono sperimentati prima attraverso il corpo. Rifletto su questi pensieri al matrimonio di mio nipote questo fine settimana mentre mi infilo nel nuovo costoso abito che ho acquistato al Nordstrom's per l'occasione.

Solutions Collecting From Web of "Riflessione di sé: Ageism e il corpo"