Ridimensionamento degli allegati alle preferenze

Kristen: Sin da quando ero una bambina, la mia immagine fantastica di una famiglia felice ha incluso una grande casa bellissima con un grande giardino e un cane, un laboratorio. Le immagini nella mia mente erano vivide e i miei attaccamenti a loro erano molto forti. Quando ho sposato Joel, era un mago del computer, ed era molto in forma finanziaria. Non faceva male che fosse intelligente e di bell'aspetto e che entrambi fossimo innamorati. Quindi per un po ', la mia vita reale ha abbinato la mia amata immagine. Tutto è andato bene per diversi anni, almeno per i bambini e me. Credevo che sarebbe andata avanti così per sempre, che avremmo sempre avuto una vita comoda e che sarei stato ben curato. Poi l'intera immagine è andata in frantumi.

Joel: Per anni, la mia vera passione sono state le mie opere d'arte, ma non mi fido di me stesso per vivere con quei talenti. Così ho optato per una carriera che mi sentivo sicura di fornire in modo adeguato alle necessità materiali della nostra famiglia. Dopo quasi dieci anni di guadagno, ma non così silenziosamente sentendomi profondamente insoddisfatto nel mio lavoro, alla fine ho detto a Kristen che il mio lavoro era vuoto e noioso per me ed era stato per un po 'di tempo. Le ho detto che non ne potevo più e che dovevo lasciare il mio campo. Inizialmente era spaventata dal fatto che la nostra vita perfetta sarebbe stata messa a repentaglio e si rifiutò di sostenere il mio piano. Mi sentivo come se avessi fatto sacrifici per anni sostenendo la sua visione di una vita ideale e che era il suo turno di sostenermi nell'andare dietro ai miei sogni. Per un po 'ci fu molta tensione e discussioni tra di noi perché non riuscivamo ad entrare nella stessa pagina. Di solito sono piuttosto disinvolto sulla maggior parte delle cose, ma su questo non potrei arrendermi. Kristin ha finalmente ricevuto il messaggio e, a malincuore, ha accettato di sostenere l'idea delle mie carriere che cambiano a condizione che, se le cose non funzionassero, avremmo riconsiderato la decisione. Dopo aver fatto la mossa, abbiamo sofferto un netto calo del nostro status economico. Dovevamo vendere la nostra grande casa e mettere i bambini nella scuola pubblica. Era decisamente un aggiustamento.

Kristen: Per molto tempo dopo che Joel lasciò la compagnia, il suo ex manager cercò di convincerlo a ricominciare con il lavoro a contratto per sviluppare progetti a breve termine. Ogni volta che gli veniva offerto un pacchetto, mi sarei fiducioso che lo avrebbe accettato, perché il vecchio lavoro era così redditizio. Mi è piaciuta l'idea che saremmo tornati alla vita che prima avevamo goduto. Allora, pensavo che la mia sfida fosse adattarsi a vivere con un budget più piccolo, con una casa più piccola. Ma in realtà era molto più grande di quello. Si trattava più di adattarsi a una nuova vita piuttosto che di apportare alcuni cambiamenti nel nostro stile di vita. Questo periodo di tempo è stato doloroso perché avevo ancora difficoltà ad accettare la realtà di ciò che era diventata la mia situazione.

Joel: per me è stata una questione di integrità. Ho sentito di aver compromesso i miei valori durante gli anni in cui ho lavorato nel settore informatico. Sapevo che avevo davvero finito con quel capitolo della mia vita. La quantità di lavoro part-time che avevo raccolto facendo opere d'arte freelance stava aumentando ed ero chiaro che non c'era ritorno per me.

Kristen: Una volta ho visto quanto fosse chiara Joel riguardo alle cose, ho capito che qualcosa doveva dare qualcosa. Ho visto che il mio attaccamento a come dovevano apparire le cose era in realtà parte del problema e che avrei dovuto abbandonare la mia presa bianca sulla mia aspettativa che saremmo presto tornati ai "bei vecchi tempi" . A quel punto è diventato chiaro che non saremmo stati in grado di farlo anche con uno stile di vita ridimensionato a meno che non ci fossero più entrate e per la prima volta da quando avevamo figli, sono andato a lavorare, prima a tempo parziale, poi a tempo pieno tempo. Non l'ho fatto solo perché volevo una vita comoda, ma perché potevo vedere quanto significasse per Joel avere la libertà di perseguire la sua passione. Volevo quello per lui tanto quanto quello che volevo per me stesso.

Joel era consapevole che stavo liberando la mia presa su quello che volevo che fosse la mia vita, ed era incredibilmente grato che stavo facendo il "sacrificio" per tornare al lavoro. In realtà sembrava più un beneficio che un sacrificio. Rientrare nel gruppo di lavoro mi ha dato un senso di scopo e valore che mi mancava dopo tanti anni di essere una mamma casalinga. Non rimpiango affatto il tempo trascorso a casa con i bambini. Erano anni preziosi e non li cambierei per il mondo, ma non so che avrei fatto il cambiamento quando l'avessi fatto, se mai, se Joel non avesse preso la posizione che aveva preso. Mi ha sostenuto incredibilmente e ha sempre incoraggiato il mio successo professionale. Nel corso del tempo, il mio attaccamento a prendermi cura di finanziariamente è diventato una leggera preferenza, soprattutto perché ho fiducia nell'esperienza, che possiamo vivere molto meno di quanto pensassi e che anch'io posso dare un contributo significativo alle finanze della nostra famiglia esigenze. Il vantaggio è ovviamente traboccato sui ragazzi che stanno prosperando con il tempo e l'attenzione che il loro padre fornisce ora che non è più al comando e al richiamo di un datore di lavoro.

Joel: Kristen e io siamo molto più vicini di quando eravamo in quei giorni in cui lavoravo nell'industria dei computer. Ho un enorme debito di gratitudine nei suoi confronti per essermi fermato lì dentro con me mentre facevamo i grandi cambiamenti della mia vita che hanno accompagnato il mio cambiamento di carriera. Ci sono stati sicuramente dei momenti difficili che abbiamo dovuto attraversare, ma la buona volontà che avevamo accumulato negli anni precedenti del nostro matrimonio ci ha permesso di superare i tempi difficili. Sono orgoglioso di lei per ciò che ha realizzato professionalmente, e siamo entrambi certi che la ricchezza della nostra vita familiare è stata migliorata dai rischi che abbiamo assunto.

Quando le situazioni di vita reale delle nostre relazioni non corrispondono alle nostre foto care, potremmo pensare che la relazione non funzioni. Quello che è più probabile che sia il caso è che il modello da cui stiamo operando non è più appropriato per le esigenze emergenti di uno o entrambi i partner nella relazione. L'unica costante nella vita è il cambiamento, e quando ci sentiamo troppo attaccati al modo in cui pensiamo che le cose debbano essere, è probabile che ci sia un po 'di spinta dai nostri sforzi per mantenere un sistema il cui tempo è arrivato a cambiare. Tutte le relazioni passano attraverso molte forme e strutture nella loro vita, quindi è meglio non essere troppo attaccati a nessuno di loro poiché a un certo punto anche questo passerà.

Le cose cambiano nel tempo. Non possiamo mettere la nostra relazione in una scatola e aspettarci che rimanga come è stata. La vita è piena di sorprese. Le grandi relazioni ci impongono di conoscere, accettare e rispettarci l'un l'altro senza giudicare o costringere il nostro partner ad adottare i nostri modi di essere preferiti, pur continuando a onorare la nostra integrità. Questa non è una sfida facile da soddisfare, ma è fattibile quando entrambi i partner condividono un impegno per la relazione che sovrascrive le loro preferenze personali. Ironia della sorte, quando questo spirito di buona volontà è reciproco, raramente si sente o partner che stanno sacrificando tutto ciò di cui hanno veramente bisogno.

Non puoi sempre ottenere quello che vuoi, e non è necessariamente una brutta cosa.

Solutions Collecting From Web of "Ridimensionamento degli allegati alle preferenze"