Ridding Happiness Contaminants 9: Addictions and Compulsions

Snapwire Snaps/Pixabay
Fonte: Snapwire Snaps / Pixabay

Nel mio ultimo blog, ho distinto tra una dipendenza e una compulsione. Quando una persona ha una dipendenza, il corpo di quella persona brama alcune sostanze in modo tale che esista una dipendenza fisica; senza la sostanza, si sviluppano sintomi di astinenza che possono essere molto dolorosi. Con una compulsione, non c'è dipendenza fisica, ma con un forte desiderio psicologico di una certa sostanza (ad esempio, alcol, cocaina, marijuana) o attività (es. Gioco d'azzardo, binge eating, shopping) che una persona si sente obbligata a soddisfare. Quando viene negato l'oggetto compulsivo, questa persona sperimenterà un tale dolore emotivo come ansia o panico, ma nessun dolore fisico.

Se un individuo possiede una dipendenza o una compulsione, esiste quasi sempre una profonda paura di sperimentare il dolore che deriva dall'essere negato la sostanza o l'attività. Penso alla Sarah di quarantatré anni, dipendente fisicamente e psicologicamente costretta a consumare alcolici. Non volendo mantenere la sobrietà anche per un giorno, mi disse: "Farò qualsiasi cosa per evitare di passare attraverso l'agonia del ritiro". Poi c'è Gary, trentasettenne, che ha dichiarato: "L'idea di affrontare la vita cruda , avendo la mia ansia senza l'effetto calmante della mia marijuana, mi spaventa più di quanto possa dire. "

La paura di provare il dolore fisico e / o emotivo di rinunciare alla sostanza o all'attività che crea dipendenza o compulsivo può costituire una barriera al recupero. Ho scoperto che senza superare questa barriera, la ripresa è quasi impossibile. Quindi, attraverso il caso di studio di Bob, che ho citato brevemente nel mio blog introduttivo del 1 ° giugno 2016 sulla liberazione del comportamento di dipendenza, condividerò con voi i primi passi necessari sulla strada della ripresa. Se vuoi liberarti da una dipendenza o da una compulsione, sarai saggio a padroneggiare queste strategie come ha fatto Bob, forse con il supporto di un consulente esperto di dipendenza e / o terapeuta del comportamento cognitivo.

Il caso di Bob

Bob, un bambino di ventiquattro anni, venne nel mio ufficio e buttò giù il mio corpo di sei pollici e mezzo centoventi chili sul mio divano. Bionda, bella e robusta, sembrava che avrebbe potuto essere un lineback star nella sua squadra di football del college.

Ma la sua storia era tutt'altro che affascinante o gloriosa. Mi ha raccontato di un insuccesso della vita dopo l'altro, tutto a causa della sua dipendenza dalla cocaina. Abbandonò il college, non una ma due volte, non riuscì a qualificarsi per il servizio militare, perse una fidanzata che amava profondamente, non riuscì a tenere un lavoro, e fu recentemente minacciato dai suoi genitori di essere buttato fuori dalla loro casa. Quando l'ho visto per la prima volta, non aveva ancora rinunciato alla cocaina attraverso l'aiuto competente di tre psicoterapisti ambulatoriali e due programmi di ricovero per trenta giorni.

Sapevo di avere una bella sfida davanti a me. Mentre la guarigione di Bob era sulle sue spalle, non mia, sapevo che dovevo in qualche modo aiutarlo a trovare la motivazione e lo scopo di realizzare in qualche modo ciò che precedentemente aveva trovato impossibile – smettere di usare cocaina, pura e semplice.

Ecco cosa ho fatto per aiutare Bob a iniziare a smettere di usare la cocaina. Qualunque sia la tua dipendenza o compulsione, ti esorto a fare ciò che ha fatto Bob. Ci è riuscito e puoi farlo anche tu. Ma solo se si padroneggia le strategie di avvio descritte di seguito. Se lo fai, puoi, come ha fatto Bob, iniziare a essere fermato.

Strategia uno: analisi costi-benefici, supersized. Alla fine della sua prima sessione di terapia, ho dato a Bob l'incarico di compilare un elenco completo di tutti i vantaggi / i piaceri e tutti i costi / i dolori del fare e non fare la cocaina. Gli feci notare che la sua guarigione dipendeva assolutamente da questo incarico e lo esortai a consultarsi con chiunque volesse completare una lista il più completa possibile.

Figura 1

Bob's Pleasure / Pain Analysis

Fare la cocaina

Vantaggi / costi / dolori di piacere

• Incredibile sensazione di benessere • Non sarà mai pari a nulla

• Le donne mi cercano • I genitori mi rinnegheranno

• Il brivido della partitura • Nessuna donna decente mi vorrebbe

• Smorza il mio dolore • Perdere il rispetto di me stesso

• Parte del mio social network • Opportunità perse per la vicinanza

Non fare cocaina

Vantaggi / costi / dolori di piacere

• Potenziale per una vita fantastica • Viso senza stampelle

• Risparmia tonnellate di denaro • Perdita di alcuni amici

• Mantenere l'amore / lealtà della famiglia • Perdita di cocaina elevata

• Non devi mai nascondere o fingere • Perdita di brivido del punteggio

• Non guardare mai oltre la mia spalla • Nessun portello di fuga

Con le dita incrociate, ho atteso con ansia quello che Bob ha portato alla nostra prossima sessione. Non ero deluso. Ha prodotto un elenco profondo di vantaggi e costi, come illustrato nella Figura 1.

Poi arrivò il momento della verità. Con tutta la gravità che potevo raccogliere, chiesi a Bob se, quando pensava di fare cocaina, pensava ai piaceri o ai dolori. "I piaceri, ovviamente", ha risposto senza esitazione. Invertendo la domanda, gli chiesi allora, quando pensava di non fare cocaina, pensava ai dolori o ai piaceri. "I dolori" gli uscirono immediatamente dalla bocca.

"Ecco qua", gli dissi, con tutta la mia forza, con gli occhi fissi su di lui. "Non smetteresti mai di usarlo finché lascerai che il piacere e il dolore ti facciano così. Si associa così tanto piacere all'utilizzo di cocaina e tanto dolore a non usarlo che tutte le motivazioni sono dietro l'uso e nessuno dietro a non usare ".

"Wow!" Disse, prendendolo completamente.

"Chiaramente, Bob," dissi, "devi invertire la tua associazione dolore-piacere collegando intimamente il dolore con la cocaina e il piacere di non farlo. Altrimenti, la tua oca è cotta ".

Durante il resto di questa prima sessione, Bob e io abbiamo sviluppato strategie per lui da usare per sfruttare il piacere e il dolore al servizio del non fare cocaina. Venne fuori con due idee pratiche, entrambe le quali utilizzavano una scheda 4 x 6 pollici, il profondo dolore di fare cocaina battuta su un lato, e il profondo piacere di non fare cocaina sull'altro. Una strategia consisteva nel meditare sei volte al giorno, cinque minuti alla volta, sul contenuto di entrambi i lati della carta. La seconda strategia era quella di riferirsi a questa carta ogni volta che si sentiva tentato di usare la cocaina.

Ci separammo da me per sfidare Bob ad astenersi dalla cocaina fino al nostro prossimo appuntamento, una settimana di riposo. Si è impegnato a farlo.

Strategia due: rinunciare alla mentalità "I'm An Addict". So che questa è una blasfemia per attaccare i devoti di dodici passi. Ma, mentre capisco che una tale auto-definizione può mantenere sempre vigile la tentazione della ricaduta, ho scoperto che definire se stessi come tossicodipendenti può avere ripercussioni deleterie sulla guarigione. Pertanto consiglio ai miei pazienti di rinunciare a questa auto etichettatura dispregiativa.

Torniamo a Bob. Quando gli chiesi come si sentisse quando pensava a se stesso come "un cocainomane", disse che si vergognava.

"Qual è l'impatto di provare vergogna per te?" Ho detto.

"Mi spinge a non voler pensare a nessuna di queste cose, per evitarlo," disse. "Chi vuole pensare a se stesso come un tossicodipendente?

"Allora, cosa fa l'etichetta per la tua sicurezza di essere in grado di prendere l'abitudine?"

"Lo uccide", disse, con meraviglia nei suoi occhi. "È incredibile, non mi sono mai veramente reso conto di non avere la sicurezza di poter battere la cocaina. Sei la prima persona a indicarmelo. "

"Beh, sì," dissi, "perché, dopo tutto, come potrebbe non usare un tossicodipendente quando pensa a se stesso come un tossicodipendente. Destra?"

"Si."

"Beh, forse è meglio farti vedere quanto è illogico e falso che tu possa definirti un tossicodipendente. Hai una dipendenza, una malattia che ha un effetto dannatamente potente su di te, ma non sei un tossicodipendente. Non devi diventare un'altra persona, smetti solo di fare questa cosa stupida e autodistruttiva. Destra?"

"Giusto!" Disse.

Bob e io passammo il resto della sessione a distaccare chi era come persona da quello che faceva. Siamo andati oltre l'illogico: sei molto più di questa cosa che fai; tu sei il sé che fa ciò che fai, ma non sei nessuno o anche tutte le cose che fai; puoi accidenti a quello che fai, ma non devi mai dannarti; hai questa debolezza, ma non sei una persona debole.

Mentre lavoravo su entrambe le strategie di piacere-dolore e di auto-definizione, ho anche fortemente sollecitato Bob a cercare un sostegno immediato e massiccio. Questo ha fatto. Vedi sotto.

Strategia tre: ottieni un supporto massiccio. Ho detto nell'ultimo blog che anche il Lone Ranger aveva Tonto. Più supporto si ha, più è probabile che si possa evitare la tentazione. A tal fine, Bob ha iniziato a frequentare le riunioni di NA un minimo di tre volte a settimana e persino incoraggiato i suoi genitori a partecipare ad Al-Anon. Ha assicurato uno sponsor con il quale si incontrava settimanalmente. Ha continuato la sua psicoterapia con me in modo da poter correggere le variabili psicologiche che lo hanno costretto ad affrontare le sfide e le frustrazioni della sua vita in modo sano, invece del modo insalubre di usare la cocaina. Ha arruolato i suoi amici nel supportarlo. Ha trovato un lavoro.

Ero abbastanza soddisfatto degli sforzi di Bob per iniziare a fermarmi. A quel tempo non aveva usato la cocaina per tre settimane. Non vedevo l'ora di proseguire con il suo trattamento nella nostra prossima sessione. Il mio obiettivo sarebbe quello di aiutarlo a iniziare il lavoro di rimanere fermato. Queste strategie arrivano nel prossimo blog. Sintonizzarsi.

Andando avanti

Sia che tu lotti con qualche dipendenza o compulsione, o con qualche abitudine obbligatoria di cui dovresti sbarazzarti di più, puoi utilizzare le tre strategie per iniziare a smettere di essere illustrate attraverso il caso di Bob. Per favore fallo, anche se ti avverto che questo blog non può sostituire una terapia reale, diretta, onesta e di bontà con un professionista competente. Se lotti con una dipendenza o una compulsione, fai un favore a te stesso e protesta.

Fino al mio prossimo blog, ricorda che puoi contattarmi in qualsiasi momento. Con tutti i mezzi, vivi sano, felice e con passione.

Russell Grieger, Ph.D. è uno psicologo clinico autorizzato in uno studio privato a Charlottesville, in Virginia. L'autore di numerosi libri di auto-aiuto, tutti progettati per dare alle persone la possibilità di creare una vita che amano vivere, ti invita a dare un'occhiata al suo nuovo libro sulla felicità, The Couples Therapy Companion; Un manuale di comportamento cognitivo. È possibile contattare il Dr. Grieger per domande o ulteriori informazioni all'indirizzo grieger@cstone.net

Solutions Collecting From Web of "Ridding Happiness Contaminants 9: Addictions and Compulsions"