Ricordando l'Olocausto: un momento psicoanalitico

Il giorno della memoria dell'Olocausto mi è capitato su un mio scritto di molti anni fa, molto prima che questo blog esistesse. Ho deciso di condividerlo qui, poiché offre una finestra sul processo di analisi, sulla funzione dell'inconscio e sul modo in cui l'Olocausto può continuare a vivere nelle generazioni successive. Questo momento è stato un punto di svolta nella mia analisi. Negli anni successivi a questo evento, sono stato in grado di esplorare la storia della mia famiglia, di capire il suo impatto su di me e sui miei figli e di ascoltare la storia di mio padre direttamente da lui. È attraverso il racconto di storie, in un ambiente di sicurezza, che possiamo andare avanti nella crescita e nella guarigione.

Era presto una mattina d'estate. Guidai lungo la tranquilla strada di campagna, immersa nei miei pensieri, mentre aspettavo il mio appuntamento con il mio analista di 5 anni. Un membro dello staff di Austen Riggs, aveva rinviato il mio appuntamento regolare a quest'ora perché stava organizzando una conferenza. Avevamo discusso del cambiamento due giorni prima, a un appuntamento che era stato anche riprogrammato perché era assente per una settimana.

Ho scalato le scale fino al suo ufficio al secondo piano, già anticipando i sentimenti che avrei condiviso. La grande porta di legno spesso era chiusa. Erano le 7:31. Sentii dei passi sulle scale e fu di nuovo in grado di respirare, ma apparve uno sconosciuto. Ho bussato alla porta. Nessuna risposta. Ho aspettato qualche minuto e poi sono andato alla mia macchina per prendere il cellulare. "No, nessuno ha chiamato", mi ha detto mio marito. Guidai verso casa, certo che un destino terribile si era abbattuto sul mio analista. Mi ha chiamato alle 8 del mattino per dirmi che aveva dimenticato l'appuntamento.

Alla nostra prossima sessione, mi disse che la mattina dell'appuntamento dimenticato, era nervoso e preoccupato per i pensieri su un'intervista che avrebbe condotto quella mattina di fronte a un pubblico – la ragione del nostro cambiamento nei tempi degli appuntamenti – con un Sopravvissuto all'Olocausto che era stato nascosto da una famiglia olandese. Sebbene il mio analista abbia raramente condiviso qualsiasi informazione su di sé, ha condiviso queste informazioni con me perché pensava che "potrebbe essere correlato".

Mio padre, un ebreo tedesco, lasciò la Germania nel 1939, pochi giorni dopo il suo sedicesimo compleanno, per vivere con una famiglia a Minneapolis. I suoi genitori erano nel campo di concentramento Theresienstadt, e quando tornò in Germania come soldato americano alla fine della guerra, fu in grado di trovare e salvare i suoi genitori poco prima che scoppiasse un'epidemia di tifo. La maggior parte degli oltre 300 ebrei della sua città natale furono uccisi dai nazisti.

La settimana dell'appuntamento dimenticato, uno dei miei insegnanti al Berkshire Psychoanalytic Institute (dove studiavo come studioso) mi aveva detto che era appena tornata dall'incontro dell'Associazione Psicoanalitica Internazionale a Berlino. Sono stato in grado di mettere insieme queste informazioni con l'assenza del mio analista e confermare che era stato alla stessa conferenza. A lezione la prossima settimana questo insegnante ha parlato con noi della conferenza. Il titolo era "Ricordare, ripetere e lavorare attraverso in Psicoanalisi e Cultura oggi". Ha detto che era "il 60% di tedeschi ed ebrei" e "Iike 4 giorni di Yom Kippur".

Quindi l'appuntamento dimenticato era tra questi due eventi. Potrebbe essere correlato? Non so se il mio analista abbia altri pazienti i cui nonni erano in un campo di concentramento, e non so se ha dimenticato anche altri appuntamenti. Entrambe queste cose sono improbabili. Non ho spesso portato i miei sentimenti sull'Olocausto alla mia terapia. Nella mia famiglia, come nella famiglia di molti sopravvissuti, prevalgono gli atteggiamenti di cui queste cose sono troppo orribili per parlare e che dobbiamo concentrarci sul positivo.

Il mio analista ha un cognome tedesco. Credo che non sia ebreo, anche se non ne sono sicuro. Se non lo è, io suppongo che, proprio come vi è trasmissione inconscia di traumi nella mia famiglia, ci possa essere trasmissione inconscia di colpa nella sua famiglia. Come dimenticare che un appuntamento è un evento così inusuale per un analista esperto, l'evento richiede la ricerca di un significato. Per come la vedo io, per qualche ragione, non è stato in grado di pensare a me prima di intervistare un sopravvissuto all'Olocausto.

Interpretare il suo comportamento non è il punto focale della mia analisi e mi rendo conto che queste speculazioni potrebbero essere un tentativo di aggirare l'enorme danno dell'essere dimenticati. Possiamo e passeremo molte sessioni per affrontare questo problema, ma i fatti intorno all'oblio richiedono attenzione. Ho poche risposte, ma molte domande. Scrivo questo per vedere cosa si può imparare da questo evento. Due cose si distinguono. Primo, la giustapposizione di eventi conferma per me l'esistenza e il potere della più grande scoperta di Freud, l'inconscio. Secondo, gli orribili eventi dell'Olocausto vivono in questo paziente e analista, e nelle generazioni attuali e future, in modi che molti di noi non hanno ancora capito.

Solutions Collecting From Web of "Ricordando l'Olocausto: un momento psicoanalitico"