Riconoscere e trattare le malattie sessualmente trasmissibili

Se guardi attentamente, con molta attenzione, all'enorme espansione delle professioni di salute mentale e dell'industria farmaceutica "trattando" chimicamente i problemi con pensieri e sentimenti, vedrai presto che entrambi stanno trattando problemi nella maggior parte dei quali vivono. Non intendo sradicare la biologia o la genetica, ma intendo affermare che anche loro sono modificabili dalle influenze ambientali. La preponderanza dei problemi psicologici è causata dalla vita stessa. La vita, quella forza complessa, spesso imprevedibile e talvolta crudele che ci abita proprio come la abitiamo.

Nei miei molti anni da psicologo praticante, sono arrivato a pensare ai cosiddetti disordini come al contrario. Esse sono piuttosto ordinate di vivere in certe famiglie e all'interno di certi vincoli culturali.

Prendiamo ad esempio i cosiddetti "disordini alimentari" che emergono in culture di abbondanza che sono anche ossessionate dall'apparenza dei corpi. Le donne sviluppano anoressia e bulimia o qualche combinazione. Molti riportano anche la strategia di ingrassare dopo essere stati sessualmente aggrediti come protezione. Questo è un esempio che è una funzione di genere. Un altro, ugualmente una funzione del genere è la quantità sproporzionata di violenza perpetrata dagli uomini nelle società che definiscono la violenza come una caratteristica della mascolinità. Queste sono infatti forme tossiche di femminilità e mascolinità.

Il mio punto qui è di presentare queste malattie come quello che sono. Non malattie mentali. Nemmeno disturbi mentali. Sono malattie sessualmente trasmissibili, malattie trasmesse socialmente. Vedere chiaramente le loro fonti consente di applicare la stessa chiarezza di visione durante il trattamento. Cioè, il trattamento deve includere la portata più ampia, quella della società come entità. La società non è una cosa, ma crea un contesto complesso e sfaccettato, includendo genere, razza, etnia, classe e più aree di influenza su ciascun individuo di quanto possa elencare qui. Vedi il mio lavoro sulla Mappa della Mattering o sui blog futuri per maggiori dettagli. [1] [2] [3]

E vedi la malattia mentale per quello che è, una collezione di malattie sessualmente trasmissibili.

[1] Kaschak, E. La mappa di interesse: morphing e molteplicità. In Bruns, C. e Kaschak, E. (Eds.) Terapia femminista nel 21 ° secolo, Taylor e Francis, 2010.

[2] Kaschak, E. (2010). The Mattering Map: Immigrant Assessment and Treatment. Donne e terapia, 36: 3-4.

[3] Kaschak, E. (2013) The Mattering Map: Confluence and Influence, Psychology of Women Quarterly, 37: 4.

Solutions Collecting From Web of "Riconoscere e trattare le malattie sessualmente trasmissibili"