Richard Dawkins è davvero così ingenuo?

Di solito Richard Dawkins non mi sembra ingenuo, ma bisogna chiedersi quando Dawkins si abbandona al seguente tipo di scrittura sul suo argomento preferito in questi giorni, l'incompatibilità tra scienza e religione, sul suo sito web:

"Se hanno [ai creazionisti] stato detto che c'è un'incompatibilità tra religione ed evoluzione, beh, convinciamoli dell'evoluzione, e noi siamo lì! Perché, dopo tutto, abbiamo le prove. … sospetto che la maggior parte dei nostri lettori abituali qui concordino sul fatto che il ridicolo, di natura umoristica, rischia di essere più efficace del tipo di coccole e battute del capo che Jerry [Coyne] sta attaccando. Ultimamente ho iniziato a pensare che abbiamo bisogno di andare oltre: andare oltre il ridicolo umoristico, affinare le nostre barbe a un punto in cui fanno davvero male. … Si potrebbe dire che due possono giocare a quel gioco. Supponiamo che i religiosi inizino a trattarci con nudo disprezzo, come ci piacerebbe? Penso che la risposta sia che qui c'è una vera asimmetria. Abbiamo molto di più per essere sprezzanti! E siamo molto più bravi. Abbiamo dei portavoce arguti del calibro di Christopher Hitchens e Sam Harris. In confronto, chi ha le teste di fede? Ann Coulter è quasi il migliore. Non possiamo perdere! "

Oh veramente? C'è così tanto di sbagliato in queste poche frasi che potrebbe essere scritto un intero libro su di loro, ma dato che io non sono Stephen Gould (che era famoso per aver magicamente trasformato un breve saggio in un manoscritto di lunghezza del libro, a patto i giusti incentivi economici ), un post sul blog dovrà fare. Prima, però, un po 'di background. Dawkins sta commentando un recente saggio del biologo evoluzionista Jerry Coyne, che a sua volta criticava Eugenie Scott e il suo Centro nazionale per l'educazione scientifica. Mentre sia Dawkins che Coyne professano ammirazione e rispetto per Scott e la sua organizzazione (e anch'io, per la cronaca), sono turbati da quello che vedono come una posizione "accomodante" sulla questione della scienza e della religione.

Scott – che è ateo – ha ripetutamente affermato che non si può affermare che la scienza richiede l'ateismo perché l'ateismo è una posizione filosofica, non scientifica. Sfrutta la distinzione standard tra naturalismo filosofico e metodologico: se sei uno scienziato devi essere un naturalista metodologico (cioè assumere per scopi operativi che la natura e le leggi naturali siano tutto ciò che esiste); ma questo non ti obbliga alla posizione più forte del naturalismo filosofico (cioè, alla pretesa che non c'è davvero nulla al di fuori della natura e delle sue leggi). Anni fa, quando incontrai per la prima volta Genie Scott, avevo un problema simile a quello di Dawkins. Ho visto la distinzione come una scissione sofisticata, e le ho detto così (è stata mia ospite per uno degli eventi annuali del Darwin Day presso l'Università del Tennessee). Poi ho iniziato a frequentare corsi di filosofia, ho capito quello che stava dicendo e l'ho trovato inconfutabile. Le ho mandato una mail scusandosi per la mia precedente ottusità.

Detto questo, sia io che Genie riconosciamo che la scienza è uno degli argomenti più forti per il naturalismo filosofico, e sospetto che nel suo caso, come nel mio, una ragione abbastanza grande del perché siamo atei è a causa della nostra comprensione della scienza. Tuttavia, la distinzione filosofico / metodologica è sia filosoficamente valida che pragmaticamente utile, poiché non serve agli scopi né della scienza né dell'istruzione per alimentare un antagonismo tra una piccola minoranza di scienziati atei e il 90% della popolazione mondiale (quei contribuenti, sulla cui buona volontà dipende l'esistenza della scienza e gli stipendi della maggior parte di questi scienziati).

Jerry Coyne, tuttavia (con cui spesso non sono d'accordo, soprattutto su questioni scientifiche), ha un punto che Scott e NCSE dovrebbero affrontare: se il National Center for Science Education rivendica la neutralità rispetto al rapporto tra scienza e religione, allora perché – come osserva Coyne – elencano sul loro sito web (sotto "libri consigliati") una pletora di libri ovviamente di parte sull'argomento? Perché il NCSE si sente a suo agio nel sostenere gli scritti vacui (in quanto riguarda la presunta compatibilità tra scienza e religione) da scienziati filo-religiosi come Francis Collins, Ken Miller e Simon Conway Morris, per citarne alcuni? O questi libri dovrebbero essere ignorati, o l'NCSE dovrebbe anche raccomandare le opere (altrettanto discutibili) di Dawkins, Hitchens, Harris e così via. O la scienza non può né provare né confutare le divinità, o può, la distinzione filosofico / metodologica taglia in entrambe le direzioni. Genie, come va?

Ora torna a Dawkins. Come abbiamo visto, afferma che sarebbe meglio essere offensivi contro i religionisti, perché abbiamo le prove. Oh sì, e perché Christopher Hitchens è un retore migliore di Ann Coulter (anche se non sembra buono a metà, sfortunatamente). Quest'ultimo è certamente vero, ma scegliere Coulter è impilare il mazzo troppo ovviamente sul proprio lato. Il vero problema è che, passo dopo passo Dawkins, le prove non hanno nulla a che fare con questo, perché questo non è un dibattito scientifico. Guarda, anche la versione più oltraggiosa del giovane creazionismo della terra non può essere falsificata scientificamente. Voler provare? Considera quanto segue: se c'è una prova evidente del fatto che l'evoluzione si è verificata, dovrebbe essere la documentazione fossile impressionante e di tutto il mondo. Inoltre, usare la colonna geologica come un modo per datare eventi durante la storia della terra precede Darwin (cioè, è stato inventato dai creazionisti), e continuiamo a scoprire nuovi fossili intermedi che documentano ulteriormente l'evoluzione ogni anno.

Ma un fedele creazionista sosterrà (lo so per esperienza personale) che dio ha semplicemente orchestrato l'intera apparenza di fossili e forme intermedie per mettere alla prova la nostra fede. Per quanto sorprendente e priva di senso come questa "teoria" possa essere, rende il creazionista completamente e assolutamente impermeabile alle prove: più prove porti, più si sente convalidato nella sua fede, perché la fede è credenza indipendentemente o nonostante le prove. Ora Dawkins dirà che queste persone sono ignoranti irrazionali e certamente lo sono. Ma questo manca completamente il punto: l'umile creazionista ha appena dato al possente evoluzionista una lezione umiliante (se inconscia) in filosofia mostrando che le prove semplicemente non entrano nel dibattito. Se le prove sono fuori, allora siamo lasciati con la pura forza retorica. Ma anche lì gli atei sono facilmente inimmaginabili: nonostante Coulter, ci sono eserciti di predicatori qualificati professionalmente là fuori che brisceranno Hitchens – almeno agli occhi dei loro elettori – anche quando quest'ultimo è perfettamente sobrio. E la parola chiave importante qui è la "circoscrizione", dal momento che queste sono le stesse persone che si girano e eleggono un comitato educativo creazionista, causando infiniti grattacapi a Scott e ai collaboratori, mal di testa che non sono minimamente aiutati da atteggiamenti stile Dawkins.

E davvero, guarda la ricetta di Dawkins qui. Secondo lui dovremmo essere ancora più "sprezzanti" di quanto non lo siano i fanatici religiosi; dovremmo "ferire davvero" con le nostre "punte affilate"; noi "non possiamo perdere" perché la verità è chiaramente dalla nostra parte. Si ha quasi la sensazione che se Dawkins avesse a disposizione le risorse dell'Inquisizione, potrebbe semplicemente usarle in nome della Verità scientifica (a proposito, un ossimoro filosofico). Grazie per il disastro delle pubbliche relazioni, Dick!

Cosa dobbiamo fare, allora? In primo luogo, imparare una buona filosofia non farebbe del male a un po 'come Dawkins. In questo modo avrebbero finalmente compreso che la posizione di Genie non è solo una questione di pragmatismo, e non ha nulla a che fare con la codardia intellettuale. In secondo luogo, e ancora più importante, dobbiamo davvero rivolgerci alla psicologia e alla sociologia, le scienze che ci dicono come e quando le persone cambiano idea. Se vogliamo un cambiamento culturale, dobbiamo capire come cambiano le culture. E a proposito, ricordiamoci che gli scienziati non sono certamente immuni dallo stesso problema di andare in giro con una mente un po 'meno aperta di quanto si possa sperare. A Dawkins potrebbe piacere pensare che la scienza riguardi la libera inchiesta che porta inevitabilmente le persone ad accettare nuove scoperte e a rinunciare alle vecchie idee basate sul peso delle prove e della razionalità. Se è così, non pratica la scienza da un po '(anzi, non l'ha fatto). Come ha giustamente detto il fisico Max Plank: "Una nuova verità scientifica non trionfa convincendo i suoi avversari e facendoli vedere la luce, ma piuttosto perché i suoi avversari alla fine muoiono, e cresce una nuova generazione che gli è familiare." Analogamente al creazionismo Cambiare le menti è un lavoro capillare, in gran parte insignificante, che il Centro Nazionale di Educazione Scientifica svolge in modo superbo. Dawkins & co. dovrebbe semplicemente togliersi di mezzo e lasciare che facciano il loro lavoro.

[Nota: mi sono reso conto di questo ultimo gran clamore per nulla di dibattito attraverso un post abbastanza equilibrato di Paul Fidalgo al DC Secularism Examiner, dove troverete ulteriori citazioni dalle varie parti coinvolte.]

Solutions Collecting From Web of "Richard Dawkins è davvero così ingenuo?"