Ricerca soggettiva e oggettiva in psicologia positiva

Una critica alla ricerca sulla felicità è che spesso si basa su ciò che una persona dice della propria felicità. Chiamare una misura di felicità autoproclamata "benessere soggettivo" sembra non aiutare molto, perché il critico obietta "Non è così soggettivo?" La risposta è che, naturalmente, le autovalutazioni sono soggettive, il che significa che provengono da il punto di vista del rispondente. Ma il termine soggettivo trascina anche le connotazioni di capricciosità e arbitrarietà. Non importa che le misure di autovalutazione della felicità siano tanto affidabili e stabili nel tempo quanto la maggior parte delle altre misure delle caratteristiche psicologiche, e sicuramente più oggi al giorno d'oggi della media industriale Dow Jones o dell'equilibrio nei nostri portafogli di pensionamento.

Le accuse di soggettività – cioè la capricciosità – sono state messe a confronto con una grande quantità di ricerche psicologiche positive che usano il self-report per misurare non solo la felicità ma anche i punti di forza, il flusso, i valori, l'attaccamento sicuro e così via.

Sembra che siamo disposti ad accettare come valido ciò che le persone dicono sulle cose che sono sbagliate (compresi gli studi di ricerca). Con eccezioni come abuso di sostanze e disturbi alimentari, in cui la negazione può essere una parte del problema, il modo migliore per misurare il disturbo psicologico dipende dall'auto-referto, attraverso questionari o interviste. Perché non accertare cose che vanno nello stesso modo? Forse accettiamo le autoregolamentazioni sul negativo, ma non sul positivo perché nutriamo un dubbio fastidioso sul fatto che ciò che è buono, inclusa la felicità, non esiste realmente. Questo è il presupposto che la psicologia positiva ci spinga a rifiutare.

In questo contesto, uno studio recente merita un commento. Christopher Oveis e colleghi (2009) hanno pubblicato un documento con un titolo imponente: "L'aritmia del seno respiratorio a riposo è associata all'emotività positiva tonica". In inglese, il titolo promette al lettore la prova che una caratteristica biologica è legata al benessere, e quella promessa è mantenuta.

L'aritmia del seno respiratorio (RSA) riflette la regolazione neurale del pacemaker del cuore attraverso le fibre mielinizzate del cosiddetto vagino intelligente. La RSA viene valutata esaminando il grado di variabilità legata alla respirazione nella frequenza cardiaca. Nello studio di Oevis e colleghi, la RSA di 80 studenti universitari è stata misurata in un laboratorio con dispositivi elettrofisiologici appropriati. Un mese dopo, da sei a otto mesi più tardi, la maggior parte di questi studenti completò sondaggi di autovalutazione che misuravano caratteristiche psicologiche quali l'estroversione, la gradevolezza, il nevroticismo, gli stati d'animo positivi e negativi durevoli, l'ottimismo e il pessimismo.

Sono state trovate correlazioni statisticamente significative tra la misura RSA e le caratteristiche psicologiche che riflettono il benessere: estroversione, gradevolezza, stati d'animo positivi e ottimismo, anche da sei a otto mesi più tardi. Le correlazioni con le caratteristiche psicologiche negative erano minori, soprattutto nel tempo.

I ricercatori sono stati cauti nel concludere che l'RSA è un "marker" fisiologico di emotività positiva. Non hanno detto che RSA è una misura di benessere migliore di quella che è la relazione personale o quella che dovrebbe essere preferita. Dopo tutto, i punteggi RSA sono stati convalidati verificando il loro accordo con ciò che i partecipanti alla ricerca hanno riferito. Le correlazioni ottenute erano rispettabilmente alte, ma non così alte da implicare ridondanza tra le valutazioni oggettive e soggettive.

Io non sono un riduzionista biologico e non ho bisogno di indicatori o misure fisiologiche per il tipo di caratteristiche psicologiche che studio per concludere che sono reali. Ciò nonostante, questo studio e altri simili sono importanti perché attenuano la critica secondo cui la ricerca psicologica positiva è puramente soggettiva.

Riferimento

Oveis, C., Cohen, AB, Gruber, J., Shiota, M., Haidt, J., & Keltner, D. (2009). L'aritmia respiratoria del seno respiratorio è associata all'emotività positiva tonica. Emozione, 9, 265-270.

Solutions Collecting From Web of "Ricerca soggettiva e oggettiva in psicologia positiva"