Ricerca classica in psicologia evolutiva: ragionamento

Ho costantemente sostenuto che la psicologia evolutiva, in quanto quadro, è un rimedio sostanziale e, per molti versi, vitale per alcuni problemi diffusi: ci consente di collegare risultati apparentemente disparati sotto una comprensione comune e, mentre il quadro non è di per sé una garanzia di buona ricerca, obbliga i ricercatori a essere più precisi nelle loro ipotesi, permettendo che i problemi concettuali con ipotesi e teorie siano osservati e affrontati in modo più trasparente. Per certi aspetti il ​​quadro è un po 'come la pratica di spiegare qualcosa per iscritto: mentre tu puoi intuitivamente sentire come se capissi un argomento, spesso non lo è fino a quando non provi ad esprimere i tuoi pensieri in parole reali che trovi la tua stima di la tua comprensione è stata un po 'esagerata. La psicologia evolutiva costringe le nostre supposizioni intuitive sul mondo ad essere rese esplicite, spesso a nostro stesso imbarazzo.

Come ho recentemente discusso su una delle critiche della psicologia evolutiva – che il campo è eccessivamente focalizzato su meccanismi cognitivi specifici del dominio – sento che ora sarebbe un buon momento per rivedere alcune ricerche classiche che parlano direttamente all'argomento. Anche se la ricerca da discutere di se stessa è di recente vendemmia (Cosmides, Barrett, & Tooby, 2010), l'argomento è stato esaminato per qualche tempo, ovvero se le nostre capacità di ragionamento logico sono meglio convinte di dominio generale o dominio specifico (se funzionano egualmente bene, indipendentemente dal contenuto, o se l'area del contenuto è importante per il loro corretto funzionamento). Dovremmo aspettarci la specificità del dominio nel nostro funzionamento cognitivo per due motivi principali (sebbene questi non siano gli unici motivi): il primo è che la specializzazione produce efficienza. Le esigenze di risoluzione di un compito specifico sono spesso diverse dalle esigenze di risoluzione di uno diverso, e nella misura in cui tali richieste non si sovrappongono, diventa difficile progettare uno strumento che risolva prontamente entrambi i problemi. Immaginare uno strumento che possa aprire bottiglie di vino e tagliare pomodori è abbastanza difficile; ora immagina di aggiungere il requisito che deve anche funzionare come una carta di credito e il problema diventa estremamente chiaro. Il secondo problema è ben descritto da Cosmides, Barrett e Tooby (2010) e, come al solito, lo esprimono più eloquentemente di quanto vorrei:

I problemi computazionali che i nostri antenati hanno dovuto affrontare non sono stati estratti a caso dall'universo di tutti i possibili problemi; invece, erano densamente raggruppati in particolari famiglie ricorrenti.

Mettendo insieme i due, finiamo con il seguente: gli esseri umani tendono ad affrontare un insieme non casuale di problemi adattivi in ​​cui la soluzione a qualsiasi particolare tende a differire dalla soluzione a qualsiasi altra. Poiché i meccanismi specifici del dominio risolvono i problemi in modo più efficiente di quelli generici di dominio, dobbiamo aspettarci che la mente contenga un gran numero di meccanismi cognitivi progettati per risolvere questi problemi specifici e coerenti, piuttosto che solo alcuni meccanismi generali più capace di risolvere molti problemi che non affrontiamo, ma poco adatti ai problemi specifici che facciamo. Mentre tale teorizzazione sembra del tutto plausibile e, invero, abbastanza ragionevole, senza un supporto empirico per la nozione di specificità del dominio, è tutto così abbaiato e senza mordente.

Per fortuna, la ricerca empirica abbonda nel campo del ragionamento logico. Lo strumento classico usato per valutare la capacità delle persone di ragionare logicamente è il compito di selezione di Wason. In questo compito, alle persone viene presentata una regola logica che assume la forma di "se P , poi Q ", e un numero di carte che rappresentano P, Q, ~ P e ~ Q (cioè "Se una carta ha una vocale su una lato, poi ha un numero pari sull'altro ", con le carte che mostrano A, B, 1 e 2). Si chiede di indicare il set minimo di carte che dovrebbero essere controllate per testare l'iniziale" se P , quindi la dichiarazione di Q. Le prestazioni delle persone nell'attività sono generalmente scarse, con solo il 5-30% delle persone che riescono a ottenere il risultato giusto al loro primo tentativo. Detto questo, le prestazioni sul compito possono diventare notevolmente buone – fino a circa il 65-80% dei soggetti che ottengono la risposta corretta – quando il compito è formulato come un contratto sociale ("Se qualcuno [ottiene un beneficio], allora hanno bisogno di [ pagare un costo] ", l'essere più noto" Se qualcuno sta bevendo, allora devono essere almeno 21 "). Nonostante la sottostante forma logica non venga modificata, il contenuto del task di Wason è molto importante in termini di prestazioni. Questa è una constatazione difficile da spiegare se si tiene conto dell'idea di un meccanismo di ragionamento logico del dominio generale che funziona allo stesso modo in tutte le attività che coinvolgono la logica formale. Notare che il contenuto è importante è una cosa, però; capire come e perché il contenuto diventa qualcosa di un compito più difficile.

Mentre alcuni potrebbero suggerire che il contenuto conta semplicemente come una funzione della familiarità – poiché le persone hanno chiaramente più esperienza con le restrizioni di età sul bere e altre situazioni sociali rispetto agli stimoli più vaghi – la familiarità non aiuta: la gente fallirà il compito quando è inquadrata in termini di stimoli familiari e persone avranno successo nel compito di contratti sociali sconosciuti. Di conseguenza, le critiche al meccanismo del dominio sociale specifico del dominio (o del rilevamento degli imbroglioni) si sono spostate a suggerire che il meccanismo di lavoro è effettivamente specifico dei contenuti, ma forse non specifico per i contratti sociali. Invece, la tesi era che le persone sono brave a ragionare sui contratti sociali, ma solo perché sono bravi a ragionare sulle categorie deontiche – come le autorizzazioni e gli obblighi – più in generale. Supponendo che un simile account fosse accurato, rimane discutibile se tale meccanismo sarebbe considerato come dominio generale o dominio specifico. Tuttavia, non è necessario avere un dibattito del genere, dal momento che il resoconto più generale risulta non supportato dalle prove empiriche.

Stiamo solo aspettando che i critici guardino in basso e capiscano.

Mentre tutti i contratti sociali coinvolgono la logica deontica, non tutta la logica deontica coinvolge i contratti sociali. Se il resoconto più generale del ragionamento deontico fosse vero, non dovremmo aspettarci una differenza di prestazioni tra il primo e l'ultimo tipo di problemi. Per verificare se esistono tali differenze, il primo esperimento di Cosmides, Barrett e Tooby (2010) ha comportato la presentazione di soggetti con una regola di permesso – "Se fai P , devi fare Q per primo" – variando se P era un beneficio (uscire di notte), neutro (rimanendo in), o un lavoro di routine (tirando fuori la spazzatura; Q , in questo caso, coinvolge legare una roccia intorno alla caviglia). Quando la regola era un contratto sociale (il vantaggio), le prestazioni erano alte nel compito di Wason, con l'80% dei soggetti che rispondevano correttamente. Tuttavia, quando la regola prevedeva di rimanere, solo il 52% dei soggetti ha ragione; quel numero era ancora più basso nelle condizioni di spazzatura, con solo il 44% di precisione tra i soggetti. Inoltre, questo stesso modello di risultati è stato successivamente replicato in un nuovo contesto che coinvolge anche moduli di archiviazione / firma. Questo risultato è piuttosto difficile da spiegare con uno schema di autorizzazione più generale, poiché tutte le condizioni implicano un ragionamento sulle autorizzazioni; sono, tuttavia, in linea con le previsioni della teoria del contratto sociale, in quanto solo i contesti che coinvolgono una qualche forma di contratto sociale hanno finito per suscitare i più alti livelli di performance.

Gli schemi di autorizzazione, nella loro forma generale, sembrano anche non preoccuparsi se uno viola una regola intenzionalmente o accidentalmente. Al contrario, la teoria del contratto sociale riguarda l'intenzionalità della violazione, in quanto le violazioni accidentali non implicano la presenza di un imbroglione come fanno le violazioni intenzionali. Per continuare a testare la distinzione tra i due modelli, i soggetti sono stati presentati con il compito di Wason in contesti in cui le violazioni della regola erano verosimilmente intenzionali (con o senza un vantaggio per l'attore) o accidentali. Quando la violazione è stata intenzionale e ha beneficiato l'attore, i soggetti hanno eseguito esattamente il 68% delle volte; quando è stato intenzionale ma non ha beneficiato di quell'attore, quella percentuale è scesa al 45%; quando la violazione era probabilmente non intenzionale, le prestazioni toccavano il fondo al 27%. Questi risultati hanno senso se si sta cercando di trovare la prova di un imbroglione; non lo fanno se si sta cercando di trovare la prova di una violazione delle regole più in generale.

In un esperimento finale, il compito di Wason è stato nuovamente presentato ai soggetti, questa volta variando tre fattori: se uno intendesse violare o meno una regola; se sarebbe di beneficio o meno all'attore; e se la capacità di violare era presente o assente. Il modello dei risultati imitava quelli sopra: quando erano presenti tutti i benefici, le intenzioni e le capacità, il 64% dei soggetti determinava la risposta corretta al compito; quando erano presenti solo 2 fattori, il 46% dei soggetti ha ottenuto la risposta corretta; e quando era presente solo 1 fattore, i soggetti peggioravano ancora, con solo il 26% a ottenere la risposta corretta, che è approssimativamente lo stesso livello di prestazioni di quando non c'erano fattori presenti. Presi insieme, questi tre esperimenti forniscono una prova evidente che le persone non sono solo brave a ragionare sul comportamento delle altre persone in generale , ma piuttosto che sono bravi a ragionare sui contratti sociali in particolare. Nelle parole ora immortali di Bill O'Reilly, "[conti di dominio generale] non può spiegarlo".

"Ora taglia il microfono e chiamiamolo un giorno!"

Ora, naturalmente, il ragionamento logico è solo un possibile esempio per dimostrare la specificità del dominio, e questi esperimenti certamente non dimostrano che l'intera struttura della mente è specifica del dominio; ci sono altri regni della vita – come, per esempio, la selezione del compagno o l'apprendimento – in cui i meccanismi generali del dominio potrebbero funzionare. La possibilità di meccanismi di dominio generale rimane solo quella – possibile; forse non spesso ben motivato a livello teorico o ben dimostrato a livello empirico, ma possibile lo stesso. Il problema nella differenziazione tra questi diversi account potrebbe non essere sempre facile in pratica, poiché spesso si pensa che generi alcune o anche molte delle stesse previsioni, ma in linea di principio rimane semplice: dobbiamo mettere i due account in experimental contesti in cui generano previsioni opposte . Nel prossimo post, esamineremo alcuni esperimenti in cui inseriremo un account di dominio più generale sull'apprendimento rispetto ad altri più specifici del dominio.

Riferimenti: Cosmides L, Barrett HC e Tooby J (2010). Specializzazioni adattive, scambi sociali e l'evoluzione dell'intelligenza umana. Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d'America, 107 Suppl 2, 9007-14 PMID: 20445099