Ribelle con una causa: ribellione nell'adolescenza

È il manifesto caratteristico degli anni dell'adolescenza: la ribellione adolescenziale. Ed è uno che provoca molti conflitti con i genitori.

Due tipi comuni di ribellione sono contro l'integrazione sociale (ribellione della non conformità) e contro l'autorità degli adulti (ribellione della non conformità). In entrambi i tipi, la ribellione attira l'attenzione degli adulti offendendola.

Il giovane afferma con orgoglio l'individualità da ciò che i genitori piacciono o l'indipendenza di ciò che i genitori vogliono e in ogni caso riesce a provocare la loro disapprovazione. Questo è il motivo per cui la ribellione, che è semplicemente un comportamento che si oppone deliberatamente alle norme o ai poteri dominanti, è stata data ad un buon nome dagli adolescenti e una cattiva dagli adulti.

La ragione per cui i genitori di solito non amano la ribellione adolescenziale non è solo che crea più resistenza al loro compito di fornire struttura, guida e supervisione, ma perché la ribellione può causare gravi danni.

La ribellione può spingere i giovani a ribellarsi ai propri interessi personali, rifiutando interessi, attività e relazioni infantili che spesso supportano l'autostima.

Può indurli a impegnarsi in comportamenti auto-distruttivi e autodistruttivi, rifiutando di fare il lavoro scolastico o anche ferirsi fisicamente.

Può indurli a sperimentare un'eccitazione ad alto rischio – accettare osa che come bambini avrebbero rifiutato.

Può indurli a rifiutare regole e restrizioni sicure, lasciando che l'impulso annullasse il giudizio su un effetto pericoloso.

E può causare loro di ferire relazioni di valore – spingendo contro coloro a cui si preoccupano e spingendoli via.

Quindi la ribellione adolescenziale non è semplicemente una questione di esasperazione dei genitori; è anche una questione di preoccupazione.

Sebbene il giovane pensi che la ribellione sia un atto di indipendenza, in realtà non lo è mai. È davvero un atto di dipendenza. La ribellione fa sì che il giovane dipenda dall'autoconsapevolezza e dalla condotta personale nel fare il contrario di ciò che gli altri vogliono.

Ecco perché l'antidoto alla ribellione è la vera indipendenza offerta dalla creazione e dall'accettazione di una sfida – il giovane che decide di fare qualcosa di duro con se stesso per se stessi per crescere. L'adolescente che trova molte sfide da affrontare e che ha genitori che sostengono queste sfide, non ha bisogno di molta ribellione per trasformarsi o ridefinirsi nell'adolescenza.

In che misura un giovane ha bisogno di ribellarsi varia ampiamente. Nel suo affascinante libro "Born to Rebel" (1997), Frank Sulloway sostiene che i bambini nati più tardi tendono a ribellarsi più di prima. Alcuni dei suoi ragionamenti sono perché identificano meno con i genitori, non vogliono essere cloni del bambino più grande o dei bambini che sono andati prima, e si danno più spazio per crescere in modi non tradizionali. Quindi, i genitori potrebbero scoprire che i bambini nati più tardi sono più ribelli.

Da quanto ho visto nel counseling, la ribellione tende ad avere ruoli diversi nella crescita di un giovane a seconda di quale fase dell'adolescenza è espressa. Fase da stadio adolescente, quindi, ecco come la ribellione sembra funzionare.

RIBELLIONE DELL'ADOLESCENZA ANTICIPATA (9-13).
La ribellione seria inizia tipicamente all'inizio dell'adolescenza, e quando lo fa molti genitori pensano che questa opposizione sia contro di loro. Di solito si sbagliano. La ribellione non è contro di loro; è recitato solo contro di loro.

La ribellione a questa età è principalmente un processo attraverso il quale il giovane rifiuta l'identità del vecchio bambino che lui o lei vuole ora spargere per aprire la strada a una ridefinizione più matura. La ribellione in questa prima adolescenza proclama: "Mi rifiuto di essere definito e trattato come un bambino più!" Ora sa come lui non vuole essere, ma deve ancora scoprire e stabilire come vuole essere.

Come dovrebbero i genitori rispondere a una forte ribellione in questa fase? Quando le richieste vengono soddisfatte con ritardo, utilizzare l'insistenza del paziente per ridurre la resistenza. (Vedi blog 15/09/09, "Nagging the teenager".) E cercare di spostare i primi adolescenti dall'agire fuori a parlare. Inizia chiedendo: "puoi aiutarmi a capire meglio di cosa hai bisogno?" Vedi se riesci a far dire al giovane di esprimere i loro sentimenti in parole. Avendo ricevuto un'udienza piena e dopo aver detto la sua, il giovane potrebbe essere più incline a lasciare che i genitori abbiano la loro strada.

REBELLION IN MID ADOLESCENCE (13-15)
A metà dell'adolescenza, durante gli ultimi anni della scuola media e dei primi anni della scuola superiore, la maggior parte della ribellione riguarda la creazione della differenziazione necessaria per sperimentare l'identità e l'opposizione necessaria per raccogliere il potere dell'autodeterminazione.

Quando i genitori si sentono forzati da questi atti di ribellione (infrangendo le regole sociali, correndo con amici selvaggi, per esempio), sono meglio serviti permettendo che si verifichino conseguenze naturali e fornendo ripetutamente indicazioni positive. Lo fanno facendo continuamente dichiarazioni e prendendo posizione per scelte che supportano la crescita costruttiva.

Ogni volta che lo fanno, forniscono al giovane un nuovo punto di scelta per cooperare con loro. Soprattutto quando la ribellione spinge più forte, come di solito accade nella metà dell'adolescenza, è responsabilità dei genitori continuare a comunicare un riferimento che guidi il giovane verso un percorso costruttivo di crescita. Nelle parole di un genitore veterano che aveva praticato due adolescenti durante periodi di alta ribellione, "ciò che serve è la dolce pressione della direzione positiva applicata senza sosta".

Solo perché non presteranno attenzione a ciò che i genitori dicono e vogliono al momento non significa che il riferimento non vale la pena di dare. Poiché la ribellione è spesso rafforzata dai messaggi dei coetanei, i genitori dovrebbero continuare a ricevere il loro messaggio. Il figlio o la figlia che oggi hanno ignorato quella direzione potrebbero decidere di seguirla domani. Perché? Perché i giovani sanno che sono genitori e non colleghi che alla fine hanno a cuore i loro migliori interessi.

RIBELLIONE IN ADOLESCENZA TARDI (15 – 18)
Molte ribellioni del liceo che vedo si verificano a seguito di un'adolescenza ritardata, il giovane che si è radicalmente ribellato per liberarsi dalla dipendenza infantile dall'approvazione dei genitori per essere sempre il "bravo bambino".

Ad esempio, solo i bambini sono spesso più lenti a separarsi dai genitori a causa del forte attaccamento e della tenuta protratta da entrambe le parti. Alla fine della scuola superiore questi giovani, con una laurea in più indipendenza che si profila un anno o due prima, potrebbero aver bisogno di iniziare le ribellioni della fase avanzata per ottenere la separazione, la differenziazione e l'autonomia di cui hanno bisogno per intraprendere questo passo epocale.

Questo è doloroso e spaventoso per i genitori. In questa età avanzata, l'assunzione di rischi può essere più pericolosa, mentre a loro manca la perdita di vicinanza e la compatibilità con il figlio o la figlia di cui hanno goduto per così tanti anni.

Ciò che i genitori devono ricordare a questo punto è che il giovane è altrettanto spaventato e addolorato come loro. Quindi il loro compito è quello di consentire una maggiore indipendenza aspettandosi una responsabilità proporzionata, rimanere empatici durante i disaccordi e fornire una guida chiara e chiara su qualsiasi assunzione di rischi significativi che potrebbe accadere.

RIBELLIONE IN INDIPENDENZA DI PROVA (18-23)
La ribellione inizia nella prima adolescenza con il giovane che resiste all'autorità genitoriale dicendo: "Non puoi costringermi!" La ribellione finisce nell'ultima fase dell'adolescenza, l'indipendenza del processo, con il giovane che resiste all'autorità personale dicendo: "Posso" fammi! "

Avendo detronizzato l'autorità dei genitori per aver guidato la sua vita e averla soppiantata con la sua stessa autorità, si ritrova a ribellarsi contro di essa. È come se il giovane dicesse: "Nessuno mi ordinerà in giro, nemmeno io!"

Ad esempio, il giovane sa che deve essere in orario per un lavoro, ma non può alzarsi la mattina. Il giovane sa che deve studiare, andare a lezione e consegnare incarichi, ma non può farsi fare il lavoro universitario. Sia lui che lei sanno che non dovrebbero bere così tanto alle feste a causa di come agiscono e di ciò che lasciano accadere, ma in compagnia degli amici non possono fermarsi. La vecchia citazione di Walt Kelly coglie davvero questa età conflittuale: "Abbiamo incontrato il nemico e loro sono noi".

Cosa possono fare i genitori a questo punto? Devono lasciare che le conseguenze delle scelte resistenti del giovane giochino e non interferiscano. Come porre fine a questa ribellione contro l'interesse personale e accettare la loro autorità di guida nella vita è l'ultima sfida dell'adolescenza. Deve essere affrontato prima che la giovane età adulta possa veramente iniziare.

Per gli altri genitori adolescenti, vedere il mio libro "SOPRAVVIVERE L'ADOLESCENZA DEL TUO BAMBINO" (Wiley, 2013). Informazioni su: www.carlpickhardt.com

La prossima settimana: l'adolescenza e la sfida di parlare.

Solutions Collecting From Web of "Ribelle con una causa: ribellione nell'adolescenza"