Ri-umanizzare attraverso l'arte -Premendo con il discorso

Il post più recente ha presentato la mia introduzione a un indirizzo che ho tenuto alla conferenza annuale dell'Associazione canadese Art Therapy Association / Ontario Art Therapy in cui il tema era Art Therapy e Pratiche Anti-Oppressive . In questo post ho esplorato la mia identità nel contesto di relazioni e azioni oppressive. Grazie a tutti coloro che hanno risposto al post; i molti che hanno risposto positivamente e i pochi con gioia vituperativa; questo mi ha segnalato la necessità di continuare questa conversazione. [E per la persona che ha indicato che il mio ultimo blog ha dimostrato che ero intellettualmente in bancarotta, vorrei riaffermare ciò che ho detto nei miei commenti- direi che non sono realmente intellettualmente in bancarotta, forse il mio conto è a volte stravolto, ma sono non ancora pronto a dichiarare bancarotta.] Questo post, che ribadisce molto di ciò che ho detto nel discorso canadese, porta con sé un diverso tipo di consapevolezza e richiede un'azione.

Dave Gussak
Fonte: Dave Gussak

Comunemente, la maggior parte della gente non considera i detenuti prigionieri "oppressi": commettono un crimine, vengono arrestati e ora stanno scontando il loro tempo. Tuttavia, data la natura del sistema, l'oppressione rimane pervasiva.

Credo che ciò avvenga prima del carcere e all'interno. Alcuni possono essere dentro a causa di come vengono percepiti e ricevuti dalla società più grande; non solo a causa del loro crimine, ma a causa di altri fattori, incluso il luogo in cui vivono, il colore della loro pelle, il dio a cui pregano. Alcuni hanno affermato che in precedenza si trovavano in situazioni repressive, non avevano visto alcuna via d'uscita, avevano commesso un crimine e sono finiti in prigione, perpetuando un ciclo di oppressione. Questo non sta negando che coloro che commettono un crimine dovrebbero essere puniti; il sistema giudiziario è istituito per proteggere la società e penalizzare coloro che infrangono le regole. Tuttavia, alcuni sostengono che è più facile per le persone selezionate trovarsi all'interno del sistema giudiziario a causa di chi sono tanto quanto per quello che hanno fatto [Becker, 1963/1991; Sagarin, 1975; Spector & Kitsuse, 1973]. Coloro che desiderano porre questo argomento indicano la disuguaglianza razziale ben documentata all'interno rispetto alla popolazione esterna.

Come solo un esempio tra tanti, Howard ha sottolineato la pervasività degli uomini afroamericani che finiscono in carcere:

Jamie Berkowitz, used with permission
Fonte: Jamie Berkowitz, usato con permesso

"Ancora oggi, numeri così sbalorditivi dipingono una realtà che fa riflettere che suggerisce che un giovane afroamericano che inizia la scuola materna nell'autunno del 2006 abbia una migliore possibilità di trovarsi sotto la supervisione del sistema penale o di essere incarcerato piuttosto che iscriversi a un college o università dodici anni dopo "(Howard, p.959)

Il 37% della popolazione carceraria è afro-americana, significativamente superiore al 12% che costituisce la popolazione generale [Carson, 2015].

Quindi, alcuni possono essere visti come due volte oppressi, prima del loro arresto e ancora in prigione.

Dave Gussak
Fonte: Dave Gussak

Una volta dentro, l'oppressione si perpetua. La sicurezza è ottenuta attraverso l'oggettivazione e l'infantilizzazione del detenuto; di renderli meno umani (Fox, 1997). Come ho sostenuto in un altro post [titolo-link], la loro identità viene strappata via, e gli viene dato un numero e un'uniforme, rinforzando la loro perdita di sé e sottraendoli a loro, tutti in nome della sicurezza e della sicurezza.

Non importa che tali atti rafforzino ulteriormente la loro separazione dalla società, rendendo difficile il reinserimento una volta data la possibilità.

Spesso lottano per eliminare l'etichetta che gli è stata data, rendendo difficile, a volte impossibile, essere riaccettati dalla società.

Di conseguenza, i detenuti personificano i più vulnerabili, i non votati.

Dare loro una voce, un nuovo senso dell'io, li autorizzerebbe a superare l'oppressione che rende difficile per loro adattarsi e avere successo.

L'arte può aiutare

Dave Gussak
Fonte: Dave Gussak

interazionismo

Nel corso degli anni in cui ho prestato servizi di arte e terapia artistica in carcere, la mia epistemologia si è spostata da una prospettiva psicologica a una sociologica, in particolare da una prospettiva di interazione sociale / simbolica .

In poche parole, questa prospettiva sostiene che chi siamo e come ci vediamo dipende da chi e da cosa interagiamo con [Becker, 1991; Blumer, 1969; Cooley, 1964; James, 1890/1918; Mead, 1964]. Esiste un'interdipendenza tra l'ambiente sociale e gli individui, e l'identità personale di una persona emerge dalle interazioni interpersonali della società e dalle percezioni degli altri [Cooley, 1964].

All'interno di questa prospettiva teorica si trova la teoria dell'etichettatura – le bolle sono stabilite e solidificate da coloro che dominano all'interno di una società – la maggioranza indica la minoranza; in altre parole, le culture decidono chi è deviante. Una volta che qualcuno è etichettato come tale, viene creata una nuova identità; la persona così etichettata accetta questa nuova identità e la deviazione reale o percepita viene rinforzata e amplificata (Becker, 1991).

Quindi, è facile seguire questo alla sua conclusione logica – una volta che un detenuto è sempre un detenuto.

Direi che la ragione per cui la recidiva è così alta è perché sono visti come e, cosa più importante, si vedono come prigionieri.

Dave Gussak
Fonte: Dave Gussak

Interactionism e Art

L'interazionismo simbolico sostiene anche che le interazioni potrebbero non essere solo tra i membri di una comunità, ma potrebbero essere in realtà tra persone e oggetti. Gli artefatti hanno un significato per le persone, il che significa ". . . non intrinseco all'oggetto ma nasce da come la persona è inizialmente preparata ad agire nei suoi confronti "(Blumer, 1969, 68-69).

La condivisione di tali oggetti e la loro interpretazione definiscono e modellano un'interazione, contribuendo così a creare relazioni e nuovi significati.

Tali oggetti includono l'arte, prodotti e visti dai membri della società {Becker, 1980).

Gli artefici possono diventare produttori di significato.

Questa affermazione diventa quasi la massima che definisce molti di questi post. All'interno delle mura della prigione, come nella maggior parte delle culture e delle società, l'arte e la creazione artistica hanno un primato gerarchico. Coloro che fanno arte sono tenuti ad un livello superiore [Dissanyake, 1992; Kornfeld, 1997) sia da parte dei detenuti che degli addetti alla correzione.

Dave Gussak
Fonte: Dave Gussak

Nel creare un ponte tra l'interno e l'esterno delle culture, l'arte ha il potere di ri-umanizzare i disumanizzati. Un'opera d'arte è un'estensione dell'artista, viene dall'interno. È una vera riflessione. Quindi, se uno accetta un pezzo d'arte da un detenuto, segnala che il detenuto è a sua volta accettato. Lo rende reale. Lo rende "una persona", un essere creativo. E, a sua volta, ha il potere di invertire le pratiche oppressive.

Un post precedente, "Making Something Out of Nothing", ha sottolineato come fare una determinata opera d'arte possa fare molto per ri-sviluppare e rinforzare nuove identità, al di sopra di quella del detenuto. L'atto stesso di fare questi pezzi semplicissimi supera le etichette negative e l'oggettivazione poste su di loro dall'ambiente di controllo. Ciò consente ad una persona vera di emergere, una che non è identificata semplicemente come un deviante della società, ma piuttosto una persona capace di elevarsi al di sopra delle sue azioni e, forse, anche riuscire a rilasciare.

Dave Gussak
Fonte: Dave Gussak

Recentemente, uno studente laureato, Casey Barlow, che ha trascorso il semestre più recente lavorando in un carcere maschile locale, ha chiesto a uno dei suoi clienti "E se qualcosa fosse uscito da questa esperienza?" La risposta del detenuto è stata formidabile; i suoi occhi si illuminarono, si mise a sedere eretto, e con entusiasmo esclamò: "Oh, è facile – ora quando guardo me stesso, so che non sono così male".

A volte, questo è il miglior punto di partenza.

Poscritto : dopo tre anni e mezzo e oltre cinquanta post, compresi quelli scritti da alcuni colleghi e amici meravigliosi, altri progetti personali e professionali hanno richiesto più del mio tempo e delle mie energie. Di conseguenza, mentre lavoro su un nuovo progetto di libro e perseguo servizi artistici in espansione nel sistema carcerario statale, metterò questo blog su una pausa indefinita. Mentre lascio aperta la possibilità di visitarlo di volta in volta, credo che sia giunto il momento di lasciarlo riposare.

Sono grato a tutti i lettori per aver sostenuto questo lavoro, e per tutti coloro che hanno avuto il tempo di scrivere commenti, sia positivi che negativi, continuando il dialogo e rafforzando le sue idee attraverso l'accettazione e le sfide. La terapia artistica in ambito forense è cresciuta così tanto da quando ho iniziato questo blog, non vedo l'ora di continuare a svilupparlo. Grazie. Ci vediamo su e fuori linea.

Riferimenti

Becker, HS (1991). Outsiders: studi nella sociologia della devianza . New York: The Free Press

Blumer, H. (1969). Interazionismo simbolico: prospettiva e metodo . Berkeley, CA: University of California Press.

Carson, EA (2015). Prigionieri nel 2014. Statistiche dell'Ufficio di giustizia, Bollettino.

Cooley, CH (1964). La natura umana e l'orde sociale . New York: Schocken Books.

Dissanayake, E. (1992). Homoaestheticus: da dove viene l'arte e perché . New York: The Free Press.

Fox, WM (1997). L'arma nascosta: psicodinamica delle istituzioni forensi. In D. Gussak & E. Virshup (a cura di), Tempo di disegno: Arteterapia nelle carceri e altre impostazioni correzionali (pagine 43-55). Chicago, IL: Magnolia Street Publishers.

Howard, TC (2008). A chi importa davvero? La privazione dei diritti d'autore dei maschi afroamericani nelle scuole PreK-12: una prospettiva di teoria della corsa critica. Teachers College Record, 110 (5) 954-985.

James, W. (1890/1918). I principi della psicologia. Vol.1 e Vol.2 . New York: Henry Holt and Company.

Kornfeld, P. (1997). Visioni di Cellblock: arte della prigione in America . Princeton, NJ: Princeton University Press.

Mead, GH (1964). Sulla psicologia sociale . Chicago: University of Chicago Press.

Sagarin, E. (1975). Devianti e devianza: un'introduzione allo studio di persone e comportamenti svantaggiati. New York: Praeger Publishers.

Spector, M. e Kitsuse, JI (1973). Problemi sociali: una riformulazione. Problemi sociali, 21 (3) 145-159.

Solutions Collecting From Web of "Ri-umanizzare attraverso l'arte -Premendo con il discorso"