Resilienza quando si lavora per il cambiamento

Buckmeister Fuller Quote

Mi sono spesso chiesto perché ci sia così tanto conflitto e conflitto in così tante comunità e movimenti che conosco. Questo è stato particolarmente difficile da comprendere quando i gruppi di cui sto parlando sono generalmente impegnati in una visione di un mondo pacifico e gli individui in essi aspirano all'integrità personale e alla compassione nelle loro relazioni.

So bene che non sono l'unico a chiedermelo, e molti hanno già avuto cose da dire al riguardo. Alcuni pensano che sia inevitabile, parte della natura umana. Alcuni pensano che le comunità stiano attraversando fasi predeterminate. Trovo il mio cuore affondare a questi pensieri, a causa del mio profondo senso della dignità umana, e perché ho talmente fede nella nostra capacità di trascendere qualsiasi nozione statica di chi siamo o di come le cose devono svolgersi.

Alcuni altri invocano secoli o millenni di pratiche di dominio che sono state trasmesse di generazione in generazione attraverso la nostra educazione, attraverso guerre, attraverso i nostri sistemi di governance e economici, e attraverso le storie che ci raccontiamo su cosa significa essere umani e come le cose dovrebbero essere. In questa visione, ognuno di noi è portato in questo mondo e diventa parte di queste dinamiche indipendentemente da quale, se mai, è la nostra natura umana essenziale. Tragico come questo punto di vista è, lo trovo più gradevole, più coerente con i miei desideri del cuore, perché lascia spazio alla possibilità che sia come individui che possiamo superare le nostre abitudini personali, e che come specie possiamo imparare collettivamente come creare nuovi sistemi, strutture e pratiche che ci sosterranno nel coinvolgere gli altri in modo interdipendente per creare un mondo che funzioni per tutti noi e il resto del mondo naturale.

Perché vogliamo creare cambiamenti

Non so perché mi ci sono voluti tanti anni per porre la semplice domanda che ho scoperto oggi: perché ognuno di noi dovrebbe lavorare per il cambiamento, sia come crescita personale che come contributo alla trasformazione sociale. Poiché penso alla maggior parte di tutto attraverso la lente dei bisogni umani, una parte della risposta è diventata immediatamente ovvia per me: lavoriamo per il cambiamento perché i nostri bisogni, a conti fatti, non sono soddisfatti nel modo in cui il mondo opera o nel modo in cui le nostre vite individuali si svolgono . Chiunque soddisfi maggiormente i bisogni ha meno probabilità di voler creare cambiamenti.

Con questa chiarezza ne è venuto un altro: se i nostri bisogni, a conti fatti, non vengono soddisfatti, è probabile che ciò significhi che abbiamo meno capacità di recupero. La resilienza, nel dizionario degli studenti di inglese online, è definita come "la capacità di diventare forti, sani o di nuovo di successo dopo che qualcosa di brutto accade". Come ha osservato una collega, quando i nostri bisogni spesso non vengono soddisfatti, qualsiasi esperienza non soddisfatta i bisogni possono diventare insopportabili, mentre se i nostri bisogni sono soddisfatti globalmente, qualsiasi esperienza di bisogni insoddisfatti è molto meno significativa.

Le implicazioni di questa semplice intuizione erano inquietanti. Potrebbe davvero essere che quelli di noi che lavorano per il cambiamento sono, almeno in un certo modo, meno resilienti perché i nostri bisogni sono meno spesso soddisfatti? Se così fosse, non sarebbe una ragione per cui più cose ci sembrerebbero come attacchi, persone che rallentano o simili; perché più del tempo avremmo paura di dire cosa ci passa per la testa perché il peso potenzialmente non ricevuto potrebbe essere più debilitante; o perché ci arrabbiamo facilmente quando sorgono conflitti?

Fonti di resilienza

Calciatori haitiani resilienti dopo il terremoto

Se, infatti, la nostra mancanza di capacità di recupero individuale è un fattore che contribuisce alle molte sfide del lavorare con gli altri e di cercare di collaborare, allora se vogliamo lavorare per il cambiamento dobbiamo trovare fonti di forza, attività, relazioni o altre strategie che nutrire il nostro senso di benessere in modo da poter affrontare situazioni con più presenza. Le possibilità sono quasi infinite, e mi piacerebbe vedere una discussione focalizzata in molti ambienti su ciò che può aggiungere alla nostra capacità di recupero. Per iniziare, ecco alcune fonti di resilienza che so hanno funzionato per me e per gli altri.

Solidarietà: l'esperienza di essere in comunità con altri che stanno vivendo le stesse difficoltà può essere una fonte di grande sostegno. Bell Hooks, tra gli altri, descrive come la segregazione in molti modi abbia aiutato gli afroamericani a sviluppare l'orgoglio e la capacità di recupero, perché hanno sviluppato un'intera società parallela con molti modelli di successo di uomini d'affari, insegnanti, ecc., Mentre l'integrazione ha indebolito per molti. Molto dovrebbe essere esplorato su quali condizioni rendono questo tipo di solidarietà solidale, e quando le stesse questioni di conflitto e conflitto possono interferire con la capacità di ripresa aggiunta.

Gratitudine: ho già scritto su come una pratica di gratitudine può fornire immenso carburante per la vita. Dopo un anno di pratica costante e quotidiana di gratitudine, scopro che ora posso avere accesso immediato alla gratitudine anche nei momenti difficili, e sentire letteralmente l'aumentata capacità di recupero che nasce spontaneamente dall'attingere alla gratitudine.

Fede: come qualcuno che vive senza un dio o un potere superiore di qualsiasi tipo, sono ben consapevole che le persone di fede spesso hanno molta più capacità di resistere a sfide e difficoltà. Dio, o qualsiasi altra fonte di fede, è qualcosa su cui poggiare, qualche profonda certezza del cuore che esiste una forza che porterà ad un esito desiderato. Per un solo esempio, immagino che per Martin Luther King, Jr. dire che l'arco della storia si piega verso la giustizia richiede fede. In assenza di una fonte trascendente di fede, il mio dipende dalla dignità umana, dalla nostra capacità di trascendere le circostanze, dalla grandezza del nostro spirito. Il mio obiettivo è di coltivare e approfondire la mia fede, così posso appoggiarmi maggiormente in tempi di grande sfida, soprattutto quando mi sento impotente e disperato di fronte all'immensità della crudeltà umana o alla mancanza di cura che percepisco così spesso nel mondo.

Pratica spirituale: se il conflitto comporta perdita temporanea o di più lunga durata di empatia, compassione, generosità o cura di sé o degli altri, ciò significa che quelle capacità vengono maggiormente "testate" in quei momenti in cui gli altri (o noi stessi in molti casi) agiscono in modi che non funzionano per noi. Questo mi ha portato a riconoscere che possiamo aumentare la nostra resilienza abbracciando una pratica spirituale coerente che rafforza la nostra capacità di resistere a bisogni insoddisfatti, così può accedere alla scelta su come rispondere a quei momenti difficili.

Visione: mi auguro tanto che abbiamo vissuto, già, nel mondo dei miei sogni, un mondo senza coercizione, basato sulla volontà e la generosità, la fiducia e la sufficienza; dove sono stati soddisfatti abbastanza bisogni per tutti che la violenza diventa una cosa del passato. Per ora, questa visione in sé diventa una fonte di forza per me. Ho trovato, ripetutamente, che la chiarezza della visione sostiene la mia energia anche in circostanze difficili. Come mi viene in mente la possibilità, la mia passione riaccende e trovo più capacità di accettare gli ostacoli lungo la strada.

Solutions Collecting From Web of "Resilienza quando si lavora per il cambiamento"