Resilienza degli edifici: come spostare gli ingranaggi mentali

Immagina due laureati altrettanto talentuosi al loro primo lavoro. Entro un anno, entrambi sono licenziati a causa del ridimensionamento. Uno diventa coinvolto nel pensare che abbia fallito: "Non sono mai stato abbastanza bravo, il mio capo mi odiava". L'altro decide: "Volevo questo lavoro così male, avrei potuto aggiustare il mio curriculum e imparare come affrontare meglio un capo difficile. "Chi pensi mosse più velocemente attraverso le avversità?

Lo stesso atteggiamento si ripercuote sui genitori durante le routine quotidiane, la scuola o qualsiasi altra cosa. Se un genitore si aspetta che l'ora di andare a letto sia stressante in un primo momento e un altro pensa che dovrebbe accadere senza molto sforzo per gli adulti, chi ha più difficoltà a seguire l'allenamento del sonno quando diventa difficile? La nostra prospettiva verso ciò che incontriamo nella vita cambia fondamentalmente il modo in cui la viviamo.

Navigando in iceberg mentali

Lo stress stesso può essere definito come la percezione che qualcosa è più di quanto possiamo gestire. Quando definiamo le sfide come superabili, le superiamo più facilmente (o almeno iniziamo a lavorare in avanti). Quando li inquadriamo come opportunità di fallimento, falliamo più facilmente. Questo può sembrare il consiglio più banale e banale di sempre – ma è un fondamento della ricerca sulla resilienza.

La resilienza dipende da come percepiamo le nostre vite. Quindi forse ci viene la nausea a guardare il nostro bambino sul palco per la prima volta; ansiosi e preoccupati, iniziamo a rimuginare. Dentro quei pensieri esistono strati di presupposti, prospettive e filtri mentali: non l'ho preparata abbastanza, si imbarazzerà da sola, devo fare qualcosa per salvarla. Se sentiamo che il nostro ruolo è proteggere i bambini da tutto, quel momento sul palco diventa miserabile. Se riconosciamo che non possiamo proteggere i nostri figli da ogni male, ma abbiamo fatto del nostro meglio, l'esperienza cambia – sono quasi tanto stressato quanto lei! Spero che vada bene, ma sono qui se non lo fa.

La percezione è di per sé malleabile, un focus sull'addestramento alla resistenza dei militari per i soldati. I partecipanti esplorano trappole mentali – distorsioni abituali che minano il benessere emotivo. Questi "iceberg" possono essere semplici come pensare di chiedere aiuto è un'ammissione di fallimento. Potrebbero includere la catastrofe nel peggior risultato possibile di ogni situazione o, in alternativa, minimizzare e ignorare qualsiasi cosa travolga. Uno potrebbe essere un critico interiore eccessivamente attivo, facendoci sapere che non siamo abbastanza bravi da gestire. Tutti rappresentano filtri che distorcono la prospettiva e ci allontanano dalla resilienza.

Con la pratica della consapevolezza, impariamo a tenere questi schemi alla luce e ci interroghiamo: cosa è valido, semmai, e cosa non è utile? La nostra opinione è inflessibile, reattiva o piena di dubbi? Senza sminuire noi stessi o costringerci ad essere innaturalmente positivi, osserviamo con curiosità e ci reindirizziamo fino a quando si sviluppano nuove abitudini. Giusto, è da sola sul palco ora; Sono nervoso ma devo lasciarlo andare. Non è che ogni sfida porti alla crescita; è più che qualunque cosa accada, la supereremo in qualche modo.

L'incertezza e il cambiamento sono inevitabili nella vita – doppiamente così per i genitori. L'istinto ci spinge a preoccuparci e proteggere all'infinito, perché a noi interessa più delle nostre famiglie. Ma se l'unico sollievo che cerchiamo è sforzarci di combattere l'incertezza nella sottomissione, ciò causa uno stress inutile poiché la certezza non accade mai – e troppo stress cambia non solo come ci sentiamo, ma le scelte che facciamo ogni giorno.

Quando proviamo a sistemare tutto ciò che affrontiamo e cerchiamo un'immagine perfetta della felicità, spesso miniamo le nostre migliori intenzioni. C'è un tempo per l'azione, ma molto spesso c'è il beneficio di mettere in pausa e lasciare che le cose siano. Lavorando sotto il senso spesso inconscio che tutte le preoccupazioni dei genitori andranno via non appena padroneremo questa "cosa genitoriale" ci farà solo sentire peggio. Piuttosto, possiamo cambiare la nostra prospettiva per accettare che non sapere tutto e di sicuro ogni risultato è la norma. La percezione che la genitorialità, o qualsiasi altra parte della vita, possa essere qualcosa di diverso dall'incertezza e il cambiamento ci spingono lontano dai nostri sé più abili e resilienti.

Pratica di Mindfulness: come cambiare le percezioni e costruire la resilienza

  1. Presta attenzione a come incontri le sfide. Spesso aggiungiamo a momenti spiacevoli in modi che li rendono ancora più difficili. Nota come si sente il tuo corpo, le tue emozioni e dove vanno i tuoi pensieri. Stai proiettando anni di difficoltà nel futuro? Sei preso dal rimpianto o dal risentimento? Inoltre, inizia a separare la tua prospettiva ( Questo non dovrebbe essere! Niente cambia mai. Dovrei essere in grado di gestirlo da solo .) Dall'esperienza stessa. I bambini imparano di più da ciò che fai che da quello che dici , quindi la tua capacità di recupero – il modo in cui ti guardano avvicinarsi alle avversità – influisce sul loro.
  2. Presta attenzione ai tuoi atteggiamenti in merito a battute d'arresto. Molti atteggiamenti verso le avversità sembrano dichiarazioni fattuali. Queste persone sono così. Mio figlio non lo farà mai … Non sono il tipo di persona che mai … Osserva quei pensieri abituali e chiedi loro, è vero ? Riconosci le tue assunzioni e le tue previsioni per quello che sono e vedi se qualcosa cambia quando apri ad altre possibilità.
  3. Prenditi cura dello STOP: quando ti senti sbilanciato a causa di una situazione difficile, fermati. S in alto qualunque cosa tu stia facendo; fare alcuni respiri lenti; o osserva cosa succede intorno a te e nella tua mente; e poi p ick come procedere.
  4. Inserisci momenti consapevoli nella tua giornata per costruire resilienza. Questi suggerimenti, adattati dall'American Psychological Association, forniscono un quadro per spostare le percezioni e costruire la resilienza:
  • Crea connessioni e accetta aiuto. Rapporti di valore con familiari stretti e amici e raggiungi il supporto quando necessario.
  • Monitora le trappole mentali. Qualunque siano i tuoi iceberg mentali, fermati, etichettali (di nuovo catastrofisti) e reindirizza. Ad esempio, se ti senti chiuso dalla paura, riconosci questo fatto, quindi concentrati su qualcosa di utile da fare come primo passo. Se non altro, sto chiamando il pediatra oggi e ricevo un rinvio.
  • Nutri una visione positiva di te stesso. Cattura il critico interiore in azione, mettilo da parte e concentrati sui tuoi punti di forza. Grazie comunque, vorrei averlo fatto diversamente ma non l'ho fatto. Quale sarebbe la cosa migliore da fare adesso?
  • Mirare ad accettare che il cambiamento e l'incertezza facciano parte della vita. Una comune errata percezione che mina il benessere e la capacità di recupero sta combattendo con ciò che è veramente fuori dal nostro controllo. Anche quando accade qualcosa di sconvolgente, separa l'esperienza da una più ampia aspettativa che "non dovrebbe" essere accaduto in primo luogo.
  • Sviluppa obiettivi graduali e intraprendi azioni decisive. Piuttosto che distaccarti e desiderare stress, rimani proattivo. Quando i compiti sembrano irraggiungibili, chiedi, qual è una piccola cosa che posso realizzare che mi spinge nella direzione in cui voglio andare?
  • Prenditi cura di te. Impegnati in attività che ti piacciono e che rilassano. Prendersi cura di se stessi aiuta a mantenere la mente e il corpo pronti per la resilienza.

Solutions Collecting From Web of "Resilienza degli edifici: come spostare gli ingranaggi mentali"