Resilienza, crescita e Kintsukuroi

Resilienza. Grinta. Sisu. Post traumatico crescita. Diversi ricercatori sottolineano le sottili distinzioni all'interno della più ampia verità che, molto spesso, siamo migliori di quanto pensiamo di essere. Siamo più forti, più adattivi. Quando le cose vanno male, la maggior parte delle persone, la maggior parte delle volte, non si asciuga, si sgretola e cade a pezzi. Siamo meglio in grado di sopportare le delusioni e le tragedie, le avversità e le tempeste che imperversano nel corso della nostra vita fin troppo umana.

Quando si verifica un trauma, scortese e inaspettato, spesso si taglia alle nostre fondamenta. Distrugge le verità più fondamentali che abbiamo tenuto del nostro tempo su questa terra. Vogliamo credere che il mondo sia buono e giusto, bello e giusto e che andiamo a ordinare le nostre vite in quanto tali. E poi accade uno dei fatti scomodi e sconsiderati delle nostre vite. Un tumore si sveglia in una rabbia mentre stiamo mangiando la casseruola al potluck PTA. O il ragazzo che era solito inseguire palloni da calcio nel tuo giardino fiorito, non torna a casa una sera dopo il ballo del liceo. O dopo aver costruito la vita di un sogno con quella persona speciale che una volta ti ha guardato negli occhi e ha promesso di essere lì finché la morte non ti separi, scopri che avevano un'altra vita e altri sogni e tutto ciò su cui avevi ordinato il tuo la vita, è lasciata a pezzi. Il trauma mina la narrazione che abbiamo della nostra vita e ci priva di coesione e significato.

E mentre siamo lì in piedi nelle nebulose conseguenze, cuore e spirito allo stesso tempo crudi, in qualche modo dovremmo continuare ad andare avanti con le nostre vite regolari. Ci si aspetta che diano un senso alla normalità anemica del centro commerciale, o che stiano in fila per andare da nessuna parte, o tutti gli obsolescenti pianificati e non pianificati che ci viene detto che vogliamo.

Alcune persone non si riprendono mai veramente. Questo è tragico.

Tuttavia, la buona notizia è che la ricerca mostra che la maggior parte delle persone naviga tra le difficoltà. Sono quelli che vedi tutti i giorni nella sala da pranzo, o il prossimo cubo al lavoro. Forse si muovono un po 'più lentamente, come se avessero una specie di zoppia psicologica. Ma dopo la sofferenza e la lotta, la maggior parte se la cavano e si rialzano per vivere vite di semplice felicità.

Ma anche questa non è l'intera storia. Quando le difficoltà si verificano, quando la vita prende a calci le gambe dello sgabello da sotto di noi, ci sono alcune persone che trovano un modo per costruire nuove fondamenta e una nuova storia.

35, October 3, 2015
Fonte: Tea Bowl fissato nel metodo Kintsugi disponibile per pubblico dominio. Estratto da Wikimedia 14:35, 3 ottobre 2015

In Giappone esiste una forma d'arte chiamata kintsukuroi che significa "riparare con l'oro". Quando una pentola o una ciotola di ceramica si rompono, l'artigiano metterebbe i pezzi di nuovo insieme usando la lacca d'oro o d'argento per creare qualcosa di più forte, più bello, allora era prima. La rottura non è qualcosa da nascondere. Ciò non significa che l'opera d'arte sia rovinata o priva di valore perché è diversa da quanto pianificato. Kintsukuroi è un modo di vivere che abbraccia ogni difetto e imperfezione. Ogni crack fa parte della storia dell'oggetto e diventa più bello, proprio perché è stato rotto.

Le persone sono allo stesso modo.

A volte, quando tutto ciò che abbiamo valutato e costruito e curato nel corso degli anni si riduce a pezzi, siamo più in grado di vedere opportunità e possibilità che non si sarebbero mai presentate se la vita non fosse stata strappata a brandelli. O stando in piedi e fissando le promesse infrante e i sogni infranti, occhio a occhio con le nostre più assidue paure, a volte scopriamo che eravamo più forti di quanto immaginassimo: che possiamo sopportare di più e che non c'è motivo di paura. A volte il trauma ci avvicina a Dio, o al nostro scopo nella vita, o ci lascia più riconoscenti di prima: apprezzati e persino felici. E quando siamo traditi da qualcuno che abbiamo amato o sfruttato, a volte è la nostra fiducia e la fiducia negli altri a rafforzarsi. Guardiamo in giro tutti gli amici, i conoscenti e gli estranei che arrivano di corsa al nostro aiutante e la nostra fede nella bontà umana viene ripristinata. A cuore le tue relazioni. Coltiva loro.

35, October 3, 2015
Fonte: bff di Alex, reso disponibile tramite una licenza Creative Commons e recuperato da flikr 14:35, 3 ottobre 2015

Il fatto che alcune persone crescano sotto sforzo non è causa di auto-flagellazione nel mezzo del dolore. Non mette a repentaglio le difficoltà di vivere una vita difficile, o significa che semplicemente "supereremo" se solo pensassimo pensieri felici.

Dopo aver perso il figlio di tre anni, Harold Kushner ha scritto che era un consigliere migliore, un ministro migliore. Era più saggio, più clemente e aveva una maggiore pazienza. Eppure, continuò Kushner, avrebbe dato tutto – la crescita, la forza, lo sguardo avvizzito – se solo avesse potuto riavere suo figlio, o avrebbe potuto evitare il dolore.

Il fatto che le persone siano elastiche non è né un ammonimento, né un balsamo che porta via la sofferenza. Quello che è, è un indicatore di speranza. Le persone possono crescere di fronte agli orribili. È la prova di ciò che potrebbe essere possibile, non importa la perdita, non importa il dolore – kintsukuroi.

Ulteriori letture

Kintsugi. (2015, 28 settembre). In Wikipedia, l'enciclopedia libera . Estratto 14:28, 3 ottobre 2015, da https://en.wikipedia.org/w/index.php?title=Kintsugi&oldid=683186968

Kaufman, SB, (2014) Scientific American; Belle menti. Sei mentalmente duro. Retrieved 14:35, 3 ottobre 2015 da http://blogs.scientificamerican.com/beautiful-minds/are-you-mentally-tough/

Kushner, H. (1981). Quando le cose brutte accadono alle brave persone . New York: Schocken Books.

Von Culin, K., Tsukayama, E. e Duckworth, AL (2014). Granulazione di disimballaggio: correlazioni motivazionali di perseveranza e passione per obiettivi a lungo termine. Journal of Positive Psychology , 9 (4), 1-7.

Tedeschi, R., Addington, E., Cann, A., e Calhoun, LG (2014). Crescita post-traumatica Alcuni hanno bisogno di correzioni e promemoria. European Journal of Personality , 28, 350-351.

Tedeschi, RG, & Calhoun, LG (2004). Crescita post-traumatica: basi concettuali e prove empiriche. Inchiesta psicologica , 15 (1), 1-18.

Crediti d'immagine

bff di Alex, reso disponibile tramite una licenza Creative Commons https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/ e Retrieved 14:35, 3 ottobre 2015 da https://www.flickr.com/ foto / eflon / 4408159729 /

Tea Bowl fissato nel metodo Kintsugi disponibile attraverso il pubblico dominio. Estratto 14:35, 3 ottobre 2015 https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Tea_bowl_fixed_in_the_Kintsugi_m…

Solutions Collecting From Web of "Resilienza, crescita e Kintsukuroi"