Rendere la psicologia un Brand Education Gli stakeholder possono fidarsi

Di DeLeon L. Gray, PhD, e Briana Green, BA (NC State University). La stesura di questo saggio è stata supportata dalla National Science Foundation con il premio n. 1.614.107.

Sia che la piattaforma di social media sia Instagram, Twitter, Periscope o YouTube, brevi video educativi possono essere preziosi strumenti per portare ricerche e scoperte psicologiche nelle aule e nelle scuole K-12. Brevi video educativi non sono l'unica forma di diffusione di informazioni, ma la realtà è che ora viviamo in un mondo in rete digitale in cui la tecnologia influisce "su quasi ogni aspetto del lavoro che gli psicologi dell'educazione fanno" (Mishra, Koehler, Greenhow, 2016) , pagina 29). E i social media sono dove sono le persone in questo momento. Quindi passiamo ai tempi.

Il nostro gruppo di ricerca presso The SMART Collaborative ha recentemente lanciato un progetto finanziato dalla National Science Foundation che prevede il disimballaggio del concetto di motivazione per insegnanti, genitori e altri soggetti interessati all'istruzione. Abbiamo utilizzato video didattici per reclutare e mantenere insegnanti della scuola media nel nostro programma di doposcuola basato su STEM, il progetto i Scholar. Parte della nostra strategia prevede il caricamento dei nostri video su YouTube, che riteniamo essere un luogo altamente efficace per la diffusione di tali informazioni. Ecco tre modi in cui i ricercatori possono utilizzare i video educativi attraverso un progetto di ricerca per fare in modo che la psicologia di cui i soggetti interessati all'educazione del marchio possano fidarsi.

Strategia n. 1: avviare partenariati assicurando che le parti interessate dell'istruzione comprendano il "perché" del lavoro.

Quando gli psicologi visitano le scuole per stabilire partnership di ricerca, gli educatori non sempre le abbracciano a braccia aperte. A volte i dirigenti scolastici sono a bordo di un progetto, ma gli insegnanti possono essere restii a vedere il progetto come un altro compito che devono svolgere. In un capitolo del Manuale di Competenza e Motivazione: Teoria e applicazione , abbiamo condiviso almeno quattro ragioni per cui gli insegnanti possono considerare le collaborazioni basate sulla ricerca nelle scuole costose (Anderman e Gray, 2017): (1) non sapere se si basa sulla ricerca le strategie didattiche portano effettivamente a un'istruzione in classe più efficace, (2) richieste di tempo in competizione durante la giornata scolastica, (3) possibili richieste di tempo aggiuntive al di fuori della giornata scolastica e (4) anticipando sentimenti di frustrazione se le strategie didattiche basate sulla ricerca e altre le forme di intervento non funzionano per i loro studenti.

Molti progetti di ricerca hanno il potenziale per migliorare la vita di insegnanti e studenti in una scuola partner; e i video possono aiutare a chiarire la visione e gli obiettivi di una potenziale partnership e aiutare a rispondere alle preoccupazioni degli insegnanti che riguardano la nuova iniziativa. Come parte del nostro impegno di reclutamento e conservazione dei docenti per il progetto i Scholar, abbiamo sviluppato un discorso di sei minuti sui partenariati di ricerca (registrato dal College of Education dello stato di NC), intitolato Usare la voce, la scelta e l'azione per creare esperienze trasformative per gli studenti Prevalentemente scuole nere. Nei primi 20 secondi della presentazione, abbiamo comunicato il nostro "perché". Abbiamo anche spiegato che il nostro approccio filosofico alla collaborazione con le scuole comportava il rispetto delle conoscenze e delle prospettive di insegnanti e studenti.

I nostri stakeholder hanno espresso il loro entusiasmo per il progetto e hanno suggerito modi per estendere questo lavoro all'interno del loro distretto. Siamo stati contattati anche da altri insegnanti che vogliono prendere parte a questo progetto il prossimo anno. Per nostra diligenza, alcuni educatori hanno persino condiviso il video con i loro colleghi e amici in altre scuole. Di conseguenza, siamo stati invitati da altri presidi a svolgere attività simili con insegnanti a livello di scuola superiore.

Strategia n. 2: Sostenere i partenariati riconoscendo i punti di forza degli insegnanti per le sessioni di sviluppo professionale guidate dall'università.

Tra le nostre strategie per aumentare la fiducia nel nostro marchio ci sono convincenti educatori che abbiamo intuizioni teoriche da offrire, ma apprezziamo molto anche i loro metodi, esperienze e intuizioni. Quando gli insegnanti sono riconosciuti per le loro lezioni dinamiche in classe, possono essere affermativi e stimolanti, in particolare considerando la portata dei progetti di intervento basati sulla scuola, che a volte richiedono un elevato numero di ore di contatto tra ricercatori e insegnanti. I video clip delle istruzioni degli insegnanti di classe possono essere utilizzati per: (1) segnalare agli insegnanti partecipanti che i ricercatori universitari riconoscono il valore che stanno creando per i loro studenti, (2) consentono ad altri insegnanti partecipanti di vedere, in prima persona, alcuni dei -qualità tecniche di istruzione che possono essere utilizzate con studenti che sono simili a quelli che insegnano.

La ricerca psicologica rivela che l'esposizione a individui che hanno raggiunto un successo eccezionale in una certa professione (come l'insegnamento) è suscettibile di ispirare gli altri nella stessa professione a credere che un livello simile di successo sia anche a portata di mano (Lockwood & Kunda, 1997 ). La condivisione di videoclip di insegnanti in azione durante le sessioni di sviluppo professionale di follow-up è anche un ottimo modo per rafforzare il morale e stabilire linee di comunicazione aperte tra insegnanti che in genere non lavorano insieme. Questo approccio differisce dalle più tradizionali attività di sviluppo professionale degli insegnanti perché richiede che gli psicologi dedicano tempo all'osservazione degli insegnanti e delle loro classi. Le osservazioni sul campo, a loro volta, sono una valuta che può essere utilizzata per adattare le attività guidate dalla ricerca in modi che si basano sulle risorse e sui punti di forza che gli insegnanti portano con sé nello spazio di sviluppo professionale. Inoltre, le esperienze interattive con video offrono opportunità per gli insegnanti che vengono evidenziati per condividere i motivi per cui hanno scelto di coinvolgere gli studenti nel modo in cui hanno fatto. Nella nostra esperienza, questa strategia aiuta a facilitare una significativa riflessione di gruppo e la costruzione della fiducia onorando e privilegiando l'esperienza sul campo che gli insegnanti portano con sé nei laboratori di sviluppo professionale. Quando implementiamo questo uso dei video, raccomandiamo ai ricercatori di preparare il terreno spiegando (1) perché sono stati scelti determinati video clip, (2) che ci sono molti video aggiuntivi che mostrano un'istruzione in classe molto efficace, ma per i vincoli di tempo non sono stati inclusi.

Queste registrazioni video non sempre devono essere fatte con una videocamera appoggiata su un treppiede sul retro di una classe. Il metraggio acquisito da una prospettiva in prima persona (cioè un dispositivo di registrazione, come uno smartphone, tenuto in mano a qualcuno) è più autentico quando il videografo si muove per tutta la stanza. In tal modo, la distanza tra ricercatore e partecipante è colmata. Inoltre, quando un dispositivo di registrazione viene messo nelle mani dei partecipanti, tali registrazioni possono privilegiare le molteplici realtà esistenti all'interno di un ambiente di classe.

Questi video simili a Snapchat sono spesso più attraenti per i millennial. Questo tipo di strategia di videografia è supportata da un articolo sulla rivista Forbes , in cui si sottolinea che i millennial desiderano co-creare prodotti con organizzazioni e utilizzare i social network per interagire con i brand. E se non sei sicuro di come "scattare" un video, non preoccuparti. Basta chiedere il primo millennio che trovi. Ti faranno piazza pulita in un attimo.

Strategia n. 3: diffondere in modo innovativo la ricerca scolastica per raggiungere un pubblico eterogeneo.

Spetta a noi psicologi garantire che le nostre scoperte siano accessibili. Per accesso, intendiamo (1) diffondere il nostro lavoro in luoghi in cui gli educatori possono interagire con esso e (2) comunicare il nostro lavoro in un modo che utilizza un linguaggio chiaro e inclusivo.

Parte della nostra visione a lungo termine per il progetto i Scholar implica una forte enfasi sulla borsa di studio accessibile al pubblico; e abbiamo dedicato molto tempo a sviluppare un progetto su come collocare le nostre scoperte future nelle mani delle parti interessate dell'istruzione. Finora, non abbiamo trovato alcun esempio più forte di questo nell'ambito della psicologia dell'educazione che il lavoro della professoressa Stanford Carol Dweck. Il sito web, Mindset Works, funge da modello per come gli psicologi possono portare la loro ricerca in spazi in cui gli educatori sono in grado di trovarli e metterli a frutto. Una delle tante lezioni che la sua ricerca sulla mentalità della crescita ci insegna è che gli educatori sono aperti a conoscere concetti psicologici che hanno un significato pratico per le loro scuole e aule. La videoteca Dweck's Growth Mindset contiene più di venti video di YouTube basati su ricerche empiriche. Poiché questi video sono disponibili nel pubblico dominio – molti di loro che possiedono le stesse qualità dei video che sono diventati virali – le informazioni che contengono diventano di pubblico dominio che è più difficile (ma non impossibile) da usare in modo errato di quanto altri consigli psicologici hanno trovato nel Stampa popolare.

Molti educatori che incontrano informazioni sulla mentalità della crescita non hanno abbonamenti a riviste peer-reviewed, e quindi non possono accedere agli articoli di Dweck (o agli articoli di altri psicologi che conducono rigorose ricerche empiriche su studenti e insegnanti). Inoltre, gli articoli di giornale non sono scritti per insegnanti. Sono scritti principalmente per altri ricercatori. Quindi, anche se questi educatori potessero identificare e ottenere articoli di riviste peer-reviewed che avessero implicazioni per le loro lezioni in classe, potrebbero incontrare difficoltà nel tradurre il materiale in modi che possano essere di beneficio ai loro studenti.

Lezioni apprese e commenti conclusivi

Concludiamo con alcune lezioni apprese dall'uso di brevi video educativi e piattaforme di social media nel nostro lavoro fino ad ora. Il primo è che viviamo in una generazione in cui l'impatto della nostra presenza sui social media è spesso misurato in modi più brevi e immediati. Piuttosto che concentrarsi esclusivamente sul numero totale di visualizzazioni di un video e sul numero di Mi piace, puoi creare contenuti di alta qualità che possono essere sfruttati in modo specifico per le esigenze del tuo progetto. Per noi, questo ha significato condividere i nostri video educativi direttamente con le persone nelle comunità che serviamo, dai barbieri ai proprietari di ristoranti, ai senatori statali. Le loro reazioni sono state inestimabili e da allora hanno supportato il nostro lavoro in modi incommensurabili. Secondo, non devi essere un professionista. I video registrati tramite telefono possono suscitare alti livelli di coinvolgimento video e sono più economici da creare. In altre parole, "low-tech" non sempre equivale a bassa qualità oa basso impatto. Quindi fai quello che puoi oggi e cerca di migliorare nel tempo. Infine, l'esclusività di un video può rendere i contenuti speciali per lo spettatore. Abbiamo utilizzato un dispositivo tablet per mostrare ai video educativi degli amministratori di scuole e distretti che sono stati creati dai progetti di ricerca che hanno approvato. Scopriamo che è un bel modo per dimostrare il progresso della ricerca e crea un tocco più personale.

Usando brevi video educativi tramite piattaforme di social media, siamo in grado di definire ulteriormente il nostro marchio come psicologi dell'educazione. Nello specifico, i nostri stakeholder sono in grado di vedere cosa facciamo e perché è importante. Il professore Eric Anderman (2011) della Ohio State University ci ricorda che "il nostro lavoro non sarà accettato dai professionisti e dai politici per osmosi; piuttosto è nostra responsabilità iniziare e continuare a conversare con un pubblico specifico "(p.187). Le piattaforme digitali come YouTube rendono più che mai possibile raggiungere le parti interessate dell'istruzione e impegnarsi in partenariati di ricerca basati sulla scuola.

L'utilizzo dei video può migliorare, ma non sostituirsi a scambi coerenti, significativi e sostanziali tra ricercatori e soggetti interessati all'istruzione. Come ogni percorso per l'accettazione del marchio, il processo di diventare un marchio di fiducia tra scuole e insegnanti richiede tempo. Gli educatori prendono atto delle sottigliezze e le usano per informare le loro impressioni in continua evoluzione degli psicologi dell'educazione. Tuttavia, nell'era digitale, le impressioni degli psicologi dell'educazione e la rilevanza del nostro lavoro possono essere guidate dai nostri sforzi in modi che non erano sempre possibili nei decenni precedenti.

Questo post fa parte di una serie speciale a cura della presidente della divisione 15 APA, Bonnie JF Meyer. La serie, incentrata sul suo tema presidenziale di "Accogliere e promuovere la ricerca in psicologia dell'educazione: studenti, insegnanti e scuole coinvolgenti", è progettata per diffondere la diffusione e l'impatto di una ricerca psicologica educativa significativa. Chi è interessato può imparare di più su questo tema nella Newsletter estiva della Divisione 15 del 2016.

Solutions Collecting From Web of "Rendere la psicologia un Brand Education Gli stakeholder possono fidarsi"