Rendere il caso della marijuana come antidoto all’invecchiamento

Uno psicologo sociale si apre sulla marijuana e altre droghe.

Dati recenti indicano che i boomers invecchiati sono il segmento più importante del mercato della marijuana (legale) … presumibilmente, non è il primo rodeo per molti di quelli che sono diventati maggiorenni tra Reefer Madness e le odierne opinioni e leggi più liberali a riguardo. Gli adulti di mezza età tra i 50 ei 64 anni erano l’unico gruppo con aumenti di cannabis non giornalieri sia prima che dopo il 2007. Se le tendenze continuano, le stime di prevalenza del consumo di cannabis tra le persone di età compresa tra 50 e 64 anni potrebbero superare quelle degli adulti tra i 35 ei 49 anni. .

“La ricerca sui modelli e le conseguenze del consumo di cannabis in particolare nel baby boomer è necessaria, poiché l’uso è alto in questa coorte di nascita e si prevede che continui ad aumentare”, dice un nuovo rapporto della Columbia University School of Public Health. “Inoltre, gli aumenti significativi della cannabis nondaily usati tra gli adulti di 65 anni e più anziani sfidano le percezioni secondo cui gli anziani non usano la cannabis, sebbene l’uso quotidiano in questa fascia di età resti raro”.

Come uno di quelli che sono arrivati ​​relativamente tardi alla festa (32 la prima volta che l’ho provato), ho continuato a usare bene la marijuana nell’anno d’oro. Infatti, quando mi sono trasferito in una comunità residenziale di alto livello, ho presto scoperto quanti dei miei nuovi vicini hanno fumato, svaporato o altrimenti consumato. La marijuana mi stimola e mi rilassa. Aumenta la mia creatività, contrasta la mia occasionale timidezza sociale, mi distrae dal preoccuparmi di cose che non posso controllare, e apre la mente a nuovi modi di pensare. Quindi non sono sorpreso che molti dei miei coetanei, anche quelli che non l’hanno frequentato dal college, concordano sul fatto che neutralizza gli aspetti a volte deprimenti dell’invecchiamento alleviando la noia, ripensando a groove logori in schemi mentali altrimenti prevedibili e familiari, e intensificare alcuni dei sensi che gli anni hanno offuscato, dal modo in cui ascoltiamo la musica o vediamo la natura o rispondiamo sessualmente o assaggiamo il cibo (anche se quest’ultimo è un grosso inconveniente – ho spesso pensato di commercializzare una T-shirt con un’immagine di biscotti con gocce di cioccolato e la didascalia “Weed Leads to the Hard Stuff.”).

Il nuovo libro di Michael Pollan, “How to change your mind”, colloca in modo chiaro e lucido gli usi e gli abusi storici e contemporanei delle sostanze che alterano la mente nel contesto. Riferendo su nuovi dati, sia scientifici che aneddotici, egli considera il ruolo degli etnogeni come la psilocibina e l’LSD nel trattamento di condizioni così varie come i disturbi alimentari, il fumo e la cessazione di alcol, il DPTS e l’ansia da fine vita nei pazienti con cancro terminale. Più interessanti sono le pagine che Pollan dedica al loro uso nello stimolare esperienze mistiche, spirituali e / o trascendenti in soggetti il ​​cui cervello – secondo l’imaging magnetico e altri strumenti neuroscientifici – fornisce la prova che questi etnogeni agiscono su un’area della corteccia largamente considerata essere la fonte dell’ego o ciò che più comunemente consideriamo il senso di sé che è il principio organizzativo di base della mente.

Le mie esperienze con quegli etnogeni più di 30 anni fa erano le stesse ma diverse da quelle descritte da Pollan, sottolineando quanto set, setting e intenzione determinassero l’effetto sull’individuo. La mia intenzione era della varietà Girls Just Wanna Have Fun in quei tempi lontani, e così feci, insieme alle mie migliori amiche, in diverse occasioni in cui eravamo beatamente liberi da responsabilità, almeno per un giorno. I nostri viaggi seguivano un solco casuale e confortevole in cui ci prendevamo cura amorevolmente l’uno dell’altro. C’erano alcune costanti, come guardare l’arte nei libri o nei musei o realizzarla con argilla, colori ad acqua, o qualsiasi altra cosa fosse convenientemente a portata di mano, trascorrendo ore all’aperto e riconsiderando il mondo fisico in un modo completamente nuovo. Una volta che siamo andati in un conservatorio, da allora, non sono mai stato in grado di vedere un’orchidea da vicino senza vedere il volto del mio insegnante di chimica del liceo! E c’era la musica, in cui ogni tono, colore e voce erano così accessibili e ogni strumento così singolarmente in quelle esperienze che ancora oggi ascolto e ascolto allo stesso modo.

Quei giorni di solito terminavano nella vasca idromassaggio di qualcuno o in un bagno di vapore locale che si rivolge principalmente a famiglie asiatiche multigenerazionali o stagisti esausti e residenti di un ospedale dall’altra parte della strada. Avvolti in asciugamani, ci siamo lucidati a vicenda le unghie dei piedi – un rituale che significava, quando lo smalto si consumava, che era ora di farlo di nuovo.

Quando le considerazioni sulla vita reale hanno preso il sopravvento – quando siamo andati avanti o indietro, abbiamo acquisito obblighi professionali o credenziali, preso in considerazione i partner che disapprovavano o avevano avuto figli – abbiamo smesso di inciampare. Ciò che rimane è il senso di una coscienza unitaria che non ho mai cercato ma vissuto comunque – di essere collegato all’universo in un modo ineffabile, ma memorabile, che sono solo occasionalmente in grado di provare di nuovo. (Molto raramente, la marijuana ha un effetto simile ma molto meno intenso su di me: intenzione, insieme e ambientazione sembrano avere più a che fare con esso rispetto alla sostanza stessa). Quando contemplo la morte ora – come si fa con gli anni che si accorciano – quel ricordo calma la mia paura e ansia, come è stato riferito per i pazienti terminali.

La marijuana non è come la psilocibina o l’LSD o una qualsiasi altra sostanza, dal caffè alla cioccolata, come una volta Andrew Weill titolava un libro, che cambia il paesaggio della mente. Sono contento di non averlo usato fino a dopo essere stato adulta, e molto contento di non dover invecchiare senza di esso. Dei tre D che costituiscono la mia ricetta per l’invecchiamento, la distrazione e la negazione sono gli altri, la droga rimane quella a cui mi rivolgo quando gli altri non sono sufficienti per far fronte alle più dure realtà di invecchiare.

Riferimenti

Science Daily, 20 giugno 1918, Columbia School of Pubkic Health

Michael Pollan, Come cambiare idea, 2018

Solutions Collecting From Web of "Rendere il caso della marijuana come antidoto all’invecchiamento"