Religione e dolore cronico: evitare l'isteria

Stavo pensando di scrivere un blog su Spring Break, forse una documentazione della ricerca della linea bikini ideale. Tuttavia, gli angeli migliori della nostra natura invece mi toccarono delicatamente la spalla, e loro e la mia età mi convinsero che è meglio scrivere di questa settimana come Settimana Santa, e non Spring Break. Dopotutto, per parafrasare la Jay Leno di vent'anni fa, avevamo già l'esperienza di sopportare gli imbrogli di un cinquantenne americano (Teddy Kennedy) che insisteva nell'andare a Spring Break quando il tempo per andare a Spring Break aveva è passato molto tempo. Proprio dove pensavo di andare?

Questo è uno di quei periodi dell'anno in cui molti di noi riflettono sulla religione, se ha significato per noi o cosa ha fatto per noi ultimamente. È un periodo dell'anno che può avere un impatto significativo sulla psiche degli individui che soffrono di dolore cronico. È importante ricordare a tutti l'impatto straordinariamente positivo che la spiritualità e la religione hanno sul paziente con malattia cronica.

Una recensione concisa ma completa della ricerca sulla religione e la spiritualità, sia sulla salute mentale che sulla salute fisica è stata pubblicata dal Dr. Koenig nel 2012 sulla rivista "ISRN Psychiatry". Può essere facilmente compreso come il dolore e altri sintomi somatici angoscianti possano motivare le persone cercare conforto nella religione attraverso attività come la preghiera o lo studio della Scrittura. Religione e spiritualità sono utilizzate per far fronte a tali sintomi: in uno studio su 382 adulti con disturbi muscoloscheletrici, affrontare la religione e la spiritualità era la strategia più comune per affrontare il dolore ed era considerato il secondo più utile in una lunga lista di coping comportamenti. Questo fenomeno è stato corroborato da ulteriori ricerche.

Nondimeno, la religione e la spiritualità possono in qualche modo causare un aumento del dolore e dei sintomi somatici in alcuni individui, forse da una malsana concentrazione sui sintomi negativi o attraverso le manifestazioni fisiche dell'isteria, come sostenuto da Freud.

Uno sguardo più ravvicinato agli studi pubblicati che hanno esaminato le relazioni tra religione e spiritualità e dolore rivela quanto segue: il 39% ha trovato benefici dalla religione e dalla spiritualità; Il 25% ha mostrato maggiori livelli di dolore associati a religione e spiritualità. Alcune ricerche suggeriscono che la meditazione è particolarmente efficace nel ridurre il dolore, sebbene gli effetti siano amplificati quando viene usata una parola religiosa per focalizzare l'attenzione. È importante sottolineare che nessuna prova clinica ha dimostrato che la meditazione o altri interventi religiosi o spirituali aumentano il dolore oi sintomi somatici.

Ora, nessuno sta sostenendo che i meccanismi soprannaturali siano responsabili della relazione (positiva o negativa) tra religione, spiritualità e salute. I percorsi attraverso i quali la religione e la spiritualità influenzano la salute fisica che i ricercatori possono studiare usando il metodo scientifico sono quelli che esistono nella natura e ci rendono ciò che siamo; siamo un prodotto di influenze psicologiche, sociali, comportamentali e genetiche.

L'esistenza di forze soprannaturali è una questione di fede; ma non c'è nulla di soprannaturale nel domandare se la credenza in tali forze (e i comportamenti che derivano da tali credenze) abbia un effetto sulla salute. Ci sono tutte le ragioni per pensare che lo faccia.

Il campo della religione, della spiritualità e della salute sta crescendo rapidamente. Come fornitori di assistenza sanitaria, non dobbiamo necessariamente credere; ma dovremmo cercare di capire.

Solutions Collecting From Web of "Religione e dolore cronico: evitare l'isteria"