Religione e dipendenza: vuoto-riempitivi?

L'ultimo post, ho parlato del vuoto che affronta il tossicomane contemplando l'astinenza. Se sei stato un tossicodipendente per un po ', allora sai esattamente cosa intendo.

Time Magazine
Fonte: Time Magazine

Alcune persone si riferiscono a questo limite di scogliera come un vuoto o un abisso. E oggi voglio confrontarlo con l'enorme golfo affrontato da persone profondamente religiose che non possono più credere (ad esempio, nella loro chiesa, la loro religione o il loro Dio). Sto dicendo che la perdita di fede per i religiosi è molto simile a ciò che i tossicodipendenti sentono quando fissano un futuro di totale astinenza. Strano, non è vero?

Allora, cos'è che noi esseri umani abbiamo così tanta paura di perdere?

Quello che vogliamo così tanto, e ciò che sia la religione e la dipendenza sembrano offrire, è un senso di connessione che lega il nostro piccolo sé solitario a qualcos'altro, qualcosa di più grande, qualcosa che sembri una certezza in un mondo che è al di là del controllo. Questo desiderio di connessione e "continuità" è piuttosto fondamentale. Tanto che si incorpora nei circuiti neurali responsabili del desiderio e del perseguimento degli obiettivi – sì, il famigerato striato (incluso il nucleo accumbens) a cui mi sono riferito molte volte in questo blog. Noi desideriamo, e cerchiamo, e desideriamo ardentemente, e desideriamo ardentemente quella cosa che sembra mancare, perché i nostri cervelli sono fatti per cercare ciò che non abbiamo.

Nella sua ricerca e nei suoi scritti, Kent Berridge evidenzia qualcosa di molto importante sul cervello. Il meccanismo neurale del desiderio è questa rete piuttosto estesa di materia cerebrale, che comprende letteralmente una vasta area nel mezzo del cervello, ei suoi tentacoli raggiungono il tronco cerebrale, l'amigdala e la corteccia prefrontale. Questo è un sacco di territorio. Mentre il meccanismo neurale del piacere è questo piccolo pezzo di tessuto di circa un centimetro quadrato. In altre parole, il desiderio è molto più importante del piacere, quando misurato in termini di proprietà neurali.

Non sto certo dissingendo il desiderio. Non lo chiamerei "The Beast", come fanno in Rational Recovery. Al contrario, la potenza della sensazione di desiderare ciò che non abbiamo è forse il singolo più grande contributore alla nostra evoluzione come specie. Il circuito del desiderio non occuperebbe un così enorme pezzo di materia cerebrale se non fosse assolutamente essenziale per la sopravvivenza e la procreazione. Ahem: procreazione? Pensaci.

Siamo costruiti per il desiderio, per il desiderio, per la brama. E specialmente nei tempi attuali, viviamo le nostre vite come individui, letteralmente e figurativamente scollegati da chi ci circonda. (Vedi Bruce Alexander per un magnifico trattato sulla dipendenza e l'alienazione). Quindi ciò che desideriamo è un antidoto alla nostra fondamentale condizione, ed è il motivo per cui molti di noi si rivolgono alla religione, o alla dipendenza, fino a quando smettono di lavorare per noi.

Universal access
Fonte: accesso universale

Ma il desiderio in sé non è una cosa malvagia. È una cosa molto umana. È qualcosa che conosciamo intimamente in noi stessi e fa emergere la nostra compassione per la vulnerabilità che vediamo negli altri.

Possiamo rispettare la persona religiosa, e possiamo rispettare il tossicodipendente, non per il modo in cui vivono le loro vite, non per la loro cieca determinazione a continuare a fare quello che stanno facendo, ma per appropriarsi del meccanismo del desiderio per la ricerca della connessione. Non soldi, non potere, nemmeno piacere, i miseri obiettivi della vita quotidiana, ma qualcosa di speciale.

Solutions Collecting From Web of "Religione e dipendenza: vuoto-riempitivi?"