Relazioni tra fratelli adulti: ciò che le persone chiedono loro

Michael Woolley e io tenemmo una conferenza alla New York Public Library il 1 giugno sul nostro nuovo libro, Adult Sibling Relationships. Più di 50 persone sono venute per quello che doveva essere un discorso di 60 minuti e, 100 minuti dopo, abbiamo dovuto interrompere il discorso per prendere il treno per Baltimora. La nostra presentazione ha coperto la nostra ricerca con circa 300 fratelli, il nostro orientamento teorico (usando ambivalenza e ambiguità per comprendere le complessità delle relazioni tra fratelli adulti) e le nostre strategie di intervento (Teoria dei sistemi familiari come concepita da Murray Bowen; Terapia familiare strutturale come concettualizzata da Salvador Minuchin; Terapia esperienziale e di comunicazione concettualizzata da Virginia Satir).

Dopo la nostra presentazione, l'abbiamo aperta a domande che andavano dal molto personale al globale. Una donna ha chiesto come affrontare due sorelle che, per anni, non l'avevano trattata in modo equo. Doveva affrontarli insieme o separatamente, si chiese. Se insieme, si coalizzerebbero su di lei? Se separatamente, si dirà all'altro dopo che si è avvicinata alla prima?

Un altro si chiedeva cosa fare data la sua storia familiare. Veniva da una famiglia con una grande quantità di problemi intergenerazionali (vedi, ad esempio, il lavoro di Bowen) che includeva la malattia mentale, le sfide fisiche e la dipendenza. In che misura dovrebbe continuare a cercare di andare d'accordo con i membri della famiglia se le loro risposte a lei erano imprevedibili e dolorose?

Una terza persona ha chiesto come combattere i fratelli che si attaccano a lui quando gli viene fatto sentire il capro espiatorio. Forse aveva seguito la sua vita in modo diverso da quello che la sua cultura aveva dettato: ciò causava costernazione tra gli altri fratelli che volevano che si conformasse.

La nostra formazione come terapeuti familiari e il nostro apprezzamento per la ricca letteratura che ha influenzato il nostro modo di pensare e insegnare per molti anni ci ha aiutato a fornire un feedback a domande molto complicate di persone di diversa estrazione e con esperienze diverse. Ma nessuna risposta in un forum pubblico può essere di aiuto universale. Piuttosto, lo scopo di tali luoghi è quello di fornire alcune informazioni sulle relazioni tra fratelli e, si spera, alcuni suggerimenti per potenzialmente guardare di nuovo a queste relazioni più lunghe. Ottenere una comprensione della trasmissione intergenerazionale dei problemi familiari e dell'intuizione nella propria famiglia può aiutare con l'intuizione. Ad esempio, i nostri problemi tra genitori e fratelli vengono tramandati e provocano problemi attuali tra fratelli? Conoscere i confini (Terapia della famiglia strutturale) può guidare i membri della famiglia a capire chi dovrebbe parlare a chi e come si formano le alleanze. La triangolazione tra fratelli e tra fratelli e genitori è un modello disfunzionale comune che può essere alleviato con un cambiamento nel comportamento. Una comunicazione più chiara tra i fratelli e l'uso dei messaggi "I" (vedi Satir) può anche essere utile per passare a modalità più funzionali di interazione.

Eppure, come molti problemi di lunga data e seri, avere l'opportunità di parlare con un terapeuta può essere il miglior balsamo nel sistemare le cose. Un forum pubblico può essere sufficiente per molti per avviare il processo di auto-scoperta e apprendimento auto-guidato. Per gli altri, è necessaria più assistenza.

Infine, e sulla nota globale, una donna ha chiesto chi sono i nostri guru e se quei guru potrebbero guidare una società che ha bisogno di una maggiore connessione. Abbiamo dato due risposte – una risposta che cita le influenze che hanno contribuito a modellare il nostro modo di pensare sul funzionamento della famiglia e un'altra risposta, dicendo il contrario, che riflette che non si dovrebbe mai considerare qualcuno un guru.

Solutions Collecting From Web of "Relazioni tra fratelli adulti: ciò che le persone chiedono loro"