Reinventare come selezioniamo i nostri leader politici

Bizenson, CC 3.0
Fonte: Bizenson, CC 3.0

Ho visto più tristezza e rabbia per l'attuale campagna presidenziale di qualsiasi altra nella mia vita.

Naturalmente, gran parte di esso è centrato attorno a Donald Trump: come potrebbe una persona del genere essere il principale candidato al GOP?

Almeno in parte, è la testimonianza del sistema, in cui denaro e bombastra (ahem) vincono la competenza per fare il lavoro.

La mia crescente infelicità con il sistema mi sta motivando, qui, ad aggiornare il mio articolo su WashingtonPost.com su come reinventare il modo in cui selezioniamo i nostri leader politici. Ecco la versione aggiornata.

In un passato non molto lontano, i candidati politici avevano solo una piccola squadra di pubbliche relazioni armata di poco più del buon senso. Il consiglio del team è stato semplice, "Sembra un moderato. Sorridi di più. Parla con morsi sonori. "Le armi di influenza non erano più sofisticate dei pulsanti" I Like Ike ".

Oggi, più influente è l'ufficio, più è probabile che i candidati impieghino un gruppo di esperti altamente esperti di influenza provenienti da Madison Avenue e dal mondo accademico. Ad esempio, TIME ha riferito sull'uso della campagna da parte di "una squadra da sogno comportamentale", compreso un premio Nobel. "Questi ragazzi sanno davvero cosa fa spiccare il volo alle persone", ha detto al TIME il direttore della campagna elettorale di Obama Mike Moffo.

I democratici non sono soli. In effetti, il GOP, sotto la guida di Frank Luntz, fece il primo salto quantico nella manipolazione di massa dando ai focus group un quadrante da 0 a 100. Gruppi di probabili elettori altalenanti siedono con un quadrante mentre il candidato prova proposte politiche, punti di discussione retorica della campagna e diverse formulazioni di tutto quanto sopra. I membri del focus group possono ruotare il quadrante da 1 a 100 di momento in momento. Gli high scorer diventano la chiave per la messaggistica del candidato, il massimo del pandering. Luntz ha mostrato la tecnica su The Colbert Report.

Questo approccio governa i dibattiti, le pubblicità, le conferenze stampa e gli interventi dei discorsi, gli incontri "informali" dei municipi, le colazioni pancake "press-the-flesh" e gli approcci ai potenziali donatori. I candidati devono essere attori abbastanza bravi da far sembrare che tutto provenga dal loro cuore e dalla loro mente, non dal database dei focus group.

Per vincere il fronte online, le campagne assumono un battaglione su esperti di social media marketing per indirizzare gli elettori con email attentamente pianificate, aggiornamenti di Facebook, tweet su Twitter e foto SnapChat.

Forse il più ostile al fatto che abbiamo selezionato i migliori leader, i candidati del 2016, in particolare Hillary Clinton, stanno utilizzando le affermazioni di Hollywood e rockstar per influenzare gli elettori. Non riesco a pensare a qualcosa di più influente che sia meno indicativo di quanto sarebbe buono un presidente qualcuno.

Certamente, tutto questo sta costando grandi dollari dei contribuenti e dei donatori. Ad esempio, secondo il Center for Responsive Politics, il costo delle elezioni americane nel 1998 era già di $ 1,6 miliardi di dollari. Nel 2012, l'ultimo anno studiato, è salito alle stelle a $ 6,3 miliardi. Questo è più di $ 5.000 per ognuno dei 111 milioni di cittadini in età di voto!

Pianifichiamo le spese correnti. Solo nella campagna presidenziale del 2016, che sta appena iniziando sul serio, Hillary Clinton ha già speso $ 200 milioni, con Ted Cruz e Bernie Sanders legati per la seconda più spesa a $ 100 milioni ciascuno!

Di fronte a tutto ciò, come possiamo sperare che l'elettorato americano – anche i suoi membri ben istruiti – sceglieranno i candidati più propensi a governare saggiamente la nazione? Come possiamo persino sapere come sarà un candidato in ufficio? Noi no.

Troppo spesso, non finiamo per votare per il miglior candidato, ma per la migliore macchina di messaggistica, la marionetta più controllata dai dati.

Cerchiamo di non pensarci troppo perché ci renderebbe ancora più scettici nei confronti della nostra leadership. Ma considera quante volte i candidati usano frasi a cui nessuna persona pensante si opporrebbe – frasi come "Vogliamo andare avanti, non indietro" e "Io sostengo i valori della famiglia". La proposta del candidato è una "nuova idea audace" mentre l'avversario è uno "schema rischioso". Accettiamo, con un'alzata di spalle, politici che eludono le domande dei media. Anche molti dei media lo accettano.

Un modo migliore : selezionare, non eleggere.

Selezionare i nostri legislatori votando è una tradizione sacro, ma tutte le tradizioni devono rimanere per sempre? Alla luce delle macchine di manipolazione sempre più sofisticate dei candidati, il bene più grande potrebbe essere servito selezionando piuttosto che eleggere i nostri legislatori?

Ad esempio, il Senato potrebbe consistere nel più recente pensionamento delle 10 maggiori organizzazioni non profit, un responsabile della tecnologia principale scelto a caso dell'S & P Midcap 400, il Top Cop della National Association of Police Top, il National Teacher of the Year, il più premiato scienziato vincente all'età di 30 anni, professore di filosofia che ha vinto il maggior numero di premi per l'eccellenza nell'insegnamento, l'impiegato federale ha promosso più rapidamente a livello di direttore, il presidente del corpo studentesco di un college selezionato a caso, un vincitore del premio genio MacArthur scelto a caso, e l'artista con il maggior numero di opere nei migliori musei. È importante sottolineare che, in aggiunta, forse il 20% dei membri del Senato dovrebbe essere selezionato a caso. È improbabile che una leadership composta solo da élite della società consideri l'intera gamma di prospettive degne di considerazione.

I legislatori sarebbero soggetti a limiti di tempo, servendo solo un termine di sei anni. Ciò darebbe loro abbastanza a lungo da imparare come essere un legislatore efficace, ma abbastanza breve da ridurre il rischio di corruzione.

Dirigenti politici come il presidente, il governatore e i sindaci non potevano essere selezionati in questo modo. Ma un sistema di gran lunga superiore allo status quo sarebbe quello di limitare le campagne a due o tre settimane, al 100% finanziate pubblicamente, consistenti in sommari ampiamente diffusi sul voto elettorale, sulle convinzioni e sulle posizioni chiave dei candidati, oltre a due dibattiti televisivi. Chiamo queste campagne croccanti.

I vantaggi delle campagne Non eleggere, selezionare e nitide includono:

– Un gruppo di leader più degno e idealmente diversificato. Oggi molti aspiranti aspiranti candidati hanno cose migliori da fare che intraprendere una campagna manipolativa di quattro anni, press-the-flesh, succhia-grassi e gatti-e-interessi speciali per un lavoro quadriennale lavorare in un labirintico governo, massimamente controllato ed equilibrato, con altri disposti a fare tali cose per essere eletti.

– Perché non ci sarebbero donazioni private, i nostri leader non sarebbero interessati a interessi particolari e grandi donatori.

– Il pubblico vedrebbe tale leadership con più rispetto di quello che hanno attualmente per i nostri candidati eletti.

– Il pubblico avrebbe meno probabilità di sperimentare il malessere di cui sopra riguardo al proprio governo e il modo in cui vengono selezionati i leader governativi.

È pratico?

Certo, i politici in carica potrebbero non permetterlo. Dopotutto, le volpi fanno la guardia al pollaio.

Ma credo che i media, ugualmente desiderosi di vedere leader migliori, solleciterebbero l'elettorato a sostenere i candidati che voterebbero per un sistema di selezione più equo.

E i politici, preoccupati per il loro posto nella storia, sentiranno la pressione per sostenere il cambiamento. La storia vedrebbe i politici che si sono votati fuori da un lavoro per il bene della nazione come eroi, mentre i politici senza voto sarebbero visti come ostruzionisti autonomi.

Un'altra obiezione è che un sistema di non eleggere.Seleziona e croccante campagne richiederebbe un emendamento costituzionale, che non è un compito facile. Ma la Costituzione è già stata emendata 27 volte. Non riesco a pensare ad una ragione più degna per il numero 28.

I nove libri del Dr. Nemko sono disponibili su Amazon.com.

Solutions Collecting From Web of "Reinventare come selezioniamo i nostri leader politici"