Reincarnazione: il gabinetto del Dr. Stevenson

Perché, nelle loro vite passate, ognuno era una principessa o un potente guerriero? Qualcuno non ha scavato fossati nel mondo antico? Chi ha tirato fuori la spazzatura? Chi ha nutrito gli elefanti? Nonostante questi cavilli, la reincarnazione ha molte attrazioni come idea: ci offre un altro giro della ruota; mette punizione o premio per le nostre azioni in un paesaggio più credibile delle fiamme o delle nuvole; semplifica la domanda su dove tutta questa coscienza va o viene. È ordinato e ragionevole, come il riciclaggio. E rende ognuno di noi speciale – se non altro perché una volta governavamo l'Egitto.

Se rifuggite da questo principio seduttivo perché non è scientifico, fate attenzione: il professor Ian Stevenson, descritto dai colleghi come "un investigatore metodico, attento, anche prudente, la cui personalità è dal lato ossessivo", ha dedicato una vita a documentare le istanze di "Casi di tipo reincarnazione." Un canadese alto e riservato, Stevenson non aveva nessuno dei guru su di lui: gli occhi ipnotici, gentilmente ma non per niente, sbirciavano attraverso gli occhiali funzionali; tweed, non vesti color zafferano, avvolse la sua struttura allampanata. Primo nella sua classe alla scuola di medicina McGill, ha abbracciato lo stile di espressione scientifica autocontaminata: i suoi discorsi e le sue carte erano l'opposto dell'infiammatorio. L'unico accenno di non ortodossia nel trucco era la devozione di sua madre a Theosophy, che descriveva come "una specie di buddismo in vaso per gli occidentali". Nella sua vasta biblioteca su argomenti mistici Stevenson ha scoperto per la prima volta l'idea che avrebbe occupato la sua vita .

Le prove che presenta sono: oltre 2.500 casi, provenienti da culture di tutto il mondo, in cui i bambini piccoli descrivono le vite e le vite precedenti vissute che corrispondevano in dettaglio a quelle di persone reali le cui storie i bambini non potevano conoscere. L'esempio più estremo – e quindi più attraente – è stato un ragazzo di Beirut che ha descritto di essere un meccanico di 25 anni, ucciso quando cadde da un'auto in movimento su una strada vicino alla spiaggia. Il ragazzo potrebbe apparentemente nominare il conducente dell'auto e i parenti stretti del morto. Stevenson era attento alle frodi e alle conclusioni premature come dovrebbe essere uno scienziato; ha scontato i conti confusi o chiaramente auto-illusi. Eppure alcune storie semplicemente non hanno presentato una spiegazione "normale". Non solo storie, infatti: uno dei libri di Stevenson documenta centinaia di casi in cui il modello delle voglie o difetti di nascita di un bambino duplica le lesioni ricevute nella "vita passata" che il bambino ha ricordato.

Gli scettici si sono naturalmente allontanati dalla ricerca, così ricca di segni e portenti, ma, a giudizio di Stevenson, nessuno ha indicato evidenti errori nella raccolta dei dati o nei metodi di segnalazione. Sembra scientifico – e in effetti il ​​problema potrebbe effettivamente essere quello che significa "scientifico". La scienza propone ipotesi esplicative e poi cerca di confutarle con contro-esempio. Un risultato positivo "statisticamente significativo" nella scienza sperimentale di solito significa che esiste una probabilità inferiore a 1 su 20 che i risultati osservati siano stati prodotti solo per caso. Un esperimento ben condotto isola sufficientemente un meccanismo proposto di causalità dai fenomeni casuali circostanti per fare in modo che un risultato statisticamente significativo ci dica qualcosa su ciò che sta accadendo.

Ora, Stevenson non ha mai proposto un meccanismo; non c'era nulla da testare – nessun potenziale controesempio in cui un bambino con le stesse memorie apparenti potesse essere mostrato per non essere reincarnato. Stevenson non è stato in grado di valutare quanto questo fenomeno potesse apparire solo per caso, perché i dati si erano selezionati da soli: conosceva solo un caso perché era inusuale. Non c'era modo di isolare queste straordinarie storie dalle altre notevoli coincidenze che segnano la vita su questa terra numerosa.

Perché la vita umana è piena di coincidenze; lo statista Warren Weaver parla di aver sentito un estraneo, un professore tedesco all'Università di Bogotà, descrivere improvvisamente ogni albero esemplare che circondava la casa di Weaver nel Connecticut rurale; documenta due uomini che, non essendosi mai incontrati, si sono uniti all'Esercito simultaneamente, hanno servito nella stessa unità, avevano la stessa età e somigliavano così tanto da essere presi per gemelli identici; uno è stato nominato, Baker, l'altro cuoco. Ci sono sei miliardi di persone sulla terra. Anche se c'è solo una possibilità su un milione di avere una determinata caratteristica, la condividi come molti altri che riempirebbero due volte la Carnegie Hall.

Senza un meccanismo proposto e un metodo per quantificare il significato, le osservazioni di Stevenson possono avere le voglie della scienza, ma non la sua vita. Questo li rende cuccette? Affatto; ma li lascia, per il momento, al di fuori della provincia della realtà testabile. Le sue prove riguardano qualcosa senza spiegazione – e, ingiustamente per lui, il suo odore dell'occulto rischia di scoraggiare ulteriori indagini.

Ian Stevenson è morto oggi nel 2007, dandogli l'unica possibilità di tentare un esperimento nel suo campo altrimenti aneddotico. La combinazione per il lucchetto dell'archivio nel suo ufficio era regolata da un mnemonico noto solo a lui. Disse che, se fosse stato capace, avrebbe tentato di comunicare questo da oltre la tomba a una coscienza vivente – per dimostrare che l'esistenza umana è ciclica, e la vita non è semplicemente una freccia puntata verso l'obiettivo della morte.

Finora, l'armadio rimane chiuso.

Solutions Collecting From Web of "Reincarnazione: il gabinetto del Dr. Stevenson"