Regole d’ingaggio

È ora di uscire da Dodge.

Ho concluso La dottrina pericolosa del libero arbitrio suggerendo che l’assenza di pistole comporta l’assenza di violenza armata. Certo, questo è un punto retorico e utopico. Gli obiettori sono pronti a sottolineare che gli invasori di casa verranno dopo di te con mannaie e arpioni di carne. Gli aspiranti tiratori della scuola esprimeranno il loro scontento con le bombe a mano. Forse. Non abbiamo i dati. Il paese è inondato di pistole e i confronti statistici che correlano la severità delle leggi sulle armi con la prevalenza della violenza sono pieni di difficoltà e ambiguità. Gary Kleck, che ha studiato il problema per decenni, non trova molto da segnalare (Kleck, 2015). Tuttavia, egli trova che “richiedere una licenza per possedere una pistola e divieti di acquisto di armi da parte di alcolizzati sembra ridurre i tassi di omicidio e rapina. Prove più deboli suggeriscono che il divieto di acquisto di armi da parte di criminali e il possesso da parte di malati mentali può ridurre i tassi di aggressione e che il divieto di acquisto di armi da parte di criminali può anche ridurre i tassi di rapina “(Kleck, Kovandzic, & Bellows, 2016, 488). . Queste sono conclusioni provvisorie, troppo deboli per offrire ai difensori del controllo delle armi molte munizioni (per così dire) e troppo deboli per incoraggiare coloro che pensano che più armi daranno meno violenza.

Kleck (2017) ha riesaminato i noiosi dibattiti sulle armi, dove nessuno sembra mai avere un ripensamento in risposta a discussioni o fatti. Eppure, da empirista, è fermamente convinto che i dati statistici potrebbero, un giorno, informare una politica saggia. Penso che questo non accadrà mai. Invece, chiedo che consideriamo un cambiamento nel modo in cui parliamo delle armi, della loro disponibilità e del loro controllo. In “Doctrine”, ho iniziato a fare proprio questo presentando l’esperimento mentale di una società senza armi nelle mani di privati. Potrebbe esserci un mercato nero, e il compito dello stato sarebbe quello di sradicarlo. Se lo stato fallisce, possiamo chiederci se il desiderio di acquisire armi illegalmente sia una dipendenza psicologica, al pari dell’abuso di sostanze. Ad ogni modo, quello che ho proposto è una versione della visione di Thomas Hobbes dello stato. Il Leviatano ha il monopolio del potere, perché ogni cittadino si arrende di potere in modo che i cittadini non si uccidano l’un l’altro (o sparino ai loro compagni studenti). Accettare Hobbes non significa accettare la tirannia. La separazione dei poteri tra i rami del governo, come proposto da Montesquieu, deve essere sancita.

Se questa visione neo-hobbesiana è considerata aberrante, e se il diritto di tenere e portare le armi è considerato un valore sacro, si deve considerare sia le conseguenze che derivano da questo è un imperativo categorico, sia che si devono proporre limiti. Nell’ultimo post ho fissato un chiaro standard: niente pistole in mani private. Per quanto possa sembrare improbabile, è uno standard comprensibile. Viene fornito con un numero: ZERO. Ma qual è lo standard e qual è il numero dell’alternativa libertaria? Qual è il limite superiore delle pistole? Molte cose che potremmo desiderare di avere o avere dei limiti superiori. C’è solo così tanto vino che possiamo bere, così tante bistecche che possiamo mangiare, o così tante pillole che possiamo riempire. Ma il numero di armi che potremmo voler possedere, o pensare che dobbiamo possedere, non ha limiti logici o fisici (molto come i soldi). L’idea che la libertà di collezionare le armi debba essere totale è, in parte, alimentata da un senso di competizione indotto dalla paura: “Ci sono cattivi hombres là fuori, e si armeranno da soli. Quindi devo. “Essendo categorico, l’argomento bad-hombres non offre regole ferme. Se più pistole nelle nostre mani significano maggiore sicurezza, allora anche più pistole di più pistole significa anche più di una maggiore sicurezza. È una discussione in fuga, e quindi negativa.

Il corollario dell’argomento più-è-più è l’argomento più spesso. Molti cittadini rispettosi della legge mantengono i loro fucili responsabilmente bloccati e al sicuro, ma possono preoccuparsi di come affrontare un invasore di casa: “Aspetta un attimo, signora, mentre sblocco il mio armadietto.” L’argomento delle pistole più spalancate si apre la porta ad una presenza illimitata di pistole. Tutti li porteranno sempre e ovunque. Se pensi che questa sia una caricatura della linea pro-gun, posso assicurarti che lo è. Il punto è che la visione pro-gun deve essere tenuta in considerazione per annunciare i propri limiti. Se è davvero sciocco contemplare una società in cui tutti portano le armi più potenti ovunque e in ogni momento, allora qual è un limite ragionevole? I sostenitori della pistola possono concordare su uno? E se possono, come potrebbero non preoccuparsi di avere la loro brutta pretesa contro di loro rivolta contro di loro? Se il criterio è, ad esempio, un fucile d’assalto e due pistole per tutti, non bisogna preoccuparsi che i cattivi hombres risponderanno con due fucili d’assalto, quattro pistole e un Panzerfaust ? L’argomentazione libertaria funziona solo se può dimostrare che esiste un equilibrio in cui le persone buone superano le persone cattive in modo tale che la società possa riposare in pace (senza morire, cioè).

Non c’è un tale equilibrio, temo. Dopo ogni tiro, gli avversari della pistola noteranno che le pistole hanno qualcosa a che fare con la sparatoria, e i sostenitori della pistola noteranno che se ci fossero state più pistole, allora ci sarebbero state meno sparatorie. Il primo argomento è evidente; il secondo argomento non è evidente, ma dipende dalla condizione che le pistole aggiuntive debbano essere nelle mani giuste. Ma per raggiungere questa condizione è proprio il punto della regolamentazione della pistola , al contrario dell’idea utopica di abolizione della pistola.

Leviatano rivisitato . La protezione contro gli invasori domestici armati è solo un fronte. L’altro è il governo. Un modo – forse il modo principale – per leggere il secondo emendamento è che lascia aperta la porta affinché il popolo (armato) si alzi quando il governo diventa tirannico. Un’idea importante, purtroppo radicalmente non realistica in vista di un governo che ha il controllo di una macchina militare mostruosa. Il governo non dovrebbe trasformare questa macchina sui propri cittadini, ma quando lo fa, la resistenza armata assume la forma di rivolte al massimo, non di rivoluzione. Questo non è il 1776.

Riguardo a “pensieri e preghiere”: se Dio non può sentire le grida dei morenti, come può ascoltare le preghiere dei politici repubblicani?

Nota per i commentatori : Sentiti libero di sfogarti. È un sito di psicologia, dopo tutto. Ma una discussione ragionata sarebbe bella. Meglio ancora: sul tema.

Riferimenti

Kleck, G. (2015). L’impatto dei tassi di possesso delle armi sui tassi di crimini: una revisione metodologica delle prove. Journal of Criminal Justice, 43, 40-48.

Kleck, G. (2017). Targeting per pistole. Armi da fuoco e il loro controllo. New York: Taylor e Francis. Pubblicato per la prima volta nel 1997.

Kleck, G., Kovandzic, T., & Bellows, J. (2016). Il controllo delle armi riduce il crimine violento? Revisione della giustizia penale, 41, 488-513.

Solutions Collecting From Web of "Regole d’ingaggio"