"Recupero di marijuana"

Non è un segreto che molte AA, ad esempio, usano la marijuana nonostante la loro astinenza dall'alcol. Ciò indica un'assenza imperdonabile tra le molte opzioni di recupero disponibili per le persone che lottano contro le dipendenze: la marijuana non è considerata un sostituto valido.

Nonostante tutto quello che potresti aver sentito su come qualcuno che prende a calci una dipendenza da sostanze deve astenersi da tutte le sostanze psicoattive, una delle migliori guarigioni che ho visto è tra le persone che usano la marijuana come sostituto della loro precedente droga preferita – che si tratti di alcol, eroina, cocaina o anfetamina.

E ora, finalmente, questo fatto sta ricevendo qualche conferma scientifica (1).

Mentre alcuni potrebbero obiettare che molti (forse anche la maggioranza) che usano MJ in questo modo inevitabilmente ricadono sul loro veleno precedente, questo è vero anche per i puri astemi. Le mie osservazioni suggeriscono che, nel complesso, i fumatori di marijuana fanno meglio degli astemi. Certo che è aneddotico, e in realtà non abbiamo dati concreti su questa domanda.

Tuttavia, date le recenti incursioni verso la legalizzazione e la depenalizzazione della marijuana, i dati concreti arriveranno sicuramente nei prossimi anni. La mia previsione, in qualità di scienziato della tossicodipendenza e di crackhead che è stata in giro, è che un'osservazione onesta determinerà, senza dubbio, che le probabilità sono migliori per i fumatori di marijuana.

Per uno, è davvero difficile generare numeri peggiori rispetto al puro approccio di astinenza – uno su 20, se questo!

Ma c'è di più.

Una cosa che la macchina di recupero, professionale e di base, trascura tipicamente è che l'astinenza non è semplicemente fattibile per la maggior parte dei tossicodipendenti – almeno non immediatamente. E, lungo la strada quando può essere fattibile, potrebbe non essere necessario o addirittura l'opzione migliore.

Ma concentriamoci sui primi anni di recupero: per un adulto che si è auto-medicato sin dalla prima adolescenza, la completa astinenza è spesso distruttiva. Nella normale pratica medica, i professionisti lavorano con – piuttosto che contro – le tendenze di un paziente. Tuttavia, con la dipendenza, un'inversione di 180 gradi è spesso acclamata come la soluzione necessaria. Nella stragrande maggioranza dei casi, questa "soluzione" è un violento e pericoloso assalto all'intero essere di una persona.

E se meno del 5% che tenta l'astinenza è in grado di continuare per due anni senza un orribile incidente, la mentalità dominante attribuisce semplicemente la schiacciante maggioranza piuttosto che prendere di mira l'ovvio colpevole: l'astinenza acclamata come l'unico obiettivo possibile all'esclusione di ogni altra opzione. Non c'è davvero nulla di sbagliato nell'astinenza in sé. Il problema inizia quando viene salutato, senza compromessi, come l'unica opzione.

Per tutto il XX secolo, molti furono privati ​​- senza una sola buona ragione – di avvicinarsi al loro recupero attraverso quello che è stato deriso come "il piano di manutenzione della marijuana".

È, infatti, un buon piano per molte persone. E con l'attuale tendenza a favore della legittimazione dell'uso di marijuana, non dovrebbe passare molto tempo prima che i gruppi di supporto inizino a spuntare sul consumo di marijuana per aiutare le persone a prendere a calci le droghe più pesanti. Potrebbero esserci già alcuni gruppi di questo tipo mentre scrivo queste parole.

A proposito anche di tempo!

Una versione precedente di questo articolo è stata pubblicata su The Huffington Post, Regno Unito. 29 gennaio 2013.

Solutions Collecting From Web of ""Recupero di marijuana""