Recenti conclusioni negative per l'interazione gene-ambiente nella depressione Impart Lezioni utili

Replica.

È una di quelle parole arcane che i ricercatori psicologici e psichiatrici usano regolarmente, ma poche persone nel pubblico hanno sentito parlare, per non parlare di capire. Tuttavia, se dovessi compilare una lista di 10 termini che dovrebbero conoscere tutti i laici interessati alla psicologia, la "replica" sarebbe in cima a quella lista. Si riferisce alla capacità dei ricercatori, idealmente ricercatori indipendenti, di duplicare i risultati precedenti. La replicazione indipendente è particolarmente cruciale, perché una squadra investigativa può continuare a ripetere i propri errori, causando l'apparenza erronea di un risultato attendibile.

Le repliche in psicologia sono estremamente importanti, soprattutto perché molti risultati interessanti sono i raffreddori. Ricordate il famoso studio del "Bloomer" del 1968 di Rosenthal e Jacobson che mostra che le aspettative positive degli insegnanti in grado di produrre artificialmente possono produrre un QI più alto nei loro studenti? Molte persone, inclusi molti laici istruiti, hanno sentito parlare di questa scoperta, ma pochi sanno che un gran numero di ricercatori successivi ha trovato questi risultati difficili da replicare. L'individuazione originale di Rosenthal e Jacobson non è robusta o (più probabile) è di piccole dimensioni, specialmente nel mondo reale in cui gli insegnanti hanno l'opportunità di interagire in modo esteso con i loro alunni – che sommerge gli effetti delle aspettative degli insegnanti. Lo stesso problema di replicabilità si applica alla medicina; in un articolo del 2005, John Ioannides ha scoperto che circa un terzo delle scoperte negli studi clinici non regge negli studi successivi.

Ma c'è un problema con le repliche: non sono sexy. Per molti, le repliche sembrano "vecchie notizie". Quindi i media – che, dopo tutto, riportano su cosa è "nuovo" – spesso li ignorano. Prendi la letteratura sulla percezione extrasensoriale (ESP), nella quale i media riportano regolarmente con grande entusiasmo qualsiasi suggerimento di ricerca positiva o addirittura un aneddoto di supporto, ma menzionano a malapena gli oltre 150 anni di centinaia di repliche fallite di presunti fenomeni psichici.

Le repliche non sono nemmeno sexy per gli editori di riviste. All'inizio della mia carriera, quando ero ancora uno studente laureato, ho presentato (insieme a un co-autore) un articolo su un importante giornale psicologico che era essenzialmente una replica e un'estensione minore di precedenti scoperte sulle differenze sintomatiche tra due condizioni infantili sovrapposte , disturbo da deficit di attenzione / iperattività e disturbo oppositivo provocatorio. Le recensioni che abbiamo ricevuto sono state abbastanza positive, ma l'editore inizialmente ha rifiutato di pubblicare il documento in base al fatto che il nostro studio era "solo" una replica di una precedente scoperta (per dare all'editore il dovuto, era disposto a persuadere e si era concluso pubblicando il nostro articolo a seguito di una revisione sostanziale). Ma nella maggior parte dei casi, le repliche sono probabilmente ancora più importanti del reperto originale, perché così tante scoperte iniziali non reggono più nelle ricerche successive.

Ecco perché un articolo apparso sulla prima pagina del New York Times il 17 giugno mi ha fatto sorridere. Lo ha fatto non perché io abbia un particolare investimento intellettuale o personale nel reperto – non lo so – ma perché ha segnato una delle prime volte che posso ricordare in cui la mancata replica di un risultato ha ricevuto quasi la stessa copertura mediatica del scoperta originale. Questo articolo, scritto dall'abile giornalista di psicologia del New York Times Ben Carey, ha riferito che una scoperta ampiamente controversa – riportata per la prima volta da Avshalom Caspi e dai suoi colleghi nell'articolo del 2003 sulla prestigiosa rivista Science – non regge quando sono stati combinati altri 14 studi in quello che gli psicologi chiamano una meta-analisi, che è una tecnica statistica elaborata che consente agli investigatori di combinare più studi e trattarli come se fossero un unico grande studio. Nello specifico, nel 2003, Caspi ei suoi collaboratori avevano scoperto che una specifica variante genetica rilevante per la neurotrasmettitore serotonina "interagiva" con lo stress della vita nell'incremento del rischio di depressione. Cioè, le persone con la variante genetica e lo stress vitale erano particolarmente inclini alla depressione, così che gli "effetti" delle influenze genetiche e ambientali erano moltiplicativi, non additivi.

Per molti osservatori, la scoperta di Caspi era particolarmente allettante perché combaciava con nozioni popolari – e discutibilmente politicamente corrette – di "interazione gene-ambiente". È diventato uno dei risultati più discussi e citati nella psicologia moderna; al momento della stesura di questo articolo (28 giugno 2009), è stato citato nel 1996 un sorprendente sbalorditivo numero di pubblicazioni scientifiche (a titolo di confronto, il numero modale di citazioni per articoli di riviste in psicologia è 0 – sì, zero) ed è stato ampiamente accolto come tra i risultati scientifici significativi del decennio. Eppure la nuova meta-analisi, guidata dal genetista Neil Risch e pubblicata sul Journal of American Medical Association (JAMA), ha mostrato che quando i dati di altri studi sono stati combinati insieme ai risultati originali di Caspi, l'effetto di interazione è svanito. http://jama.ama-assn.org/cgi/content/full/301/23/2462

Naturalmente, è possibile che questo verdetto negativo possa a sua volta cambiare nel tempo con l'emergere di nuove scoperte, e che Caspi e colleghi alla fine saranno rivendicati. La bellezza della scienza è che si autocorreggerà a lungo termine, anche se spesso è disordinato a breve termine. Alla fine, la verità riguardante i geni della serotonina, gli eventi stressanti della vita e la depressione si risolveranno. Ma con la comparsa dell'articolo JAMA, la palla è ora nella corte di Caspi e colleghi, non nella corte dei loro critici, per dimostrare che il loro effetto di interazione non era un miraggio.

Quali lezioni possiamo trarre da questo episodio? Non dovremmo fidarci troppo di nessuna scoperta psicologica a meno che e fino a quando una squadra investigativa diversa non l'abbia replicata. Dovremmo anche ricordare che i media di notizie raramente apprezzano l'importanza della replica, quindi sono suscettibili di esporre risultati sorprendenti prima che altri li abbiano duplicati. E gli stessi investigatori dovrebbero sforzarsi di contenere la loro eccitazione per la maggior parte delle scoperte fino a quando altri non le avranno ritenute affidabili. Nell'interesse della piena divulgazione, dovrei notare che potrei essere colpevole di aver violato questo precetto. In due occasioni, ho pubblicato risultati di interazioni nei settori della personalità e della psicopatologia e, a mia conoscenza, nessuno ha provato a replicarli. In retrospettiva, vorrei essere stato più cauto nel riferirli, in parte perché (per una serie di ragioni statistiche non annoierò i lettori) le interazioni potrebbero essere particolarmente improbabili da replicare, e in parte perché da allora sono venuto Riconosciamo quanto sia facile innamorarsi dei propri risultati – specialmente quando si uniscono a vicenda con le proprie ipotesi.

Infine, come consumatori della letteratura psicologica, dovremmo ricordare una pepita di saggezza che il mio saggio dottorato di ricerca. il mentore, il defunto David Lykken, amava dispensare: in generale, più intrigante è un reperto psicologico, meno è probabile che sia replicato. Con poche eccezioni, David aveva probabilmente ragione, perché più una scoperta contraddice le conoscenze accumulate da una ricerca condotta con cura, più è probabile che sia sbagliato. Ovviamente, a volte le scoperte sorprendenti si rivelano vere, quindi nell'interpretazione di tali scoperte dobbiamo camminare su una linea sottile tra l'eccessivo scetticismo e l'eccessiva apertura mentale. Ma se Lykken è corretto, la quantità di copertura mediatica ricevuta da un accertamento – che di solito riflette la sua controtendenza – potrebbe in realtà essere inversamente correlata alla sua affidabilità. Caveat emptor.

Solutions Collecting From Web of "Recenti conclusioni negative per l'interazione gene-ambiente nella depressione Impart Lezioni utili"