Recensione del libro: Bart Ehrman's Jesus Before the Gospels

Sono stato un fan del lavoro di Bart Ehrman per un po 'di tempo. È uno studioso del Nuovo Testamento che ha una straordinaria capacità di rendere comprensibile e interessante il consenso degli studiosi della Bibbia. Ha cinque best seller del New York Times (tra cui due dei miei preferiti: Misquoting Jesus and Jesus, Interrupted ) e otto "Great Courses" con The Teaching Company . Così, quando mi è stato chiesto di recensire una copia avanzata del suo nuovo libro Gesù prima dei vangeli , ho dovuto cogliere l'occasione.

Ma perché sto postando una recensione di un libro sulla Bibbia sul mio blog di logica? Perché, come vedrete presto, Ehrman presenta una serie di argomenti che renderebbero orgoglioso un logico. In effetti, egli spiega esplicitamente una serie di lezioni di pensiero critico – sull'affidabilità della memoria e dell'esperienza personale – che insegno spesso nelle mie lezioni di logica; li applica solo a domande sulla Bibbia.

Perché mi importa (e così dovresti)

Ora mi viene spesso chiesto perché io, ateo, "mi preoccupo molto della religione". Perché dovrei essere interessato alla ricerca biblica se non "credo nella Bibbia"? Ma una parte del motivo per cui sono ateo è perché tengo alla religione e alla Bibbia, perché mi interessa abbastanza studiarlo. Come si dice spesso, la via più veloce per l'ateismo è studiare la Bibbia.

Ora, Ehrman stesso potrebbe non essere d'accordo e puntare rapidamente a una pletora di suoi amici e colleghi che sono esperti biblici – che, comunque, sono d'accordo con lui su quasi tutti i punti principali dell'interpretazione biblica – ma sono anche cristiani. [1] (Ehrman stesso è un agnostico, ma non per quello che ha imparato a studiare la Bibbia). [2] Tuttavia, per me, è stato il mio studio della religione, [3] incluso il mio studio della Bibbia, che mi ha portato a concludere che nessun dio (incluso quello cristiano) esiste. E a prescindere dal fatto che la lettura della Bibbia conduca o meno all'ateismo, è vero che (in generale) gli atei conoscono meglio la religione e la Bibbia, rispetto a quelli che sono religiosi [4]. Quindi il fatto che io sia un ateo interessato alla religione non è unico e non dovrebbe sorprendere.

Qualunque studio intensivo conduca, tutto ciò che ha avuto il tipo di impatto sul mondo che sia la religione e la Bibbia hanno avuto è degno di tale studio. E nessuno rende più facile studiare la Bibbia di Ehrman.

La domanda di Gesù prima dei vangeli

Detto questo, lo scopo del nuovo libro di Ehrman non è in alcun modo cercare di persuaderne uno per essere agnostici o atei, o cristiani per quella materia. Lo scopo della maggior parte dei suoi libri è quello di educare semplicemente il laico sulle conclusioni di consenso degli studiosi della Bibbia. Lo scopo di Gesù prima dei vangeli è leggermente diverso, ma sempre lungo la stessa linea. Sta esaminando quale borsa di studio, biblica e non, possa dirci quanto siano accurati i Vangeli. Quanto accuratamente descrivono la vita del Gesù storico? Riflettono cosa è realmente accaduto? In che cosa consisteva il Gesù che esisteva prima della scrittura dei Vangeli? Cosa ha detto? Cosa ha fatto?

Sin da quando ero un ragazzo, memorizzando interi libri della Bibbia come un quiz biblico, mi sono chiesto spesso quanto siano accurati i Vangeli biblici. Anche allora, ho riconosciuto che c'erano delle incongruenze tra le storie che raccontavano. Gesù ha sfamato 4000 o 5000? Gesù era silenzioso davanti a Pilato, o tenevano una lunga conversazione? Gesù fu crocifisso il giorno della cena pasquale (venerdì, come nel libro di Marco), o il giorno prima (giovedì, come nel libro di Giovanni)? Questo non ha indebolito la mia convinzione allora; Non ero un inerrantista riguardo alla Bibbia e mi sono reso conto che le persone raccontano storie in modo diverso. Ma ancora, mi chiedevo quale versione degli eventi fosse la più accurata.

Quando studiavo religione all'università, tuttavia, le mie domande si approfondivano. Ho appreso che i Vangeli non erano stati scritti durante la vita di Gesù dai suoi discepoli – o anche da testimoni oculari – ma da testimoni non oculari decenni dopo i presunti eventi in questione. Erano anche scritti in una lingua diversa (greca) rispetto a quella che Gesù e i suoi discepoli avrebbero probabilmente parlato (aramaico). (Ho anche imparato a leggere il greco biblico). In effetti, i discepoli erano probabilmente analfabeti; probabilmente non potevano leggere, tanto meno scrivere. Invece, gli studiosi della Bibbia concordano sul fatto che gli scrittori dei Vangeli li hanno basati su "tradizioni orali". In altre parole, le storie e i detti della vita di Gesù sono stati tramandati attraverso più generazioni e lingue fino a quando non sono stati scritti.

Inoltre, ho appreso che c'erano più vangeli che non sono mai entrati nella Bibbia, come il vangelo di Tommaso e il Vangelo di Filippo, solo per citarne alcuni. E questi vangeli hanno raccontato storie che chiaramente non sono mai successe. Gesù non ha fatto il bullo ad altri da bambino con i suoi poteri magici (come nel Vangelo dell'infanzia di Tommaso). Non ha domato i draghi (sì, i draghi!) Durante il viaggio della Sacra Famiglia in Egitto (come nel vangelo dello pseudo-Matteo). Non era più alto del cielo quando emerse dalla tomba (come nel Vangelo di Pietro). Tali storie erano o completamente inventate dai loro autori o da coloro che passavano il racconto su Gesù attraverso il passaparola. Altre storie in questi vangeli erano, nella migliore delle ipotesi, grandiosi abbellimenti di storie radicate nei fatti. Questo mi ha fatto meravigliare: gli autori dei Vangeli biblici avevano fabbricato o abbellito nessuna delle loro storie? Quanto era affidabile la tradizione orale che conservava le storie su Gesù prima che venissero scritte?

Essenzialmente, questa è una questione di memoria. Quanto erano accurati i resoconti delle persone sulla vita di Gesù? Quanto bene le persone hanno ricordato le storie emerse da quei rapporti? Quanto sono stati trasmessi in modo affidabile dagli individui e dai gruppi che li hanno raccontati? E alla fine, cosa ci dice questo sulla precisione dei ricordi degli scrittori del Vangelo sulla vita di Gesù? È questa domanda che Ehrman cerca di rispondere in Gesù prima dei vangeli .

L'argomento di Ehrman: i vangeli non sono accurati perché la memoria umana è troppo fallibile

Per rispondere a questa domanda, Ehrman non guarda solo agli studi biblici, ma a ciò che abbiamo imparato sulla memoria, sia individuale che sociale, e con quale precisione conserva il passato. Il risultato? È improbabile che i Vangeli siano storicamente accurati. Né la memoria umana, né la nostra capacità di trasmettere storie, sono così affidabili. Mentre le storie della vita di Gesù sono state tramandate attraverso più comunità e più lingue, sono state modificate, elaborate e anche nuove sono state inventate.

Ora, ci sono più argomenti che le persone hanno dato per l'affidabilità della memoria delle persone che hanno trasmesso le storie di Gesù prima che fossero scritte. Non si basano su resoconti di testimoni oculari? E non erano tramandati in culture orali (pre-alfabetizzate) che non potevano scrivere niente? Quindi non avrebbero dovuto aver imparato con attenzione per raccontare e poi tramandare accuratamente le storie? Alcuni hanno persino suggerito che le culture orali lo facciano ancora oggi; non potevano le comunità che tramandavano le storie di Gesù usando le stesse tecniche?

Ehrman affronta tali argomenti e mostra perché non trattengono acqua. Diamo un'occhiata a tre principali obiezioni a tali argomenti.

Obiezione 1: I testimoni oculari non sono affidabili.

Prima di tutto, non solo sappiamo che i Vangeli non sono stati scritti da testimoni oculari (che Ehrman chiarisce nel capitolo 3), è estremamente improbabile che qualcuno dei vangeli abbia avuto accesso a qualcosa anche lontanamente vicino a un resoconto di testimoni oculari. Stavano scrivendo decenni dopo chiunque avesse legittimamente affermato di essere un testimone oculare della vita di Gesù. Per avviare, come chiarisce Ehrman, sembra che poche (se non nessuna) comunità cristiane siano state fondate da testimoni oculari [5].

In secondo luogo, la testimonianza del testimone oculare è stata ampiamente studiata, ed è abbastanza chiaro che (come dice Ehrman) "il testimone oculare è notoriamente inesatto". [6] Non solo le nostre percezioni immediate non sono sempre accurate come pensiamo che siano, ma i nostri ricordi di ciò che percepiamo è ancora meno affidabile. [7] La ​​ricerca (che Ehrman riassume abilmente nel capitolo 2) ha dimostrato che possiamo modificare, modificare e confabulare facilmente i nostri ricordi; anzi, più spesso ricordiamo qualcosa, più ne cambiamo la memoria.

Quel che è peggio, questo è un processo che sfugge al nostro controllo. Di solito non siamo neppure consapevoli di farlo. E più insolito o alto stress l'esperienza, più estremo diventa il nostro editing della memoria. In effetti, è abbastanza facile convincere la gente a formare falsi ricordi; puoi persino convincere una persona a formare un falso ricordo di loro facendo qualcosa che non hanno mai realmente fatto (cose addirittura pazze come proporre il matrimonio con una Macchina Pepsi). [8] Come dice Ehrman, "La gente ricorda ogni sorta di cose, alcune con dettagli vividi, anche se non sono mai accadute affatto". [9] Ecco perché la testimonianza dei testimoni oculari diventa sempre meno utile in aula. [10]

Quindi, anche se gli scrittori del Vangelo avevano in qualche modo individuato sopravvissuti testimoni oculari e stavano trascrivendo e traducendo i loro rapporti in una lingua diversa, [11] non avremmo ancora buone ragioni per ritenere che i Vangeli fossero storicamente accurati. Soprattutto considerando il tempo che sarebbe trascorso tra gli eventi originali e il racconto del testimone oculare, non avremmo buone ragioni per pensare che gli eventi accadessero come dichiarato, o anche che ciò accadesse. E la nostra giustificazione scende quasi a zero una volta che ci rendiamo conto che, in realtà, anche se una storia su Gesù proveniva da resoconti di testimoni oculari, quei resoconti sarebbero passati attraverso centinaia e centinaia di ritorsioni (in almeno due lingue) prima che raggiungessero il scrittori dei Vangeli. Abbiamo tutti suonato "il gioco del telefono", in cui un gruppo di persone cerca di trasmettere una storia alla volta. L'ultima storia raccontata è sempre diversa dal primo. Questo è il motivo per cui non dovresti credere alle voci.

Obiezione 2: la tradizione orale non conserva in modo affidabile le storie

Ora quest'ultimo fatto non gli dà fastidio perché immagina che, poiché le comunità perseveranti nelle storie di Gesù erano analfabete (e quindi puramente orali), avrebbero avuto un'abilità speciale (al di sopra e al di là della capacità della cultura moderna) di preservare accuratamente le storie . Ma come Ehrman chiarisce, non ci sono prove che questo sia il caso. È solo un'ipotesi che gli studiosi conservatori cristiani biblici fanno – un'ipotesi che devono fare. Altrimenti non hanno motivo di pensare che i Vangeli siano in alcun modo storicamente accurati.

Ora "assunzione" è la mia parola. Ehrman fa riferimento ad alcuni studiosi che hanno sostenuto che la tradizione orale dei primi cristiani era accurata (che, come potrei affermare, non era equivalente al pettegolezzo). Il problema è che questi argomenti non hanno alcun peso.

Birger Gerhardsson, ad esempio, sostiene che Gesù era un rabbino che costringeva i suoi studenti a memorizzare i suoi insegnamenti parola per parola, una pratica conosciuta dalla Mishnah e dal Talmud. Sfortunatamente, non ci sono prove che questo sia il caso, e prove abbastanza buone che non lo fosse. Innanzitutto, nel migliore dei casi questa pratica è iniziata dopo la distruzione del tempio ebraico nel 70 EV (molto tempo dopo la vita di Gesù). Secondo, le prime registrazioni di tali pratiche (nella Mishnah e nel Talmud) risalgono a circa il 200 EV (molto più lungo dopo la vita di Gesù). Infine, le discrepanze fondamentali tra le storie dei vangeli rendono molto chiaro che Gesù non ha fatto memorizzare le sue discipline sui suoi insegnamenti – un fatto per il quale i difensori dell'opinione di Gerhardsson possono solo fare scuse ad hoc [12].

Che dire dell'abilità della chiesa primitiva di trasmettere in modo affidabile storie? Kenneth Bailey ha sostenuto che i primi cristiani probabilmente trasmettevano le storie in modo accurato perché oggi ci sono posti in Medio Oriente che lo fanno. Parla in particolare delle riunioni del villaggio di haflat samar in cui vengono recitate storie e la comunità controlla e corregge severamente coloro che la recitano; anche prendere una parola fuori posto è motivo di correzione e vergogna.

I problemi con questo argomento tuttavia, come sottolinea Ehramn, sono duplici. Innanzitutto, non abbiamo ancora alcuna prova che le prime comunità cristiane abbiano partecipato a un sistema così rigido; infatti il ​​Nuovo Testamento è abbastanza chiaro su come la parola di Gesù si diffuse, e non includeva tali pratiche. Secondo, le relazioni di Bailey su questi incontri (e l'accuratezza delle storie) sono basate completamente sulla sua esperienza personale. Lo studio di follow up sull'haflat samar (di Theodore Weeden) ha dimostrato che, anche con questi controlli severi, le storie che hanno raccontato sono cambiate drasticamente nel corso degli anni. Ad esempio, le storie del missionario John Hogg, che presumibilmente erano state preservate dalla comunità, sono cambiate drasticamente tra il 1914 e gli anni '60, al punto che "è difficile credere che fossero in realtà la stessa storia". [13] (Interessante questo è più o meno la stessa quantità di tempo in cui le storie di Gesù sarebbero state raccontate prima di essere scritte.)

Quindi, invece di provare che i vangeli sono accurati, l'esempio di haflat samar dimostra in realtà il contrario; anche quando cerchi di conservare i ricordi e le storie con precisione attraverso la tradizione orale, non puoi farlo. Quanto ancora devono essere cambiate le storie dei Vangeli dato che non è stato possibile implementare tali controlli e testimoni oculari non erano disponibili per il "fact-checking"?

Obiezione 3: le culture orali non sono nemmeno preoccupate per la precisione

Nulla di tutto questo dovrebbe sorprendere, tuttavia, perché si allinea con le prove che abbiamo già (e che Ehrman cita) sull'affidabilità delle memorie di gruppo. Si scopre che sono ancora più fragili e difettosi dei singoli ricordi. Metti le persone in un gruppo e sono meno propensi ad essere cauti nel cercare di sistemare le cose; sono anche più propensi a modificare le proprie memorie per allinearsi con il ricordo degli altri. Come sottolinea Ehrman nel capitolo 5, non solo (a) l'idea che i primi cristiani avessero una "memoria di super-gruppo" sfidano la biologia (i palestinesi del primo secolo erano biologicamente indistinguibili da noi, ei nostri ricordi sono inaffidabili), e non solo (b) mancavano di un modo per correggere gli errori nel perseverare nelle storie (come la capacità di cercarlo in un libro), ma (c) le culture strettamente orali non hanno nemmeno un'idea di cosa significhi per "Due storie per essere le stesse" – almeno, non come la intendiamo noi.

Per noi, due storie uguali significa che la loro sequenza di eventi coincide; comprendono gli stessi fatti, i dettagli e gli eventi e, se sono davvero la stessa cosa, corrispondono parola per parola. Ma dal momento che le culture puramente orali non hanno modo di verificare che due storie siano uguali in questo senso, non hanno nemmeno un concetto per questo. E questo significa che cambiano le loro storie prontamente mentre li raccontano. Chiedendo loro se la storia che stanno raccontando è accurata, indipendentemente dal fatto che rappresenti ciò che "è realmente accaduto", non ha nemmeno senso per loro. Come Ehrman riassume il lavoro di Milman Parry e Albert Lord e il loro studio dei cantanti jugoslavi che conservano poesie epiche purché l' Iliade e l' Odissea ,

"Coloro che passano attraverso le tradizioni nelle culture orali non sono interessati a preservare esattamente la stessa cosa. Sono interessati a rendere la stessa cosa rilevante per il nuovo contesto. Ciò implica necessariamente cambiarlo. Ogni volta. Per questo motivo, quando qualcuno in una cultura orale sostiene che l'attuale versione della tradizione … è "la stessa" di una precedente, non significa ciò che intendiamo … la "sostanza" rimane più o meno la stessa … ma i dettagli cambiarsi. Spesso vengono cambiati in modo massiccio.

Parry vide che la narrazione di una storia da parte di un cantante sarebbe stata diversa da migliaia di righe rispetto a un racconto precedente, anche quando stavano raccontando la loro storia. Eppure continuarono a sostenere che era "la stessa canzone". E le scoperte di Parry e Lord sono state replicate molte volte da allora. È interessante notare che più le storie vengono recitate, più vengono cambiate. Come ha affermato un altro ricercatore, Jan Vansina, "Non è sorprendente scoprire che molto spesso la testimonianza originale è scomparsa del tutto".

Conclusione di Ehrman: ciò che non possiamo sapere e ciò che possiamo

La conseguenza di tutto questo è chiara: non è possibile che uno possa mai essere giustificato nel credere che i vangeli, nel loro complesso, ci danno un'immagine storica della vita di Gesù. Neanche un singolo vangelo. Questo non vuol dire che Ehrman suggerisce che non possiamo mettere insieme alcune cose che erano verosimilmente vere per il Gesù storico – il "Gesù prima dei vangeli". Abbiamo solo bisogno di applicare alcune analisi testuali di base e guardare "l'essenza" delle storie sopravvissute. "La maggior parte degli studiosi sarebbe d'accordo", dice, che Gesù era un ebreo cresciuto in Galilea, che (dopo essere stato battezzato da un altro) divenne un predicatore apocalittico che insegnava in parabole, in conflitto con le autorità ebraiche, e scelse dodici dei suoi seguaci per accompagnarlo su una missione di insegnamento; si recò a Gerusalemme nell'ultima settimana della sua vita per la Pasqua ebraica dove predicava, probabilmente radunò più seguaci, e poi fu arrestato e crocifisso (probabilmente sotto l'accusa di istigazione a un'insurrezione ebraica contro Roma). [14]

Ora, conosco alcuni miti che non sarebbero d'accordo (David Fitzgerald e Richard Carrier); prendono ancora più in là le loro critiche sui vangeli e suggeriscono che Gesù non è mai esistito come persona storica [15]. Ma anche mettendo da parte tali argomenti, la "visione di consenso" di Ehrman non ci dà molto per appendere il cappello. Niente miracoli, niente risurrezioni, nemmeno specifiche sugli insegnamenti etici di Gesù. E questo "succo" della storia di Gesù era verosimile per molti predicatori apocalittici (che all'epoca erano comuni) che promettevano il rovesciamento della dominazione romana e un nuovo stato ebraico indipendente. (Alla fine ottennero la rivoluzione politica che cercarono nel 66 EV, solo per far distruggere la loro patria ebraica, insieme al loro Tempio, nel 70 EV)

Il Takeaway: quattro punti importanti

C'è molto altro da dire sul libro di Ehrman, ma quello che ho esposto è quello che considero l'argomento principale. E ci sono quattro conseguenze significative di questo argomento. Le prime due sono le mie osservazioni, le altre sono di Ehrman.

Punto 1: Hume aveva ragione riguardo alla testimonianza

La mia prima osservazione è questa; Il libro di Ehrman è una lunga argomentazione che sostiene la famosa tesi di Hume secondo cui "nessuna testimonianza umana può avere una forza tale da provare un miracolo e renderla una base giusta per qualsiasi sistema di religione". I nostri ricordi, sia individuali che collettivi, sono solo non abbastanza affidabile. Anche se Gesù fosse realmente risorto dai morti, il processo con il quale la storia di un tale evento sarebbe stato preservato sarebbe stato semplicemente troppo fragile e difettoso, al punto che nessuno alla fine sarebbe stato giustificato nel credere cosa ha riportato. Sarebbe più probabile che la storia fosse falsa, anche se non lo era. E data l'inaffidabilità della testimonianza del testimone oculare, questo sarebbe vero anche se venisse a sapere della risurrezione di Gesù dai discepoli stessi. Anche se in qualche modo si potesse essere sicuri che non mentivano, sarebbe più probabile che si sbagliassero (ad esempio sul fatto che fosse morto, su dove il corpo fosse sepolto, ecc.) O ingannato (ad esempio, qualcuno ha rubato il corpo ). Forse se davvero vedessi la risurrezione per te stesso … ma anche allora, la tua percezione e memoria non sarebbero abbastanza affidabili da fidarsi di ciò che ti stava dicendo. [16]

Per essere chiari, non penso che i discepoli abbiano cospirato per mentire o che qualcuno abbia rubato il corpo. Né è la migliore spiegazione. Entrambe sono ancora migliori spiegazioni di "Gesù resuscitò dai morti". Ma penso che la migliore spiegazione del perché la gente sia arrivata a credere che sia resuscitato è semplicemente questa: le voci secondo le quali era ancora vivo sono iniziate dopo la sua morte. Questo non è raro. Le voci su Elvis ancora in vita sono iniziate dopo la sua morte. [17] La gente credeva e lo amava così tanto che semplicemente non potevano credere che fosse morto, così si convinsero di non esserlo, tanto che in realtà cominciarono a pensare di averlo visto. In effetti, l'incontro con "Gesù" di due discepoli sulla via di Emmaus (Luca 24: 13-35) – dove non hanno riconosciuto Gesù fino a quando se ne fu andato – si legge come un avvistamento di Elvis. Naturalmente, questo resoconto non è probabilmente storico, ma immagino che qualcosa di simile sia accaduto molte volte tra coloro che erano seguaci di Gesù. Proprio come le raccolte di avvistamenti di Elvis sono spuntate quando le voci di "Elvis Lives" si sono diffuse tra i suoi fan, gli avvistamenti di Gesù erano probabilmente comuni tra i suoi seguaci devoti dopo la sua morte. [18]

Punto 2: non incolpare moralmente gli autori (completamente)

Il che mi porta al secondo punto. Sebbene le storie nei vangeli non siano storicamente accurate – sono storie esagerate o inventate che non riflettono ciò che in realtà era il Gesù storico – non possiamo incolpare moralmente gli autori dei vangeli, o la comunità che ha tramandato quelle storie, come se sono dei bugiardi complice. Non stavano mentendo intenzionalmente. Erano umani; proprio come noi, quando hanno ricordato o raccontato qualcosa, erano destinati a sbagliare. Erano disposti a lasciare che le loro credenze e pregiudizi colorassero la loro memoria o la loro narrazione della storia. E non avevano modo di verificare l'accuratezza storica.

Inoltre, potrebbero non aver nemmeno pensato che stessero ricordando eventi storici; e se è così, probabilmente il loro pubblico lo sapeva. Come abbiamo visto con i cantanti jugoslavi, gli scrittori del Vangelo potrebbero non essere stati interessati a far sì che la storia fosse "giusta", raccontando la "stessa storia" che era stata loro trasmessa. Probabilmente erano più interessati a rendere la storia "rilevante per il nuovo contesto" – per affrontare le difficoltà e le preoccupazioni del loro pubblico. Potevano aver editato o addirittura inventato alcune delle storie, ma era per scopi teologici – fare punti teologici – non necessariamente per ingannare il loro pubblico, che probabilmente sapeva già che le storie non erano storicamente accurate.

Anche se, per essere onesti, penso che ci sia un po 'di spazio per le critiche. Se esagerassero o aggiungessero una storia su Gesù che compiva un miracolo per convincere gli altri che Gesù era il messia, o divino, penso che sarebbe un inganno immorale – e sono sicuro che ciò accadde più di una volta. Penso che sia abbastanza chiaro che la dubitosa storia di Tommaso sia stata aggiunta da Giovanni come un modo per trattare con coloro che (abbastanza razionalmente) dubitavano che Gesù fosse effettivamente resuscitato dalla morte.

Punto 3: puoi ancora essere cristiano

Ciò porta ad un punto che Ehrman fa brevemente in J esus Before the Gospels , ma fa enfaticamente nel capitolo 8 di Gesù, Interrotto . Potete rendervi conto di tutto questo – che i Vangeli sono storicamente inaccurati, che non forniscono alcuna prova del miracolo o della risurrezione di Gesù – e che sono ancora cristiani.

Per uno, puoi ancora credere che i miracoli e la risurrezione di Gesù siano realtà storiche; dovrai farlo per fede ( cioè senza giustificazione). E per Ehrman, va benissimo. [19] Non dovresti ingannare te stesso nel pensare di avere una prova: che puoi giustamente convincere gli altri indicando le "prove" delle Scritture. Ma puoi ancora avere fede.

In secondo luogo, sostiene Ehrman, in realtà non devi credere nella storicità dei Vangeli perché siano storie significative, perché informino la tua etica e il modo in cui vivi. Anche se Gesù non è mai esistito, le storie su di lui contengono ancora una morale che vale la pena provare a vivere. Puoi ancora emulare gli insegnamenti morali di Gesù nei Vangeli anche se non riflettono la realtà storica. E se lo fai, sei ancora un cristiano, almeno su alcune comprensioni di cosa significhi essere un cristiano. [20] Come (pseudo) Kahless una volta lo mise – Kahless è una figura di Klingon religiosa e religiosa di Star Trek – "Forse le parole sono più importanti dell'uomo". ( Star Trek: TNG : "Rightful Heir")

Punto 4: Cosa ci dice della Chiesa primitiva

E ciò porta a quello che sembra essere l'obiettivo storico centrale di Gesù prima dei vangeli. Una volta che realizziamo che i vangeli (sia biblici che apocrifi) sono ricordi non-storici storicamente inaccurati dei ricordi di Gesù che sono stati colorati e informati dalle lotte e dalle credenze di coloro che raccontano le storie, possiamo imparare molto sulle comunità che hanno conservato quelle storie e a chi sono stati scritti i Vangeli. Possiamo vedere le loro motivazioni per il motivo per cui hanno ricordato Gesù come hanno fatto nel modo in cui hanno ricostruito e anche inventato ricordi di lui. Possiamo capire come hanno capito cosa significa "essere cristiano".

Ad esempio, l'autore di Mark (che, a proposito, non era realmente un apostolo o di nome Mark) [21] era molto probabilmente iscritto a una comunità che viveva nel periodo della rivolta ebraica (e successivo massacro). Sapevano anche che, durante la sua vita, Gesù fu compreso dai suoi seguaci (anche i suoi discepoli) come il messia ebraico – non uno uguale a Dio stesso, ma una figura come il re Davide che avrebbe rovesciato il dominio romano e inaugurato il Regno di Dio. Ma, si chiedevano, come poteva essere il messia dato che era stato crocifisso? Mark dà loro una risposta: perché nessuno al momento ha capito cosa significasse essere il messia. Prima che Gesù inaugurasse il Regno, Dio intendeva che soffrisse e morisse "come riscatto per molti". Solo più tardi sarebbe tornato per stabilire il Regno [22].

Perché la gente non lo ha capito in quel momento? Mark reinterpreta (erroneamente) la vita di Gesù per dare un senso a questo. Marco dice che Gesù mantenne intenzionalmente la sua missione segreta; e lo disse ai suoi discepoli, ma erano troppo stupidi per capire. Ecco perché la morte di Gesù è stata una sorpresa per tutti. Mark sembra voler lasciare ai suoi lettori questo segreto per la prima volta. Sta reinterpretando ciò che significa essere il messia e miserrembering la vita di Gesù per adattarsi a tale interpretazione.

Secondo Marco, il piano di Dio includeva anche un'era successiva in cui i seguaci di Gesù avrebbero sofferto proprio come lui (la comunità di Mark stava vivendo attualmente). Ma non preoccuparti, dice Mark. Gesù tornerà presto, in giudizio, per raggiungere l'obiettivo finale come messia e infine stabilire il Regno di Dio sulla Terra. [23] Questa è la promessa che Dio ha fatto, attraverso Gesù, alla comunità cristiana … secondo Marco.

Il vangelo di Giovanni, d'altra parte, è scritto (ancora una volta, non da Giovanni) in un'era completamente diversa – un'epoca in cui l'attesa paleocristiana del "ritorno imminente" di Gesù aveva quasi un secolo e cominciava così a sembrare un po 'sciocco. Di conseguenza, Giovanni ricorda la vita di Gesù in un modo completamente diverso. Sebbene Giovanni pensi ancora che parte della missione di Gesù sia di soffrire e morire, l'obiettivo finale di Gesù non è quello di rovesciare il dominio romano e stabilire un Regno di Dio Terrestre. [24] Questa non è la promessa che fa Gesù Gesù. Ha invece promesso ai suoi seguaci la vita eterna dopo la morte. Pensa a Giovanni 3:16. [25]

Per fare questa offerta, Gesù deve essere uno con Dio stesso. E così in Giovanni, Gesù non mantiene segreta la sua missione o la sua vera natura, come fa lui in Marco. In Giovanni, lo scopo principale del suo ministero è dichiarare chi è (uno con Dio stesso), dimostrarlo compiendo miracoli, [26] e poi fare ciò che è necessario per concedere questa vita enterale ai suoi seguaci soffrendo e morendo. La resurrezione è la prova finale che stava dicendo la verità.

Ehrman disegna un'analogia tra come Marco e Giovanni ricordavano Gesù e come la gente del Nord e del Sud americano ricorda la guerra civile. Per il primo, era una guerra provocata dalla ribellione del sud, motivata dal loro desiderio di mantenere la schiavitù legale. Per quest'ultimo, fu la guerra dell'aggressione settentrionale, motivata dal loro desiderio di impedire agli Stati del sud di governarsi. Stessa guerra, memoria diversa.

Per Marco, Gesù era qualcuno che avrebbe liberato la sua comunità dalle loro sofferenze e avrebbe giudicato le autorità politiche che le stavano sopprimendo. Per Giovanni, Gesù era qualcuno che prometteva e forniva i mezzi per la vita enterale. Stesso ragazzo, diverso ricordo.

C'è molto altro da dire, ma sono andato abbastanza a lungo. Per coloro che riconoscono che la Bibbia è importante per studiare, e avere ragione, Ehrman's Jesus Before the Gospels è essenziale. Ehrman presenta un argomento tanto necessario e brillante, che mette in discussione le ipotesi infondate sull'affidabilità dei Vangeli che sono rimaste incontrastate per anni.

-Un particolare ringraziamento a Joel Shuman e Daniel Reynoso per i loro utili suggerimenti sulle prime bozze.

Copyright 2016, David Kyle Johnson

[1] Naturalmente, ci sono ancora molte questioni meno importanti su cui non essere d'accordo.

[2] In altri lavori, Ehrman chiarisce che il suo agnosticismo è il risultato di lui che pensa che non c'è una buona risposta al problema filosofico del male (cioè, il problema della sofferenza). Vedi Gesù, interrotto Capitolo 8.

[3] Per la cronaca, il mio BA è una laurea in religione da un'università religiosa conservatrice, e la mia principale area di concentrazione durante il mio dottorato è stata la filosofia della religione.

[4] Sutherland, JJ "Sondaggio: atei, agnostici conoscono meglio la religione che i religiosi. ( NPR , 28 settembre 2010.) http://www.npr.org/sections/thetwo-way/2010/09/28/130191248/atheists-and…

[5] Ehrman ne parla ampiamente a pagina 81-83.

[6] P. 88.

[7] Entrambi questi sono punti che faccio spesso nelle mie lezioni di pensiero critico e di logica, e sono realizzati da Ted Schick nel quinto capitolo del suo libro How To Think about Weird Things . (McGraw-Hill, 2013).

[8] P. 94

[9] P. 91.

[10] Arkowitz, Hal & Lilenfeld, Scott. "Perché la scienza ci dice di non fidarsi degli account dei testimoni oculari." ( Scientific American , 1 gennaio 2010). http://www.scientificamerican.com/article/do-the-eyes-have-it/

[11] Chiaramente, in realtà non lo fecero, poiché questo è certamente qualcosa che avrebbero menzionato.

[12] Vedi p. 70.

[13] P. 76

[14] Per un elenco completo, vedere pp. 149 e 194.

[15] Per una decente presentazione di chi ha detto cosa tra i mitisti, vedi la voce di Wikipedia su: (https://en.wikipedia.org/wiki/Christ_myth_theory.) Vale la pena di notare che Gesù Cristo di Ehrman esiste? è una difesa dell'idea che Gesù sia esistito come persona storica. Richard Carrier ha dato una lunga risposta a Ehrman in On the Historicity of Jesus .

[16] Difendo questa tesi in modo molto dettagliato nel mio articolo "Credo giustificato nei miracoli è impossibile". Scienza, religione e cultura 2 (2): 61-74. (2015)

[17] Qui metto da parte l'affermazione del mitista secondo cui Gesù non è mai esistito. Se hanno ragione, le spiegazioni altrettanto plausibili per le storie della risurrezione di Gesù sono molto facili da produrre.

[18] Vedi http://elvissightingsociety.org/ Naturalmente, una delle principali differenze è che le storie della risurrezione di Gesù sono state prese in un modo che Elvis non ha fatto. Questo, tuttavia, non implica che le storie degli avvistamenti di Gesù siano più veritiere delle storie degli avvistamenti di Elvis. Parla invece della cultura in cui circolavano le storie. Non solo mancava di un'educazione moderna (e quindi erano più ingenui e creduloni), ma data la loro situazione sociale, probabilmente avevano bisogno di credere di più. Per ulteriori informazioni su come il "Elvis vive" i fenomeni possono far luce su come sono iniziate le voci sulla resurrezione di Gesù, vedi Nickel, Joe. "Vive Elvis! Investigating the Legends and Phenomena "Skeptical Briefs, Volume 19.4 (Skeptical Inquirer, Dic. 2009) a http://www.csicop.org/sb/show/elvis_lives_investigating_the_legends_and_…

[19] Direi il contrario: dovresti sempre proporzionare le tue credenze alle prove. Parlo della razionalità della fede nell'undicesima lezione del mio Corso di eccellenza della mia Compagnia: le grandi questioni filosofiche. http://www.thegreatcourses.com/courses/the-big-questions-of-philosophy.html

[20] È discutibile se la credenza nella risurrezione sia essenziale per essere un cristiano. Penso che la maggior parte dei cristiani oggi direbbe di sì, ma conosco molti accademici che non sarebbero d'accordo.

[21] Vedi p. 125-130.

[22] Sono indeciso se l'autore originale di Marco pensava che Gesù avrebbe dovuto risuscitare dai morti dopo tre giorni, salire e poi tornare più tardi – o se Marco non pensava che la risurrezione fosse ancora avvenuta, e fu aspettandomi che fosse il modo in cui Gesù ritornò (in modo che la risurrezione sarebbe la seconda venuta). Il riferimento anticipato di Marks a "3 giorni" (14:58) è tutt'altro che chiaro. E ho capito che Mark non includeva originariamente un resoconto di risurrezione nel suo vangelo; che è stato aggiunto in seguito dagli scribi. Da quello che dice in Gesù Prima dei Vangeli , sembra che Ehrman pensi che Marco si aspettasse una risurrezione, e poi una seconda venuta. Ehrman parla di più del confuso passaggio della risurrezione in Marco in Misquoting Jesus , pp. 65-68.

[23] Aspettative simili di un ritorno imminente si trovano in Matteo e Luca, sebbene la loro comprensione di Gesù sia diversa da quella di Marco. Vedi il capitolo 7.

[24] "Non fa più [Gesù] un proclama apocalittico sulla grande sofferenza in serbo per la terra negli ultimi giorni prima della fine cataclismica di tutte le cose e l'apparizione di un giudice cosmico della terra che porterà il Regno di Dio deve essere governato da Gesù e dai suoi seguaci [come in Marco]. "(P 264)

[25] Penso che sia interessante rendersi conto che, alla luce del fatto che la promessa di Marco era stata falsificata – Gesù aveva promesso di tornare presto ma non lo fece – John sceglie una promessa che non può essere falsificata. Non potresti mai provare se un seguace di Gesù è stato effettivamente concesso la vita eterna dopo la loro morte. Si potrebbe pensare a questo come una specie di scusa ad hoc.

[26] Ehrman nota che i miracoli di Marco sono più un segnale che "la fine è vicina". Non sono offerti come prova dello status divino di Gesù, come lo sono in Giovanni.

Solutions Collecting From Web of "Recensione del libro: Bart Ehrman's Jesus Before the Gospels"