Rebut the Buts

Paul Downey/flickr
Fonte: Paul Downey / flickr

Molte persone dicono che vorrebbero apportare cambiamenti nel loro comportamento, ma sono trattenuti da tutti i "ma" che sembrano intralciarti. Il loro modo di pensare segue questo schema di "Sì. . . . ma:"

"Sì, mi piacerebbe iniziare a uscire. . . Ma io sarò respinto.

"Sì, mi piacerebbe cercare un altro lavoro. . . Ma non è il momento dell'anno per trovarne uno.

"Sì, mi piacerebbe entrare in contatto con un vecchio amico. . . Ma non saprei cosa dire . "

Se sei un tipo di persona "Sì / Ma", non è ora che hai lasciato i maestri alla porta?

Parla ai tuoi "ma" praticando un dialogo avanti e indietro tra il tuo "ma" sé e il tuo sé "confutato". La parte "ma" fa scelte di paura piuttosto che scelte di crescita, cita errori passati e delusioni e anticipa i peggiori risultati in ogni situazione. La parte "ma" contiene nella tua mente i seguenti codici di comportamento:

  • Non correre mai rischi.
  • Guarda te stesso in ogni momento.
  • Non scuotere la barca.
  • Cerca sempre le cose per andare male.

La "parte del rebut" contrappone i "ma" dicendo "Ci deve essere più vita di questo". Ma il "se stesso" può reagire: "Lascia perdere! Devi essere sul treno delle 7:15. Fai quello che ti viene detto. Non correre rischi. "

Uso la tecnica "but / rebut" per aiutare i pazienti a riconciliare le parti discrepanti della loro personalità mettendo in scena ciascuna parte in un finto dialogo personale. L'obiettivo è una risoluzione – un vero compromesso – tra le parti discrepanti del sé. Ecco un esempio di questo tipo di auto-dialogo:

Ma Self: "Beh, pensi di poter scappare e lasciare le tue preoccupazioni alle spalle? Crescere! C'è un mondo freddo e duro là fuori e devi stare attento a te stesso ogni minuto. "

Rebut Self : "Tutto ciò a cui pensi – le cose che potrebbero andare storte. Perché non ti schiarisci? Che senso ha vivere se non puoi uscire e divertirti? "

Ma Self: "Sì, giusto, è tutto ciò che vorresti mai fare. Se tu avessi la tua strada, staresti fuori tutta la notte. Saresti come tutti quegli altri cretini che sprecano le loro vite. Beh, non aspettarti che raccolga i pezzi quando le cose vanno male. "

Rebut Self: "Sono stufo di vivere in questa piccola scatola. È soffocante qui dentro e non ti interessa se non riesco mai a respirare. Non devo essere spericolato per vivere gratis. Posso mantenere le cose in prospettiva, se mi do una mezza possibilità. "

Ma Self: "È una buona cosa che tu mi abbia fatto giocare sul sicuro. Avresti solo finito di rovinare tutto se avessi preso dei rischi. Non essere un idiota. Gioca sul sicuro. "

Rebut Self: "Forse rischio di essere un idiota, ma deve esserci di più dalla vita. Non mi dai mai credito. Vedi solo i miei difetti, non i miei punti di forza. È giunto il momento di smettere di scaricarmi. Se sarò preso a calci, mi riprenderò di nuovo. Ci penserò io. Potrei prendere qualche leccata, ma almeno non mi nasconderò più dalla vita. "

Parlare al tuo "ma te stesso" smentisce i dubbi su te stesso e le insicurezze fastidiose che ti hanno impedito di andare avanti nella tua vita. Il "se stesso" è un promemoria delle frustrazioni, delle paure e delle insicurezze che hai acquisito lungo il percorso.

Prenditi un minuto per avere un dialogo interiore tra il tuo "ma te stesso" e il tuo "sostieni te stesso". Muovere le dispute interne giocando entrambi i ruoli in un dialogo personale ti dà la possibilità di combattere contro il tipo di pensiero "sì-ma" con Counterpunch razionali che puoi usare nella vita di tutti i giorni ogni volta che i "ma" si insinuano nel tuo modo di pensare.

Il risultato desiderato non sta avendo il "sé di confusione" che sconfigge il "se stesso". Sia le parti "ma" che quelle di "smentire" di te stesso possono dire la loro. Puoi trovare una via di mezzo tra i due colpendo un compromesso, tracciare una linea d'azione che non ti impedisce di apportare cambiamenti nella tua vita seguendo sempre un "sì" con un "ma".

© 2016 Jeffrey S. Nevid

Solutions Collecting From Web of "Rebut the Buts"