Reazioni invidiose a grande ricchezza

Povera invidia. Ha una cattiva reputazione.

Chi di noi ama apparire miserabile, mediocre, ostile – e meschino, solo perché vediamo qualcuno che ha qualcosa che desideriamo?

Ultimamente, l'invidia è nell'aria, mentre il nostro Paese lotta per reagire alla crescente concentrazione di ricchezza in una percentuale più piccola della popolazione.

In un recente articolo di opinione, Arthur Brooks, presidente dell'American Enterprise Institute, offre una provocatoria interpretazione del ruolo dell'invidia nelle nostre reazioni.

I suoi punti principali sono:

1. l'invidia ci rende infelici e malsani;

2. nasce dal credere che il vantaggio di un altro è ingiusto e al di fuori del nostro controllo di cambiare;

3. purtroppo per noi, è una reazione sempre più diffusa.

Le tradizioni culturali e alcuni lavori empirici supportano il primo punto di Brooks sugli effetti negativi dell'invidia sul benessere. Ma la ricerca degli psicologi olandesi Niels van de Ven e altri confermano un'importante distinzione tra due tipi di invidia: benigna e malevola. Dimostrano che l'invidia benevola non è divertente ma porta a una sana, "motivazione in movimento", mentre l'invidia dannosa è ostile e porta a una malsana "motivazione alla rovesciata". È probabilmente l'ultimo tipo che Brooks probabilmente ha in mente. .

L'invidia benevola non è un cugino povero di invidia maligna. I ricercatori olandesi mostrano che almeno la metà dei partecipanti americani, quando usano la parola "invidia", probabilmente pensano alla varietà benigna. Inoltre, il ricercatore di marketing, Russell Belk, sostiene in modo convincente che la nostra cultura moderna, guidata dai consumatori, ha visto un grande aumento dell'invidia benevola rispetto all'invidia maliziosa. L'invidia benevola, sostiene, è spesso il motore che guida una grande fetta del comportamento del consumatore, alimentato in parte dalla pubblicità.

La seconda affermazione di Brooks secondo cui l'invidia deriva dalle percezioni di ingiustizia solleva molte questioni spinose. I ricercatori olandesi forniscono alcune prove del fatto che le persone che sentono l'invidia maliziosa sono più inclini a percepire l'invidiabile vantaggio come non meritato. Tuttavia, l'invidia dovrebbe essere equiparata ai sentimenti derivanti dal riconoscere l'ingiustizia effettiva?

Certamente, le persone ragionevoli differiscono su ciò che pensano sia giusto o ingiusto in un sistema economico. Gran parte del conflitto su come comprendere le reazioni delle persone allo stato attuale delle cose nel nostro paese si riduce chiaramente a queste differenze. Ma, come hanno sottolineato altri come Paul Krugman, nell'analisi di Brooks sembra esserci poco spazio per reazioni come indignazione retta, frustrazione, risentimento e rabbia.

Come gestisce Brooks questo apparente elidere dell'invidia e con queste altre reazioni? Prende atto, ad esempio, di un sondaggio del 2007 sulla disuguaglianza e l'impegno civico da parte della Scuola Maxwell of Citizenship and Public Affairs della Syracuse University. Il sondaggio indicava che meno gli intervistati credevano che le persone avessero l'opportunità di avere successo, più credevano anche che la disuguaglianza fosse diventata un "problema serio". Brooks interpreta questo modello per indicare che "le persone che credono che il duro lavoro porti successo non si lamentano altri la loro prosperità. Ma se il gioco sembra truccato, l'invidia e il desiderio di ridistribuzione seguiranno. "Si noti che Brooks interpreta questo schema come se avesse molto a che fare con l'equità, ma sottolinea solo la sua percezione, cioè" se il gioco sembra truccato ". Trascura quindi altre emozioni come l'indignazione e la rabbia che seguono per definizione dall'ingiustizia percepita e che invece etichettano l'emozione come l'invidia. Si noti inoltre che il sondaggio non ha effettivamente misurato alcuna emozione, e quindi non sappiamo davvero come si sentivano realmente gli intervistati.

Legati alla percezione dell'equità sono i punti che Brooks fa delle convinzioni sul controllo sul raggiungimento del successo. Egli evidenzia i recenti cambiamenti in queste convinzioni nella direzione di un minor controllo, e collega anche questi cambiamenti con l'invidia (anche se, ancora una volta, non ci sono dati reali nei sondaggi che supportano direttamente questa interpretazione).

Il lavoro di laboratorio sull'invidia supporta il collegamento dell'invidia con la mancanza di controllo, ma, come per le percezioni di ingiustizia, questo legame è con l'invidia maligna, non con invidia benigna. L'invidia benigna è associata ad un controllo elevato, che è probabilmente il motivo per cui le persone si sentono invidiose invano cercano di "spostarsi". Ricordo di aver parlato con un membro benestante di un dipartimento dove insegnavo chi era consapevole che stavo facendo delle ricerche sull'invidia. Mi ha detto: "Invidia, non è così quando vedi qualcosa che vuoi, e vai a comprarlo?"

Un punto correlato è che le convinzioni sul controllo sono spesso associate a percezioni di equità. Un motivo per cui le persone possono essere meno inclini a credere che il duro lavoro porterà ad andare avanti è che possono anche credere che il sistema sia truccato contro di loro. Brooks sembra assumere che le persone che mettono insieme queste due convinzioni sono invariabilmente fuorviate.

L'ultima affermazione di Brooks secondo cui l'invidia è diventata una reazione sempre più diffusa al successo degli altri è indebolita dagli argomenti che ho già esposto. Non fornisce prove dirette che gli americani siano diventati più invidiosi. Ha interpretato solo le espressioni della gente di ingiustizia percepita e meno controllo come prova di invidia. Sembra trascurare anche la possibilità di espressioni legittime di indignazione, frustrazione, risentimento e rabbia. Né ha tenuto conto dei possibili effetti benefici dell'invidia benigna.

In breve, ci sono molte prove che l'invidia, quando è dannosa, è un'emozione da evitare. L'invidia benigna, tuttavia, potrebbe effettivamente essere qualcosa da promuovere. Ci sono poche prove dirette che gli americani stanno diventando più invidiosi, a meno che non si sia disposti a interpretare le percezioni dell'ingiustizia e ridurre il controllo nei dati dell'indagine come, ipso facto , prova di invidia. C'è un caso molto migliore per interpretare i dati come prova di un aumento di sentimenti, indignazione, frustrazione, risentimento e rabbia. Per lo meno, le reazioni emotive sono più complesse di un semplice caso di invidia maliziosa.

Per il merito del signor Brooks, il suo obiettivo principale è quello di suggerire modi per "aumentare la mobilità per più americani". Ma non è una cosa da poco etichettare qualcuno come "invidioso". Non ho mai incontrato nessuno che sia orgoglioso di essere invidioso (se erano disposti ad ammettere la loro invidia in primo luogo), soprattutto se pensano al tipo malevolo. I reclami attribuiti con successo all'invidia sono immediatamente indeboliti – come probabilmente dovrebbero essere. Al contrario, i reclami attribuiti con successo a legittimi sentimenti di ingiustizia sono onorati – come dovrebbero essere sicuramente.

Solutions Collecting From Web of "Reazioni invidiose a grande ricchezza"