Reality as a Horror: The Deadly Sweat Lodge (Parte 2)

Sweat Lodge / James Arthur Ray
Fonte: Sweat Lodge / James Arthur Ray

Auto-trasformazione. . . o auto-illusione?

La nozione di trasformazione istantanea può essere enormemente seducente per gli occidentali, quasi sempre in fretta per finire le cose e vedere i risultati. Ray in realtà incoraggia tale impazienza pubblicizzando i suoi ritiri a breve termine come esperienze che altereranno la vita dei partecipanti per sempre. Tutto ciò di cui hanno bisogno è pagare una tassa (esorbitante) e fare esattamente ciò che dice loro.

Ma per realizzare i nostri obiettivi più cari, possiamo superare con successo i nostri vari disturbi fisici e disfunzioni psicologiche semplicemente attraverso il pensiero "trasformativo", le visualizzazioni positive e i comportamenti di rottura dei confini? La risposta breve qui è, semplicemente, no. Abbiamo tutti i nostri limiti particolari ed è essenziale che impariamo entrambi a riconoscerli e rispettarli.

Non che non vi sia alcuna verità nello slogan "mente sulla materia", poiché in una certa misura possiamo superare certi limiti quotidiani una volta rivedendo le nostre auto-percezioni errate. Quando, cioè, abbiamo opinioni negative distorte delle nostre capacità (o altrimenti dubitiamo o sottostimiamo noi stessi), limiteremo seriamente il nostro potenziale. Nel qual caso qualsiasi esperienza di crescita che ci aiuti a vedere come noi stessi ci costringiamo artificialmente può essere inestimabile. Nondimeno, molti dei nostri limiti non sono "trascendibili": sono, infatti, assoluti . Se ignoriamo questi limiti hard-wired nel nostro "sistema operativo" – come se cercassimo di sopravvivere a temperature sotto lo zero senza adeguati indumenti protettivi o ripari – prima otterremo il congelamento, e poi (se resteremo nel freddo glaciale a lungo abbastanza) moriremo sicuramente.

Questo è solo un ovvio esempio di innumerevoli limiti fisici che sono, infine, non trascendenti. E le istanze di restrizioni mentali commisurate sono ugualmente abbondanti. Non tutti noi abbiamo – o avremo mai avuto – il potere del cervello per afferrare la teoria della relatività di Einstein, la fisica quantistica o la teoria del caos. O risolvere astrusi problemi matematici. O scrivi romanzi compiuti. O diventare un architetto, un chimico, un medico o uno scienziato missilistico. E abbiamo anche tutti i tipi di limiti emotivi incorporati. Ma il punto chiave qui è che ognuno di noi è limitato dalla nostra biologia o genetica in modi che davvero non possiamo cambiare.

Il nostro lavoro, quindi, non è quello di trascendere noi stessi, ma di accettare e accettare pienamente i nostri handicap innati. Se siamo 5'5 ", dobbiamo fare la nostra pace con il fatto che non giocheremo mai per i Lakers. Se siamo obesi, nessun allenamento ci consentirà di percorrere un miglio di 4 minuti. Se il nostro QI è 95, allora (senza connessioni superlative, almeno!) Non entreremo mai ad Harvard (per non parlare dell'insegnamento lì). E se siamo usciti dall'utero in modo insolito "ad alta tensione" (come in, resi ansiosi dalla minima minaccia o contrattempo), non saremo mai in grado di funzionare bene lavorando in un pronto soccorso.

Ray parla James Ray, nel film e nel libro di successo, The Secret , e in seguito in talk show così importanti come Oprah Winfrey e Larry King, è uno di quegli zelanti sostenitori della credenza pericolosamente semplicistica che qualunque cosa nella nostra mente visualizziamo persistentemente come accadendo alla fine accadrà, che la nostra stessa volontà può farlo accadere. E, ammettiamolo, un'ideologia del genere non è totalmente falsa, nel senso che c'è molto da dire per il pensiero positivo e un atteggiamento "può fare". Ma supponendo che – per pura forza di intenzione o volontà – chiunque possa realizzare i loro sogni più cari, ignora completamente il fatto che all'interno di ogni particolare individuo certi limiti sono di fatto assoluti.

Piuttosto, "liberato" da tale pensiero relativistico, questa cosiddetta "Legge dell'attrazione" sostiene che è tutto nella tua mente. Finalmente, è la mente su tutto . Pensa solo a ciò che desideri e, se persisterai, prima o poi lo "attrarrai"; e l'oggetto bramato (o obiettivo) si manifesterà come la tua nuova realtà "auto costruita". (Confrontalo con il fraudolento Harold Hill di The Music Man , il cui "Metodo Think" da solo consentirà a tutti nel gruppo delle scuole superiori di suonare musica mai realmente imparata ma – in questo caso – ascoltata , all'orecchio! Magico? Delirante? -realmente, non molto di più di alcune delle tecniche di "realizzazione" che Ray (e altri) diffondono abitualmente.

Per me, questo è fondamentalmente un modo di pensare "fiabesco", anche se ho pochi dubbi sul fatto che questo sia esattamente il motivo per cui The Secret ha riscosso un tale successo popolare. Perché il sogno perenne è che da qualche parte, risiedendo nel profondo di noi, c'è una forza (o forse una fata madrina?) Che aspetta solo di essere attivata, per esaudire i nostri desideri più profondi – se solo, cioè, crediamo . . . .

Ma il mondo reale non può essere ignorato così facilmente. Voltaci le spalle una volta troppo spesso e ti morderà e ti morderà (e di nuovo, noterai l'audace tentativo di Ray di indurre i partecipanti a ignorare i loro limiti nella sua casetta sudatoria, scarsamente riscaldata e povera di ossigeno). È come cercare di ingannare Madre Natura. E qui Madre Natura può essere definita nient'altro che i termini immutabili della nostra esistenza mortale. Se assorbiamo il veleno e non riceviamo cure, moriremo. La stessa cosa se cadiamo da una scogliera e la nostra testa colpisce le rocce sottostanti. Chiaramente, non importa ciò che scegliamo di dire a noi stessi. In questi casi – e innumerevoli altri – è davvero un problema per la mente . Certo, possiamo superare i nostri limiti se questi limiti sono in gran parte immaginari. Ma non possiamo superare la nostra natura essenziale – e certamente non disdegnandola allegramente.

Pensare diversamente non è solo grandioso, è anche sconsiderato. E nel suo dilagante narcisismo, è sicuramente anche patologico. Innegabilmente, l'idea di una tale trascendenza è affascinante, meravigliosa, intrigante, seducente. Ma essere così "sedotti" è, in definitiva, tradire e ingannare. Senza dubbio, Ray aveva il magnetismo e il carisma per condurre letteralmente molti dei suoi seguaci a malattie, ferite e persino alla morte. Ma il suo sistema di credenze auto-illusoria di "No Limits" è ancora (se posso impiegare un ossimoro che ho introdotto circa 30 anni fa) "colpevolmente innocente." Cioè, per Ray a 51 essere così ingenuo (e volutamente così) su il quadro inalterabile dell'esistenza umana – così come quello che il nostro corpo può tollerare – non mi sembra solo triste, ma anche arrogante nelle sue presunzioni demagogiche.

investigazione di lodge di sudore E quella, in definitiva, è la tragedia della casetta del sudore: un uomo che è passato da un lavoro di telemarketing all'AT & T per diventare presidente e amministratore delegato di 10 milioni di dollari più l'impero di sviluppo personale, un uomo praticamente senza istruzione superiore e senza alcuna bona fide credenziali mediche o filosofiche – dovrebbe usare (o meglio, abusare) il suo potente appello personale per incoraggiare (anche sotto pressione ) i "fedeli credenti" più sinceri a passare attraverso il test di resistenza più oltraggioso, per mettere a rischio il loro benessere mortale. In breve, per farli rischiare tutto nello sforzo di andare oltre quei limiti è essenziale che tutti impariamo a rispettare e rispettare.

. . . Alla fine, difficilmente si può affermare che la vera trascendenza o illuminazione non è – e non è mai stato concepito – uno X-Sport.

Nota 1: Se desideri esplorare altri post che ho scritto sui narcisisti, da una varietà di prospettive, m, ecco i link:

"The Vampire's Bite: Victims of Narcissists Speak Out"

"9 citazioni illuminanti sui narcisisti – e perché,"

"6 segni di narcisismo che potresti non sapere"

"Il dilemma del narcisista: possono eliminarlo, ma. . . “,

"Narcisismo: perché è così dilagante in politica"

"I nostri ego: hanno bisogno di rafforzarsi o restringersi"

"LeBron James: The Making of a Narcissist" (Parti 1 e 2), e

"Reality as a Horror Movie: The Case of the Deadly Sweat Lodge" (Parti 1 e 2: centratura su James Arthur Ray). [presente post in 2 parti].

Nota 2 : Per controllare i miei altri post per Psychology Today , su una vasta gamma di argomenti, clicca qui.

© 2009 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

-Per ricevere una notifica ogni volta che pubblico qualcosa di nuovo, invito i lettori a unirsi a me su Facebook-così come su Twitter, dove, in aggiunta, puoi seguire le mie riflessioni psicologiche e filosofiche spesso non ortodosse.

Solutions Collecting From Web of "Reality as a Horror: The Deadly Sweat Lodge (Parte 2)"