Razzismo? C'è un'app per questo

Pics of Barack Obama and Steve DiPaola, and one of their Face Fries

Le foto si fondono per generare un avatar 3D animato parlante ed espressivo.

Tutti noi esploriamo e giochiamo costantemente con il nostro senso di identità. Appena sotto la soglia della consapevolezza ci stiamo mappando su altre persone che incontriamo, evocando così sentimenti di connessione o separazione. Potremmo sapere che il razzismo è sbagliato, e tuttavia, quasi istintivamente, allontanarci dagli altri che guardano o agiscono in modi non familiari; il velo che separa il "sé" da "altro" scende. Mentre questo tipo di riflessivo allontanamento psicologico può sembrare intangibile o sfuggente, lo sentiamo quando guardiamo negli occhi di qualcuno, e potrebbe naturalmente precipitare qualcosa di concreto come la Terza Guerra Mondiale.

Ma barriere psicologiche di questo tipo non sono inevitabili. Possono estinguersi in modo naturale quando le persone hanno l'opportunità di interagire in modo positivo con persone di diverse culture o background razziali. Quando conosci qualcuno e ti senti vicino a loro, può quasi sorprendere quando li senti parlare in una lingua diversa e ti viene in mente che il loro colore e il loro patrimonio sono molto diversi dai tuoi. Sempre più persone si definiscono più in termini di interessi e atteggiamenti rispetto alla loro eredità razziale. Ogni cultura o gruppo razziale ha i suoi appassionati sportivi, i suoi artisti, i suoi trendsetter, … Sentiamo sempre più un senso di affinità con, non quelli che ci assomigliano, ma quelli che vedono il mondo come noi, o che interpretano ruoli simili a noi stessi . In breve, anche se gli effetti del razzismo si sentono tanto profondamente quanto il mondo diventa più popolato e le persone diventano più mobili, abbiamo ragione di credere che il razzismo sia legato all'identità e che l'identità sia malleabile. In altre parole, il razzismo dovrebbe essere un problema risolvibile.

A quanto pare, c'è un'app per questo. FaceFries <http://www.faceco.co/face-fries/> è un'app mobile gratuita che consente di trasformare le fotografie dei volti in avatar animati realistici, parlanti, espressivi e in 3D. Queste "patatine fritte" come le chiamiamo, possono essere modificate o "modificate", ad esempio possono essere invecchiate, tatuate o trasformate in zombi o pagliacci. Puoi anche farli parlare; dicono di nuovo qualunque cosa tu dica loro di dire, e le loro parole sono accompagnate da un'adeguata animazione facciale. Due volti diversi possono essere "accoppiati" insieme per creare un avatar di una persona totalmente nuova (ad esempio, si è fusa con Lady Gaga o Barack Obama). Le patatine possono essere raccolte, pubblicate su un cloud e accessibili ovunque da chiunque abbia scaricato l'app. Poiché la tecnologia si avvale di una ricerca all'avanguardia basata su anni di sviluppo e competenza, è facile da usare; l'app sa automaticamente dove si trova ogni caratteristica del viso e anche quale sesso è il viso. Consentendo alle persone di "parlare attraverso" i volti di persone di razze diverse o di accoppiarsi con volti di persone di diversa estrazione razziale ed etnica per generare "volti di prole" che uniscono le caratteristiche di entrambi i volti di input, FaceFries è impegnativo e trasformando sottilmente il senso di identità personale delle persone.

4 patatine "title =" Foto di Obama e io ci siamo uniti 4 volte per creare diversi "avannotti". "/>

Le foto di Obama e di me si sono fuse 4 volte per creare diversi "avannotti".

Face Fries non è unico in questo senso. Steve DiPaola della Simon Fraser University, co-fondatore con me di FaceCo Labs Inc., la società che ha creato FaceFries, usa la frase "leash d'identità" per riferirsi alla relazione dinamica tra il senso di sé di una persona e il suo avatar. Il senso di identità della gente o di sé non è limitato al corpo fisico; non si ferma alla pelle. Può includere famiglia, nazione, beni preziosi e, più recentemente, avatar. "Più controllo si ha su un avatar", afferma DiPaola, "più corto è il guinzaglio dell'identità".

Sebbene gli avatar e le app mobili come FaceFries siano generalmente pensati solo per scopi di intrattenimento, quasi frivoli, non è inverosimile che, offrendo un campo di gioco sicuro in cui "trovarsi l'uno nell'altro", gli avatar possano svolgere un ruolo di importanza storica . Se un'immagine vale più di mille parole, uno strumento per generare avatar animati di versioni trasformate di noi stessi vale molto di più. Gli avatar possono facilitare un senso espanso di chi siamo che non si rivolge solo alla mente, ma che ci colpisce a livello istintivo, intestinale.

In un momento in cui abbiamo la capacità di distruzione di massa, gli strumenti dei social media che possono facilitare lo scioglimento delle barriere interrazziali possono farci capire che, come nel mito dell'India orientale della Rete di Indra, siamo tutti uno. Mentre gli avatar diventano più convincenti, e ti trovi faccia a faccia con un'altra versione di te stesso che ti sorride, inizi ad avere la sensazione che non ci sia affatto il guinzaglio, che siamo tutti riflessi l'uno dell'altro, e che le barriere che separano il sé dagli altri sono un'illusione. Per quanto assurda affermare che un'app mobile potrebbe metterci sulla strada per eliminare il razzismo, potrebbe benissimo fare proprio questo.

Per maggiori informazioni:

Comunicato stampa su FaceFries al Vancouver Sun: http://blogs.vancouversun.com/2014/03/20/facefries-new-app-by-ubcsfu-pro…

Articolo su FaceFries in Technology.org: http://www.technology.org/2014/03/24/apple-launches-new-facefries-app/

Un video dimostrativo può essere trovato qui: http://faceco.co/videos.html

  • La psicologia della tortura animale
  • America: la "No-Vacation Nation"
  • 5 motivi per cui diamo alle persone più di quanto dovremmo
  • Domande frequenti sui test di personalità
  • Una chiave per una gestione efficace: Plain Old Common Sense
  • 4 modi di spesa più intelligenti possono renderti più felice
  • Narcisismo e abuso come un sistema di relazioni co-creato
  • Qual è la vera differenza tra un MD e un dottorato?
  • Il Presidente di Gentilezza Trump merita
  • L'impatto della meditazione sulla linea di fondo
  • È stupita la nostra emozione più sottovalutata e potente?
  • Cure dell'autismo: terapie naturali, primi passi
  • Sindrome del venerdì nero e Brain Imaging (umoristico)
  • Disturbo borderline di personalità: l'esperienza del sofferente
  • In difesa del guardare il calcio
  • The American Dream: Time to Wake Up
  • Potresti cambiare la tua vita senza cambiare una cosa?
  • Sick Signature Signals Psycho
  • Perché le persone con disabilità non ne parlano?
  • 11 Segnali di pericolo di illuminazione a gas nelle relazioni
  • Ortoressia: 10 segni che dovresti cercare ora
  • 4 Bugie scioccanti sul peso
  • Salva i genitori!
  • Trumpcare: quando l'assicurazione sanitaria non è realmente assicurativa?
  • Qualunque cosa sia successa al trattamento intensivo della salute mentale?
  • Quando la terapia non funziona
  • Caccia alle streghe?
  • Analisi dei sogni e interpretazione
  • Lavori: Guru and Goon
  • Perché la DEA dovrebbe cambiare la classificazione del programma I della marijuana
  • Il lato oscuro della dipendenza
  • Il rischio di psicosi dimostra di essere indifendibile
  • Conosci il tuo "Tell?"
  • Perché tutti abbiamo bisogno di saltare lo squalo
  • In difesa del guardare il calcio
  • Firme di serial killer