Razza, permissività sessuale e scienza discutibile

In due post precedenti, ho discusso uno studio (Dutton, van der Linden, & Lynn, 2016) che si proponeva di testare le previsioni della teoria K-differenziale molto controversa. Tra le altre cose, questa teoria propone che ci siano differenze razziali negli atteggiamenti e nei comportamenti sessuali, così che le persone di origine africana subsahariana dovrebbero essere le più sessualmente permissive, mentre le persone di origine est-asiatica dovrebbero essere le più sessualmente trattenute e la gente discendente caucasica si dice che sia in mezzo. Gli autori hanno utilizzato i dati di un sondaggio sul sesso condotto da Durex, il produttore di condom, per fornire prove delle differenze razziali nel comportamento sessuale che sostenevano sostenendo la loro teoria. Questo metodo ha una serie di problemi perché il sondaggio mancava di dati provenienti da nazioni africane e la metodologia dell'indagine non era conforme a rigorosi standard scientifici. Fortunatamente, sono disponibili ricerche scientifiche più rigorose utilizzando dati provenienti da 48 paesi, compresi diversi paesi africani, che possono gettare luce su questo argomento. Come sarà chiaro, le prove di questa ricerca contraddicono le previsioni della teoria differenziale-K in un certo numero di aspetti importanti. Inoltre, le differenze interculturali negli atteggiamenti e nei comportamenti sessuali sono legate a una varietà di fattori ambientali, sociali e culturali che devono essere presi in considerazione prima di fare ampie generalizzazioni sulla razza.

Wikimedia Commons
La discussione sulle differenze razziali può diventare accesa, ma si spera che prevalgano le teste più fresche.
Fonte: Wikimedia Commons

Ho discusso la teoria differenziale K prima in qualche dettaglio, quindi lo ricapitolerò solo brevemente qui. Secondo questa teoria, nel corso di migliaia di anni, vari gruppi razziali hanno sviluppato diverse strategie riproduttive per adattarsi alle differenze nei loro ambienti locali. I popoli dell'Africa sub-sahariana hanno sviluppato una strategia di vita veloce che implica la permissività sessuale e l'alta fertilità. Caucasici e in misura ancora maggiore i popoli asiatici hanno sviluppato strategie di vita più lente, che comportano più restrizioni sessuali e investimenti genitoriali più intensi in un numero minore di bambini. Dutton et al. (2016) hanno proposto che queste caratteristiche razziali siano correlate alle differenze nei livelli di androgeni (ormoni maschili compreso il testosterone), con livelli di androgeni più alti correlati a strategie di vita più veloci. Le prove che hanno presentato non hanno supportato pienamente questa teoria, in quanto hanno effettivamente trovato che le popolazioni africane erano più simili a quelle asiatiche per certi aspetti.

Dutton et al. sosteneva che dal momento che il comportamento sessuale è influenzato dai livelli degli androgeni, le differenze razziali dovrebbero essere evidenti a questo riguardo. Usando i dati del sondaggio sul sesso Durex, hanno scoperto che gli intervistati delle nazioni caucasiche hanno riportato una frequenza annuale più elevata di sesso e più partner sessuali durante tutta la vita rispetto ai rispondenti delle nazioni asiatiche. Sfortunatamente, l'unica nazione africana campionata nel sondaggio era il Sudafrica, quindi non era possibile confrontare gli africani con gli altri due gruppi. Tuttavia, Dutton et al. concluse che i risultati erano sostanzialmente in linea con la predizione della teoria differenziale K che gli asiatici sarebbero più sessualmente trattenuti dei caucasici.

A parte la mancanza di dati africani, il sondaggio presenta problemi di mancanza di rigore scientifico. È stato condotto principalmente come attività promozionale per Durex e non è chiaro in che modo gli intervistati rappresentino la popolazione generale da cui sono stati tratti. (Questo articolo esplora queste preoccupazioni in modo più dettagliato). Inoltre, l'indagine non fa alcun tentativo di prendere in considerazione importanti differenze tra le nazioni campionate che potrebbero influenzare il comportamento sessuale, come le condizioni sociali ed economiche. Quindi, l'indagine fornisce un confronto grezzo tra le nazioni e non è chiaro quanto i risultati siano dovuti a fattori biologici correlati alla razza dei rispondenti come Dutton et al. proporre o ad altri fattori salienti.

Una previsione della teoria differenziale-K è che le popolazioni con una strategia di storia di vita prevalentemente veloce dovrebbero avere più interesse nell'accoppiamento a breve termine, mentre quelle con una strategia di storia della vita prevalentemente lenta dovrebbero essere più focalizzate sull'accoppiamento a lungo termine. Un modo per valutare l'interesse nell'accoppiamento a breve termine rispetto a quello a lungo termine consiste nel considerare gli atteggiamenti nei confronti del sesso senza l'impegno per una relazione a lungo termine, nota come sociosessualità. Le persone ad alto contenuto di sociosessualità si sentono a proprio agio con il sesso non impegnato e sono interessate ad avere molti partner sessuali. Viceversa, le persone povere di sociosessualità non sono generalmente disposte a fare sesso senza una relazione impegnata e, di conseguenza, desiderano meno partner. Se la teoria differenziale-K è corretta, le nazioni africane dovrebbero avere i tassi più alti di sociosessualità, quelli asiatici dovrebbero avere il minimo, mentre quelli caucasici dovrebbero essere intermedi. C'è stato uno studio sui livelli nazionali di sociosessualità (Schmitt, 2005) che include abbastanza nazioni da ciascuno di questi tre gruppi per consentire i necessari confronti. Questo studio ha rilevato che le nazioni africane e asiatiche nel complesso avevano livelli significativamente più bassi di sociosessualità rispetto alle nazioni caucasiche dell'Europa, del Nord America e dell'Australia. Questo risultato contraddice la teoria differenziale-K ed è anche coerente con le altre scoperte di Dutton et al. Secondo cui le persone provenienti da nazioni africane erano più simili a quelle delle nazioni asiatiche per certi aspetti rispetto ai caucasici.

Guardando più da vicino ai risultati di Schmitt si scoprono più scoperte che sono incoerenti con la teoria del differenziale-K. La sociosessualità nazionale era correlata positivamente con il livello di sviluppo umano, compresa l'aspettativa di vita, e negativamente correlata con la mortalità infantile, il tasso di gravidanze adolescenziali, la prevalenza della malnutrizione infantile, la prevalenza di basso peso alla nascita e la fertilità. Secondo la teoria della storia della vita, gli ambienti in cui l'aspettativa di vita è breve e la mortalità infantile elevata dovrebbero promuovere una strategia di vita rapida, che implichi matrimoni precoci e alti livelli di fertilità. La teoria del differenziale-K prevede che le strategie di storia di vita veloce dovrebbero essere associate al permissivismo sessuale, tuttavia nei paesi con minore aspettativa di vita, alta mortalità infantile e alta fertilità le persone tendono a essere più sessualmente trattenute rispetto a quelle dei paesi più sviluppati con migliore aspettativa di vita e così via. I risultati di Schmitt sono più coerenti con una teoria alternativa, nota come pluralismo strategico, che la bassa sociosessualità e una preferenza per la monogamia sono più adattivi in ​​ambienti difficili e difficili perché i bambini hanno maggiori possibilità di sopravvivenza quando la cura dei genitori è più diffusa. Viceversa, in ambienti ricchi di risorse, come nelle nazioni sviluppate, la monogenitorialità diventa più praticabile e la sociosessualità più elevata diventa più comune.

Un altro fattore ambientale associato alla sociosessualità è il rapporto sessuale squilibrato (Barber, 2008). Ad esempio, nelle società in cui ci sono più uomini che donne disponibili per il matrimonio, i livelli di sociosessualità tendono ad essere più bassi. In questa situazione, le donne in età da matrimonio sono molto richieste e le donne possono richiedere un livello più alto di esclusività relazionale dai potenziali partner, e sono più propensi a ritardare il rapporto fino a dopo il matrimonio. Viceversa, quando ci sono meno uomini che donne disponibili per il matrimonio, i livelli di sociosessualità tendono ad essere più alti. In questa situazione, le donne devono competere più intensamente per i compagni e il sesso al di fuori del matrimonio e gli atteggiamenti sessuali più permissivi sono più comuni. Rapporti sessuali squilibrati con più uomini rispetto alle donne si verificano oggi in un certo numero di paesi dell'Asia orientale e questo potrebbe aiutare a spiegare perché questi paesi tendono ad essere più sessualmente conservatori (membri di Schmitt e Project, 2003). Inoltre, le società in cui è comune per le donne ritardare il matrimonio al fine di perseguire una carriera tendono anche ad essere più sessualmente permissive. Ciò potrebbe aiutare a spiegare perché livelli più alti di sviluppo economico in un paese sono associati a livelli più elevati di sociosessualità (Barber, 2008).

Le differenze internazionali nella sociosessualità potrebbero anche essere correlate ai cambiamenti nei valori della società man mano che i paesi si sviluppano. I miglioramenti nello sviluppo economico non sono caratterizzati solo dall'aumento dell'aspettativa di vita e dalla riduzione della mortalità infantile, ma da cambiamenti nei valori sociali. I paesi più poveri tendono ad essere caratterizzati da valori di sopravvivenza, che enfatizzano la tradizione e l'obbedienza all'autorità. Le società economicamente sviluppate tendono a spostarsi dai valori di sopravvivenza verso valori di autoespressione che enfatizzano la libertà individuale. (Ho discusso i valori nazionali in modo più dettagliato in un post precedente.) L'enfasi sulla libertà personale può anche portare a una maggiore permissività sessuale.

Wikimedia Commons

La verità verrà alla fine.

Fonte: Wikimedia Commons

Conclusione

La teoria K differenziale fa previsioni sulle differenze razziali negli atteggiamenti sessuali che sono contraddetti dalle prove della ricerca. La teoria del differenziale-K presuppone che una strategia di storia di vita veloce debba essere associata a una maggiore permissività sessuale, ma ciò potrebbe non essere corretto. Ambienti difficili che promuovono una strategia di una storia di vita veloce a causa di una minore aspettativa di vita e di una maggiore mortalità infantile hanno maggiori probabilità di essere associati alla restrizione sessuale e alla monogamia. Viceversa, la permissività sessuale può diventare meno rischiosa in ambienti ricchi di risorse favorevoli a una strategia di storia di vita lenta. Inoltre, la teoria differenziale-K si basa sulla premessa che le differenze culturali negli atteggiamenti e nei comportamenti sessuali sono basate su differenze intrinseche tra gruppi razziali. In particolare, Dutton et al. proporre che le differenze razziali nei livelli di androgeni siano responsabili di queste variazioni. Tuttavia, vi sono prove considerevoli del fatto che atteggiamenti e comportamenti sessuali possono essere collegati a fattori sociali e ambientali che possono essere distinti dalla razza in quanto tale.

© Scott McGreal. Si prega di non riprodurre senza permesso. Brevi estratti possono essere citati a condizione che venga fornito un link all'articolo originale.

Crediti d'immagine

L'intervento di Sabine Women, di Jacques-Louis David, 1799.

La verità che scaturisce dal suo bene per confondere l'umanità, di Jean-Léon Gérôme, 1896.

Post correlati

Personalità, Intelligenza e "Realismo della Razza" – critica la teoria di JP Rushton

La pseudoscienza delle differenze di razza nella dimensione del pene – critica la relazione di Lynn sull'argomento

Riferimenti

Barber, N. (2008). Variazione transnazionale nella motivazione per il sesso non commesso: il ruolo della malattia e dei rischi sociali. Psicologia evolutiva, 6 (2).

Dutton, E., van der Linden, D., e Lynn, R. (2016). Differenze di popolazione nei livelli di androgeni: una prova della teoria del differenziale K. Personalità e differenze individuali, 90, 289-295. doi: http://dx.doi.org/10.1016/j.paid.2015.11.030

Schmitt, DP (2005). Sociosessualità dall'Argentina allo Zimbabwe: uno studio di 48 nazioni sul sesso, la cultura e le strategie di accoppiamento umano. Behavioral and Brain Sciences, 28, 247-311.

Schmitt, DP, e 118 membri del progetto International Sexuality Description. (2003). Differenze universali di sesso nel desiderio per la varietà sessuale: test di 52 nazioni, 6 continenti e 13 isole. Journal of Personality & Social Psychology, 85 (1), 85-104.

Solutions Collecting From Web of "Razza, permissività sessuale e scienza discutibile"