Rapporti emotivamente abusivi – prima parte

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

Recentemente ero seduto in uno Starbucks a recuperare la mia e-mail quando è diventato impossibile non udire la conversazione che stava accadendo così vicino al tavolo accanto. Una giovane coppia era impegnata nel compito apparentemente benevolo di decidere quale tipo di caffè ordinare. Ciò che attirò la mia attenzione fu il modo sottile ma potente in cui il marito respingeva continuamente la timida dichiarazione di sua moglie su ciò che voleva bere. "Avrò un cappuccino," disse in un sussurro. "Non vuoi davvero un cappuccino," disse con calma autorità, "dichiari di volere un cappuccino ma poi non lo finisci mai" aggiunse senza umorismo. "Non voglio ordinare qualcosa che non berrò". La moglie lasciò cadere la testa e assunse una sorta di postura del corpo afflosciata. Sembrava un padre che castigasse un bambino piccolo. Immediatamente ha acconsentito, "Ok, allora non ordinarmi nulla".

Per i successivi 20 minuti si sedettero lì. Si prendeva il suo tempo con la sua grande bevanda al caffè e lei aspettava pazientemente, senza bere nulla. Tirò fuori il telefono e si concentrò su di esso come se non fosse lì. Le poche volte che cercava di iniziare una conversazione o la ignorava o alzava la mano e scuoteva sottilmente la testa no, un chiaro segno non verbale che le faceva capire che lei lo stava interrompendo e qualsiasi cosa stesse prendendo sul suo telefono era più importante . Quando ebbe finito disse "Okay, andiamo." Lei si alzò doverosamente e seguì alcuni passi dietro di lui mentre lasciavano la caffetteria.

In tutta onestà ci sono state diverse volte in cui ho voluto intervenire. Nonostante il fatto che non ha mai alzato la voce, ho potuto percepire quanto fosse dominante e quanto sottomessa avesse bisogno di essere. Guardandolo attraverso un obiettivo terapeutico è stato un potente esempio di relazione emotivamente violenta. Queste sono relazioni che possono sembrare insignificanti per il mondo esterno. Non aveva segni visibili di trauma fisico, anche se avrei sostenuto che il suo linguaggio corporeo ristretto e la sua voce timida parlavano di volumi. Erano entrambi molto ben vestiti e lo scenario di sedersi a Starbucks sembrava abbastanza innocente. Non le aveva mai urlato e i suoi gesti sbrigativi erano estremamente sottili. Probabilmente a un occhio inesperto, l'intero incontro sarebbe stato ignorato.

Sebbene l'abuso emotivo possa essere sottile, l'impatto è profondo e può creare intensi dubbi su se stessi, paura, ansia, rabbia e depressione.

Ho lavorato con molte donne e molti uomini, che erano sinceramente sorpresi del mio suggerimento di trovarsi in una relazione emotivamente violenta. La parola "abusivo" è spesso associata a comportamenti manifesti che causano danni fisici. Ma la dinamica di controllo, l'intimidazione, il trattamento di un partner come "meno di", trattenendo finanziariamente, minimizzando o sminuendo i loro pensieri, sentimenti e bisogni sono segni importanti che sono spesso razionalizzati o scusati dalla vittima. Sono, infatti, indicatori di abuso emotivo che possono o meno degenerare in altre manifestazioni di maltrattamento.

Tutti hanno il diritto di sentirsi sicuri, rispettati, validati, compresi e supportati nelle loro relazioni personali. Nessuno ha il diritto di usare il potere o il controllo per manipolare, soggiogare o svilire il proprio partner. Sebbene l'abuso emotivo possa essere sottile, l'impatto è profondo e può creare intensi dubbi su se stessi, paura, ansia, rabbia e depressione. Se hai una relazione in cui non ti senti sicuro o produttivo usare la tua voce, o sei stato fatto per sentirti indegno, ti esorto a ottenere il sostegno che meriti così da poter rivendicare la tua dignità, la tua voce e i tuoi fondamentali diritti umani.

Nella seconda parte di questa serie, esamineremo alcuni dei segni di abuso emotivo in modo più dettagliato.

Solutions Collecting From Web of "Rapporti emotivamente abusivi – prima parte"