Rankismo: l'elefante nella casa del professore Gates … e forse anche i nostri

Siamo stati veloci nel guardare l'affare Gates attraverso la lente della gara. Ma presto divenne chiaro che la gara non era l'intera storia. Per mettere a fuoco le cose, abbiamo bisogno di un secondo obiettivo, quello del rango. L'obiettivo della corsa mette in risalto le ben note ingiustizie del razzismo. La lente del rango rivela le indegnità meno classificate del rango.

Il rango non ha ricevuto l'attenzione del razzismo. Forse è arrivato il momento. Ma, prima di guardare attraverso la lente del rango, un equivoco comune deve essere cancellato. Classifica, di per sé, non è il problema. Come la razza, il grado è solo un fatto della vita. Rank ci dice chi è il responsabile. Utilizzato correttamente, è uno strumento organizzativo utile. Il problema non sta nel grado in sé, ma nell'abuso di rango. Per analogia con il razzismo, il sessismo e l'età, l'abuso del potere rappresentato dal rango è il rango. Una volta che hai un nome, lo vedi ovunque.

Il rango è la principale fonte di indegnità umana. Mentre le indegne si accumulano, diventa più difficile reprimere l'indignazione che seminano. Oltre una soglia che varia in base alla storia personale, scoppia l'indignazione. Non è difficile capire perché il professor Gates si sentisse umiliato dal trattamento che interpretò come un altro esempio della profilazione razziale che ha a lungo ostentato gli afro-americani e altri che mancavano delle protezioni del rango sociale. Oltre a ciò, un pilastro della common law afferma che "la casa di un uomo è il suo castello". Il proprietario di una casa Gates avrebbe potuto ragionevolmente supporre che avesse superato un ufficiale delle forze dell'ordine sul suo terreno di casa. Mentre si lascia interrogare la sua indignazione può essere messo in discussione, non è difficile capire la sua rabbia.

Adesso gira la lente del grado sulla polizia che partecipa. La polizia è addestrata ad assumere il comando di situazioni indisciplinate. Mentre siamo in servizio, la comprensione è che i nostri guardiani ci superano, proprio così avranno l'autorità di cui hanno bisogno per stabilizzare le situazioni instabili. Ci aspettiamo che la polizia eserciti la propria autorità secondo regole rigorose che tutelano i diritti individuali e l'interesse pubblico. In quelle occasioni in cui i nostri guardiani abusano del loro rango, l'unica risorsa delle vittime è di portare la questione all'autorità superiore. Che le minoranze e i poveri, più di altri, debbano perseguire la giustizia in questo modo è la prova che il rankismo ricade sproporzionatamente su di loro.

The Gates Affair, e la discussione che ha provocato, sono stati incubati nella storia della razza americana e aggravati dalla confusione circa il rango e il suo uso corretto. Per raggiungere un giudizio sull'affare Gates, si deve decidere se il professor Gates abbia tentato o meno di affermare il suo rango – come professore di Harvard o proprietario di una casa – sul poliziotto. È ugualmente pertinente accertare se il sergente Crowley abbia oltrepassato la sua legittima autorità nell'arrestare il professor Gates. Il mio scopo qui non è di riprendere, né tanto meno di provare a giudicare, ma piuttosto di trovare, nella nostra ossessione per l'incidente, un indizio del nocciolo della questione. The Gates Affair è il più raro dei momenti di insegnamento – uno che offre l'opportunità di portare a casa una vecchia lezione offrendoci una nuova lezione.

The Gates Affair ci ricorda la nostra triste storia di profiling razziale e dà nuovo slancio alla sua conclusione. Suggerisce anche che è più probabile che sradichiamo la profilazione se mostriamo ai nostri tutori la stessa dignità che cerchiamo per noi stessi.

Ma, più importante dell'assegnazione della colpa nel caso sta girando la lente del rank e vedendo cosa ci dice di noi stessi e delle nostre relazioni. Lo scontro tra il professor Gates e il sergente Crowley ci attanaglia perché rispecchia le nostre stesse lotte con il rango e il suo uso legittimo.

Quanta deferenza è dovuta al nostro capo, alla nostra sposa, agli anziani, ai bambini, agli insegnanti, ai medici, ai capi religiosi e ai funzionari eletti? Dove finisce l'uso appropriato del rango e inizia il rango? Quando siamo noi che siamo superati, i nostri superiori ci trattano con rispetto? Se no, perché no? In quelle aree in cui siamo di grado superiore rispetto agli altri, proteggiamo la loro dignità come se avessimo la possibilità di proteggere i nostri?

Finalmente, abbiamo il razzismo nel mirino. Ma il rango è ancora in gran parte al di sotto del radar. Come il razzismo e il sessismo prima che venissero identificati, il rango è endemico, onnipresente e apparentemente inespugnabile. È una fonte non riconosciuta di disfunzionalità nelle famiglie, nelle scuole, nei luoghi di lavoro, nelle istituzioni religiose e nella salute. Come gli ismi più familiari, ora finalmente sulla difensiva, anche se dovremo perfezionare la nostra unione, anch'essa dovrà essere sradicata dalle nostre istituzioni sociali.

The Gates Affair offre l'opportunità di ampliare il nostro obiettivo in modo da prendere in considerazione tutte le varietà di abuso di rango e riconoscere le indegne che ne derivano. Il professore e il poliziotto ci saranno stati utili se l'incidente con cui sono stati identificati è considerato una pietra miliare verso un'America in cui, senza eccezioni, tutti – pubblico e polizia, impiegati e datori di lavoro, studenti e insegnanti, neri e i bianchi, i giovani e gli anziani, i gay e i rettilinei, tutti hanno ricevuto uguale dignità.

Solutions Collecting From Web of "Rankismo: l'elefante nella casa del professore Gates … e forse anche i nostri"