Ragazzi che si sono fatti male

Ragazzi che fanno male a se stessi

Uno studente che si taglia è l'incubo di ogni insegnante. Ho vissuto quell'incubo.

Come ogni insegnante sa, il curriculum probabilmente ammonta a circa il 10% delle funzioni di un educatore. Questo perché gli insegnanti insegnano agli studenti, non gli argomenti – e i bisogni umani che camminano attraverso la porta ogni volta che la campana suona priorità al comando su tutto il resto. Pertanto, gli insegnanti, che prestano servizio in prima linea in quello che a volte può sembrare una zona di guerra, incontrano praticamente tutti i problemi della vita che la vita può offrire. Secondo me, nessuno è più spaventoso dello studente che si auto-ferisce.

Avevo un tale studente e la nostra relazione era più che casuale. Donna (non il suo vero nome) mi ha attaccato, per ragioni che non ho mai compreso appieno. Certo, mi piaceva come insegnante, ma il suo bisogno era più profondo di quello. Aveva bisogno di qualcuno con cui parlare costantemente … e credo di essere stato un buon ascoltatore. È venuta nel mio laboratorio (insegnavo biologia delle scuole superiori) durante tutte le sue pause, la sua ora di pranzo, e prima e dopo la scuola. Di solito rimanevo in ritardo per preparare le lezioni e le carte di grado, ma ho fatto poco del mio lavoro perché Donna aveva bisogno di un orecchio.

Avrei potuto risentirmi delle sue richieste per il mio tempo e la mia energia se non fosse stata un'adolescente così simpatica e capace. Era uno dei miei studenti migliori e sicuramente la mia più affidabile. Ha sempre fatto i compiti alla perfezione (completa di alcune illustrazioni di grande successo … aveva un talento per l'arte), ha ottenuto voti quasi perfetti in tutti i suoi test, non si è mai presentata tardi o ha dimenticato il suo libro o non ha restituito il permesso.

Nonostante i suoi risultati accademici, la sua autostima era bassa. Parlava costantemente di ciò che percepiva come i suoi fallimenti: il suo aspetto, la sua inettitudine sociale, i suoi rapporti insoddisfacenti a casa. I suoi genitori biologici erano divorziati e viveva con sua madre, il suo patrigno e un fratellastro. Nonostante le molte ore di descrizioni su di loro e lo stato deprimente della sua vita familiare, non ho mai capito quali fossero i problemi a casa. Mentre lo raccontava, la sua famiglia andava abbastanza d'accordo, eppure Donna si sentiva isolata.

Alla fine, dopo un paio di mesi di discorsi, le rivelazioni di Donna divennero terrificanti. Lei mi ha mostrato le sue braccia. Si stava tagliando con lame di rasoio e coltelli; stava raschiando la sua pelle in piaghe suppurative usando lima per unghie, pannelli di smeriglio, fermagli e, se nessuno strumento era a portata di mano, le sue unghie. Le sue braccia – che teneva coperte sotto le lunghe maniche di un piumino anche quando il termometro colpiva 80 gradi – trasudavano, infettavano e crostavano. Inoltre, ha confessato di avere frequenti pensieri sul suicidio. Avrebbe finito la sua vita, mi disse, uno di questi giorni, quando era il momento giusto. Era un'adolescente che mantenne le sue promesse, rivelò con un sorriso ironico. A quel punto, sapevo di essere sopra la mia testa. Ho invitato Donna a vedere il nostro consulente scolastico, ma lei ha rifiutato.

Così ho fatto quello che qualsiasi insegnante di classe ragionevole avrebbe fatto. Sono entrato nel panico. Non sapevo nulla del taglio e di altre forme di autolesionismo, ma sapevo che le minacce di suicidio devono essere prese sul serio. Tradire la fiducia di Donna, ma facendo ciò che ancora credo fosse la cosa giusta, ho parlato con il consulente e ho rivelato l'autolesionismo di Donna e le sue minacce suicide. Il consigliere, più saggio e più preparato di me in tali materie, riconobbe immediatamente la gravità della situazione e, senza rivelare il mio tradimento a Donna, intervenne, ottenendo a Donna un medico per cure mediche e l'organizzazione di un aiuto di consulenza per Donna e la sua famiglia.

Vorrei poter dire che la storia ha avuto un lieto fine, ma semplicemente non so cosa sia successo a Donna dopo quello. Lei e la sua famiglia si sono trasferite molto lontano pochi mesi dopo l'inizio del trattamento, e non l'ho mai più sentita. So che sembrò sentirsi un po 'meglio con se stessa mentre continuavamo le nostre discussioni durante quelle settimane finali prima della mossa, e lei mi mostrò che le sue braccia erano quasi guarite. Dopo la mossa, però, mi sono chiesto se lo stress di una nuova casa e della scuola l'avrebbe rimandata a tagliare. Non l'ho mai scoperto, e la domanda rimane nella mia mente oggi, circa vent'anni dopo.

La mia esperienza con Donna rimane tra le più memorabili – e le più spaventose – dai miei giorni di insegnamento e, grazie a lei, ho cercato di imparare tutto ciò che posso sull'argomento dell'autolesionismo. Recentemente, ho posto l'argomento di autolesionismo a Nanette Burton, l'autrice di Entering Adulthood: Understanding Depression and Suicide. Ha lavorato con più di 100 "taglierine".

"Spesso i tagliatori sono bravi ragazzi, brillanti, e di solito non si mettono nei guai", mi ha detto Burton. "Tendono ad avere almeno un genitore molto prepotente. Tendono a provare difficoltà nell'esprimere emozioni intorno al conflitto e / o non riescono a entrare in conflitto con quelli con cui sono in conflitto. Molto spesso sono le ragazze che stanno tagliando e non i ragazzi. Tuttavia, quest'anno ho avuto tre adolescenti maschi che si sono tagliati in modi viziosi, ma nascosti.

"Il taglio fornisce sollievo. Quando ti ferisci in modo significativo, "continuò Burton," il tuo cervello risponde inviando un'ondata di adrenalina e dopamina nel corpo. Spesso i bambini si tagliano per non doversi sentire. Chiediamo, cosa non vuoi sentire? La risposta è tristezza, dolore emotivo o rabbia. Di solito un genitore sta facendo una overdose di quei sentimenti in famiglia, e il giovane non può essere ascoltato, anche se lei o lui ci ha provato.

"Ho avuto un ragazzo che tagliava ogni volta che succedeva qualcosa di travolgente. Se avesse litigato con la sua ragazza, se la mamma fosse arrabbiata, se la sua ragazza lo avesse offeso, se la mamma avesse pianto o urlato. Di solito l'attenzione è rivolta al genitore del sesso opposto. I tagliatori possono anche avere un disturbo alimentare e un problema di droga / alcol.

"Il taglio è spesso considerato una dipendenza, come droghe o alcol o disturbi alimentari. Quindi, lo trattiamo come una dipendenza, con variazioni, ovviamente.

"C'è una connessione, e una forte, tra il suicidio e l'autolesionismo. Come con altre dipendenze. Tutte le dipendenze sono modi per non affrontare cose importanti. Più a lungo si viene controllati dall'affrontare le cose e dalle capacità di apprendimento per farlo, più diventi interpersonalmente inefficace. Col tempo, si perde terreno, si costruisce l'impotenza e si applicano gli stessi criteri per il rischio di suicidio ", ha affermato Burton.

Il mio tentativo di comprendere la mia esperienza con Donna mi ha portato a un altro esperto, Janis Whitlock, autore di un articolo pubblicato di recente sul tema dell'autolesionismo e di un collega PT blogger. Nei suoi lavori pubblicati, Whitlock fornisce una grande quantità di informazioni sulle cause dell'autolesionismo e sulla gamma di trattamenti efficaci. Non ripeterò il suo lavoro qui, ma incoraggio i lettori interessati a studiare ciò che ha scritto sull'argomento (segui i link sotto).

Whitlock raccomanda che la valutazione dell'autolesionismo sia una pratica standard in ambito medico . Per me, come ex insegnante, mi chiedo quali siano i bisogni / i potenziali / i problemi di valutazione nei contesti educativi ? Indubbiamente, l'insegnante di classe ha già più responsabilità di quanto ci si possa ragionevolmente aspettare da un essere umano. Ciononostante, sospetto che molti insegnanti di classe, così come consulenti scolastici e amministratori scolastici, siano i primi a scoprire l'autolesionismo.

Non sto più insegnando, ma continuo a pensare a me stesso come educatore in tutto ciò che faccio. Quindi, mi piacerebbe sentire da educatori che hanno avuto esperienze con studenti che si fanno male, così come da psicologi che trattano adolescenti auto-lesivi.

Sto scoprendo che ci sono molte Donnas nelle nostre classi e spero che altri insegnanti siano più preparati ad aiutarli di quanto non lo fossi io.

Per maggiori informazioni:

Nanette Burton. Entrando nell'età adulta: Comprensione della depressione e del suicidio. (Network Publishers, 1990).

Visita il sito Web del Programma di ricerca Cornell sul comportamento auto-lesivo in adolescenti e giovani adulti.

Janis Whitlock, "Self-Injurious Behavior in Adolescents", PloS Medicine (maggio 2010) 7 (5): e1000240.

Il blog di Janis Whitlock Youth and Consequences: "Parlare l'anima: perché i bambini tagliano e cosa possiamo fare a riguardo", 11 febbraio 2010.

Faith Brynie è l'autrice di Brain Sense: La scienza dei sensi e come processiamo il mondo intorno a noi.

Crediti:

Foto di taglio di Brent Mykytyshyn da "The Dark World of Self-Injury", di Susan Pederson, Avenue Magazine, 28 agosto 2009.

Solutions Collecting From Web of "Ragazzi che si sono fatti male"