Race in America: The Invisible Hand of the Implicit Mind

Mahzarin Banaji & Anthony Greenwald
Fonte: Mahzarin Banaji e Anthony Greenwald

Per il resto di questo secolo, i giudizi sulla rilevanza e l'impatto della razza nella società americana dovranno tenere conto di una serie di recenti eventi critici. Le apertissime ribellioni sociali a Ferguson e Baltimora, il massacro a Charleston motivato da motivazioni razziste e la serie di uomini neri, donne e bambini disarmati uccisi dalla polizia continueranno ad avere importanti ramificazioni. La verità scioccante è che questi eventi si sono verificati mentre i residenti della Casa Bianca erano una famiglia afro-americana. Una volta, le espressioni non dissimulate del pregiudizio e dell'antagonismo razziale erano diffuse in tutta la società americana, ma da quando il vetriolo razziale dell'era dei diritti civili è praticamente scomparso.

Oggi solo una piccola minoranza di americani sostiene qualsiasi forma di sentimento anti-black. Se il razzismo vecchio stile non è chiaramente una causa praticabile, perché i risultati per i neri sono sempre peggiori di quelli per i bianchi in così tante importanti dimensioni della vita? E perché lo stato attuale delle relazioni razziali – incarnato da polizia, incarcerazione e disoccupazione – viene visto in modo così diverso dai neri americani e dai bianchi americani?

Credo che alcune importanti risposte a queste domande possano essere trovate nei pregiudizi inconsci che la maggior parte di noi porta inconsapevolmente con noi. Nel loro nuovo libro, Blindspot: Hidden Biases of Good People , il dottor Anthony Greenwald, professore di psicologia sociale presso l'Università di Washington e il dott. Mahzarin Banaji, psicologo sociale dell'Università di Yale, condividono i risultati di 30 anni di ricerca psicologica per fornire una più profonda comprensione delle nostre attuali lacune razziali.

Secondo la loro ricerca, altrimenti persone "buone" che non si considererebbero mai razziste, sessiste, agiste, ecc., Tuttavia, hanno pregiudizi nascosti su razza, genere, sessualità, stato di disabilità ed età. Questi pregiudizi provengono da una parte della mente che funziona automaticamente ed efficientemente e fa il suo lavoro al di fuori della nostra consapevolezza cosciente. Se gli venisse chiesto se tenessimo queste convinzioni o atteggiamenti, spesso li rinnegheremo, ma hanno comunque un impatto potente e pervasivo sulle nostre decisioni e sul nostro comportamento.

Ho avuto una conversazione approfondita con il dott. Greenwald sulle intuizioni spesso sorprendenti di Blindspot .

JR: Cosa ti ha ispirato a scrivere Blindspot?

AG: A metà degli anni '90, il mio co-autore Mahzarin Banaji, Brian Nosek (un altro ricercatore dell'Università della Virginia), e ho creato l'Implicit Association Test (IAT) per testare i pregiudizi e gli stereotipi inconsci delle persone. Lo IAT ha prodotto risultati molto robusti e molto intriganti. Tante persone erano interessate al fatto che dovevamo ottenere qualcosa che fosse informativo, leggibile e che indicasse alcune delle implicazioni di questo tipo di ricerca.

JR: The IAT non è solo un altro questionario su carta e matita. Puoi spiegare che tipo di test è e in che modo è in grado di misurare i pregiudizi che un individuo non è consapevole di avere?

AG: Sì, ma il modo più rapido per imparare come funziona lo IAT per eseguire uno dei test. Il test di gara si trova sul sito Web Project Implicit e richiede solo pochi minuti. Ci sono anche esempi di IAT stampati in Blindspot che puoi prendere e segnare.

In poche parole, lo IAT è un compito in due parti che consiste nel rispondere a una serie di parole e volti che appaiono sullo schermo di un computer. Le parole sono piacevoli o spiacevoli e i volti sono volti di persone bianche o nere. Nella prima parte dello IAT ti viene chiesto di dare la stessa risposta (premere la stessa chiave) quando sullo schermo appare una faccia bianca o una parola piacevole e premere un tasto diverso se compare una faccia nera o una parola sgradevole. Cerchi di farlo il più velocemente possibile senza commettere errori. Nella seconda parte, hai nuove istruzioni. Ora le facce bianche e le parole sgradevoli sono collegate insieme e tu rispondi ai volti neri e alle parole piacevoli usando una chiave diversa. La differenza tra il tempo necessario per eseguire le due prove è una misura di preferenza. Se, come molte persone, sei più veloce quando i volti bianchi e le parole piacevoli sono sincronizzati insieme rispetto a quando i volti neri sono incastonati di parole piacevoli, hai un pregiudizio automatico in favore della visione di volti bianchi e bianchi, più favorevoli dei neri.

Quando ho creato e provato questo compito intorno al 1995, sono rimasto piuttosto stupito di quanto io sia più veloce su uno rispetto all'altro.

JR: Questo è uno di quei momenti aha della scienza quando lo scienziato cerca l'invenzione su se stesso.

AG: Ho scoperto che potevo mettere facce bianche e parole piacevoli insieme molto più velocemente di quanto potessi mettere insieme facce nere e parole piacevoli. Mi sono detto che questa era solo una questione di pratica. Ma la differenza di orario non è cambiata con più pratica. Ho fatto il test letteralmente centinaia di volte negli ultimi 20 anni e i miei punteggi non sono cambiati molto. Ho pensato che fosse davvero interessante, perché i risultati dei miei test mi dicevano che c'era qualcosa nella mia mente che non sapevo nemmeno che ci fosse prima.

JR: Cosa sorprende di più i lettori su cosa c'è nel libro?

AG: La cosa che è stata più stimolante per i lettori e gli altri che hanno adottato lo IAT, è la pervasività dei pregiudizi che si rivelano nella ricerca che facciamo. Quando dico pervasivo, non intendo solo il numero di persone che mantengono questi pregiudizi. Esiste anche una vasta gamma di diversi atteggiamenti impliciti, come l'apprezzamento dei bianchi più dei neri, dei giovani più che dei vecchi, degli americani più degli asiatici e molto altro ancora. Anche l'estremità dei dati è sorprendente. Ad esempio, l'Implicit Association Test mostra che il 70% delle persone preferisce le persone più giovani rispetto alle persone anziane, e questa inclinazione implicita per l'età è mantenuta altrettanto forte nelle persone di 70 o 80 anni come lo è per le persone tra i 20 e i 30 anni.

JR: Nelle nostre recenti conversazioni, tu hai fatto riferimento alla psicologia che subisce una rivoluzione implicita. Puoi parlarci di questo sviluppo?

AG: Sì e questa rivoluzione è in parte responsabile dell'origine del test delle associazioni implicite, che è una forma precedente del nostro test di attitudine implicita. Tutto ebbe inizio nei primi anni '80, quando gli psicologi cognitivi studiavano la memoria e scoprirono nuovi metodi (o resuscitarono alcuni metodi più antichi) per dimostrare che le persone potevano ricordare cose che non erano consapevoli di ricordare. Questo ha assunto la forma di eseguire "compiti di giudizio" che indicavano che avevano preso qualcosa da un'esperienza, ma non ricordavano l'esperienza stessa. Questo tipo di memoria era chiamato memoria implicita, un termine che fu reso popolare alla fine degli anni '80 da Dan Schacter, professore ad Harvard.

Io e Mahzarin iniziammo ad essere molto interessati a questa ricerca e pensammo che dovremmo essere in grado di applicarlo alla psicologia sociale. Quindi abbiamo iniziato a sviluppare un mezzo per misurare atteggiamenti impliciti e stereotipi. Passammo diversi anni a cercare un metodo che potesse funzionare con soggetti umani, che all'epoca erano principalmente studenti universitari dell'Università dell'Ohio, dell'Università di Washington, di Yale e di Harvard. Abbiamo avuto successo e abbiamo visto che avere una comprensione dell'aspetto implicito delle nostre menti aveva un grande potenziale.

Questa ricerca implicita ha avuto così tanto successo, infatti, che ha portato a un cambio di paradigma nella psicologia. E sta ancora raccogliendo forza 25 anni dopo che è iniziato nel campo della memoria. Circa 5 anni fa, ho deciso che avevamo bisogno di un nome per questo cambio di paradigma, quindi ho iniziato a chiamarlo la rivoluzione implicita. Questa non è ancora una parola che troverai ovunque. In effetti, non ho nemmeno pubblicato nulla cercando di proclamarlo come un'etichetta per quello che sta succedendo adesso e non è stato nemmeno incluso in Blindspot . Ma penso che sia una cosa reale.

JR: E cosa intendi con "implicito"?

AG: La mente fa automaticamente le cose che alimentano il nostro pensiero cosciente e forniscono la base per i giudizi. Il risultato è che facciamo giudizi consapevoli guidati da cose che sono al di fuori della nostra consapevolezza. Otteniamo solo i prodotti finali e non riconosciamo la misura in cui tali prodotti sono stati modificati dalla nostra esperienza passata. Ecco dove entrano questi pregiudizi e stereotipi.

JR: Ho sentito dire che diversi livelli di coscienza sono quel linguaggio che useresti per descriverlo?

AG: Sì, questi livelli sono stati descritti in modi diversi, ma ciò che è importante è l'idea che ci siano dei livelli. C'è un livello più lento, automaticamente operativo, che è al di fuori della consapevolezza e un livello di attenzione più alto che può operare deliberatamente e razionalmente con intenzione cosciente. Questa è la distinzione che definisce in realtà la rivoluzione implicita. Stiamo elevando questo livello inferiore – il livello implicito, il livello automatico, il livello intuitivo – a una preminenza che corrisponde all'importanza del lavoro che svolge.

JR: Quindi se ti capisco correttamente, quando percepiamo le cose, quei pensieri e queste percezioni sono davvero prodotti finali dei processi inconsci? Non siamo veramente consapevoli del "processo di produzione di salsicce" che è andato alla creazione di questi prodotti finali di pensiero e percezione?

AG: Questa è una grande metafora. Un altro esempio che mi piace utilizzare per spiegare questa distinzione è quello di una ricerca su Google. Quando guardi qualcosa su Google, gli annunci pubblicitari sono una specie di pop-up sullo schermo del tuo computer che si riferisce a ciò che stavi cercando. Ogni volta che inseriamo una query in un motore di ricerca ci sono processi molto rapidi e invisibili che non potremmo nemmeno iniziare a seguire. Tutto ciò che vediamo è il prodotto finale che appare sullo schermo. Quella distinzione tra il livello dietro il livello dello schermo che opera molto rapidamente e quello che vediamo sullo schermo, che possiamo leggere e interpretare e utilizzare, corrisponde ai due livelli di cui parlavamo ora in psicologia.

JR: lo stereotipo è un termine fondamentale per il tuo lavoro. Lo usiamo molto, ma non sono sicuro che abbiamo sempre un'idea chiara di cosa significhi. Come usi il termine stereotipo nel tuo lavoro?

AG: Il termine stereotipo è nato come termine psicologico negli scritti del giornalista Walter Lippmann. Veniva dal termine di una stampante che si riferiva a un blocco di metallo con una pagina di tipo incisa che poteva essere utilizzata per stampare numerose copie successive, ciascuna identica all'altra. Walter Lippmann usava lo stereotipo per riferirsi alla mente che ritagliava un'immagine sociale per tutti in una certa categoria, come età, etnia, genere o altri che ora attribuiscono il termine stereotipo. Quando uno stereotipo viene usato per capire le persone, tutti in una categoria sociale sono visti come condividendo le stesse proprietà. Nella misura in cui vediamo tutte le donne, tutte le persone anziane, tutte le persone disabili, tutti gli italiani che hanno caratteristiche condivise stiamo usando questo stesso stampo che Lippmann stava descrivendo come quello nel processo di stampa. Gli stereotipi annullano efficacemente le differenze tra le persone in ogni categoria e si concentrano invece solo sulle qualità che condividono.

JR: Ho sentito gli stereotipi caratterizzati come una forma di pensiero pigro. Cosa ne pensi della vecchia affermazione che gli stereotipi hanno un nucleo di verità?

AG: Penso che lo facciano spesso. Ho uno stereotipo sul fatto che i conducenti di Boston siano un po 'fuori controllo. Anche se penso che ci sia un vero e proprio nucleo di verità, non voglio pensare che tutti i driver di Boston siano persone selvagge e dovresti cercare di mantenere la strada in quella città. Il nocciolo della verità è solitamente una differenza media tra un gruppo e un altro gruppo. Ad esempio, c'è ovviamente la verità sullo stereotipo di genere che gli uomini sono alti rispetto alle donne. Ma ciò non significa che ogni uomo sia più alto di ogni donna. Il problema con gli stereotipi è quando ignoriamo le differenze individuali tra le persone all'interno della categoria. Quindi sì, c'è un nucleo di verità negli stereotipi, ma perdiamo la verità quando permettiamo loro di dominare le nostre percezioni a tal punto che non vediamo le differenze individuali tra le persone.

Devo dire ancora una cosa dell'idea che gli stereotipi siano la pigrizia mentale. Questo è assolutamente corretto. Quando usiamo uno stereotipo, è la nostra mente che opera automaticamente e ci dà qualcosa che a volte è utile ea volte no. Ma spesso non ci prendiamo il disturbo di chiederci se sia utile o meno. Dovremmo essere consapevoli che la nostra mente opera in questo modo. È un modo di operare molto normale e fa molto buon lavoro per noi. Ma dobbiamo stare attenti che a volte funzioni in modo da ostacolare ciò che stiamo cercando di fare.

JR: Sai che c'è stata un'idea interessante nel capitolo 5 del tuo libro sugli stereotipi in cui non mi sono mai imbattuto prima. È l'idea paradossale che applicare gli stereotipi possa effettivamente portarti al punto in cui sei in grado di immaginare l'individualità e l'unicità di una persona, che è l'esatto contrario degli stereotipi. Puoi spiegarlo?

AG: Sì, è un po 'un'idea difficile, e uno che non esiste ancora nella psicologia sociale. In quel capitolo abbiamo esplorato come combinare categorie come razza, religione, età, ecc. Per creare creazioni davvero uniche, perché queste combinazioni formano immagini nella nostra mente. Ad esempio, in quel capitolo abbiamo suggerito di immaginare nella tua mente un professore lesbico nero, musulmano, sessantenne, francese. Ora, la maggior parte non ha mai incontrato nessuno con tutte queste caratteristiche, ma possiamo mettere insieme etichette come tipi di occupazione, orientamenti sessuali, ecc. E combinarle per costruire una categoria di persone che abbia senso per noi. Non abbiamo difficoltà a creare un'immagine mentale abbastanza buona di quel tipo di persona, anche se forse non abbiamo mai conosciuto una persona del genere in tutta la tua vita.

JR: il tuo libro è basato su molte ricerche Il progetto Implicit ha oltre 2 milioni di persone che hanno partecipato.

AG: In realtà oltre 16 milioni di persone. Abbiamo iniziato nel 1998 e ora ci sono 14 diverse versioni sul sito web. La maggior parte di loro è in corso da oltre un decennio. Sappiamo che il Test di associazione implicita è stato completato oltre 16 milioni di volte. Quello che è stato completato più di ogni altro è il test di attitudine alla razza, che misura la piacevolezza e la spiacevolezza associate alle categorie razziali in bianco e nero. Quel test è stato completato tra 4 e 5 milioni di volte.

JR: Un aspetto divertente di Blindspot è attività interattive, elementi visivi ed esempi pratici che aiutano a coinvolgere le persone in queste idee e concetti. All'inizio del libro dimostrano l'idea del punto cieco. Puoi dirci cosa è e in che modo il punto cieco ci aiuta a capire l'intera area degli stereotipi e dei pregiudizi impliciti?

AG: Il punto cieco è una vecchia dimostrazione percettiva che implica la visualizzazione di una pagina con due punti disegnati a circa 5 pollici di distanza su una pagina bianca. Quando chiudi un occhio e ti concentri su un punto e poi sposti la pagina entro 7 pollici dai tuoi occhi, l'altro punto scompare. Quindi, se si passa a quale occhio è aperto e quale è chiuso, il punto scomparso diventa visibile e l'altro punto scompare. Questo è il punto cieco. Quando stai sperimentando questo punto cieco nella dimostrazione, lo sfondo è continuo e c'è un'illusione di un buco nella tua visione. Questo perché il tuo cervello lo riempie davvero nel punto cieco con qualunque altra cosa si trovi nelle vicinanze. Il punto cieco diventa una metafora di un pezzo di apparato mentale che in realtà non sta vedendo cosa sta succedendo.

JR: Siamo fermamente cablati per avere un punto cieco visivo.

AG: Giusto, ma il punto cieco mentale a cui ci riferiamo non è un semplice apparato compensatorio. In realtà è tutta una serie di operazioni mentali, che non possiamo vedere accadere. Stanno succedendo fuori dalla vista. Questa è roba molto importante. La meraviglia del test di Implicit Association è che in realtà ci dà un modo di vedere le parti della mente in cui queste cose stanno accadendo.

JR: I risultati della IAT sulla razza dicono che molti americani hanno preferenze per i volti bianchi rispetto ai volti neri, che è facile estendere ad essere una preferenza per i bianchi rispetto ai neri. Ma cosa dobbiamo fare di questo? Per alcune persone il fatto che ti piacciono le facce diverse su questo test non sarebbe una parte di dati poco importante.

AG: Potresti pensare "Ok, ho questa preferenza secondo lo IAT, ma non è solo un modo diverso di misurare ciò che direi se mi facessi solo domande sulle mie preferenze razziali?" Ma è sbagliato. I pregiudizi rivelati dallo IAT, non verrebbero fuori se rispondessi semplicemente a domande. Se mi facessi domande sui miei pregiudizi razziali, negherei di avere qualche tipo di preferenza razziale. E non perché menti, ma perché non sono a conoscenza delle associazioni automatiche che lo IAT rivela. Questo modello in realtà applica anche la maggioranza degli americani e delle persone in altri paesi.

JR: C'è un esempio nel tuo libro di qualcuno che ti ha scritto e che non è affatto vero che Martha Stewart apprezzasse davvero più di Oprah Winfrey, anche se i tuoi test hanno detto che lo facevano.

AG: Sì. Questo succede sempre. C'è una fonte di resistenza molto comprensibile nel credere che ciò che lo IAT sta misurando ha validità. Possiamo capire questo teoricamente in termini dei due livelli che abbiamo discusso in precedenza. Lo IAT misura qualcosa che procede automaticamente al livello inferiore, al di fuori della nostra consapevolezza. Domande del sondaggio, tuttavia, in cui rispondi con le parole o i segni di spunta riflettono i pensieri coscienti che stanno accadendo al livello più alto. Ora comprendiamo che questi due livelli mentali non devono necessariamente essere d'accordo l'uno con l'altro. Quindi diventa una questione su come affrontare questa discrepanza.

Una delle domande più frequenti che si verificano spesso è se gli atteggiamenti inconsci misurati dallo IAT abbiano o meno un effetto significativo sul nostro comportamento. La risposta è si. Le associazioni automatiche che facciamo a questo livello inferiore e inconscio genereranno pensieri coscienti che riflettono quelle associazioni, anche se non sappiamo nemmeno di averle. Questo può quindi alterare i giudizi che facciamo consapevolmente.

Mia moglie mi ha parlato di una storia radiofonica che ha sentito di un avvocato nero di nome Bryan Stevenson che lavora per l'Equal Justice Initiative. Era in tribunale con un cliente, che era bianco, seduto al banco della difesa prima dell'inizio del processo. Il giudice entrò e si avvicinò a Mr. Stevenson e disse "Ehi, cosa stai facendo seduto al tavolo della difesa? Non dovresti essere qui finché il tuo avvocato non è qui. "

JR: È fantastico!

AG: Sì. Bryan Stevenson lo derise. Il giudice ha riso. Ma era una cosa molto seria, che rifletteva le operazioni automatiche nella testa del giudice che gli dicevano che una persona di colore seduta al tavolo della difesa, anche una che indossa un abito, non è l'avvocato, ma l'imputato.

JR: Wow. In una delle Appendici in Blindspot , descrivi un cambiamento significativo nel corso dei decenni in cui le persone hanno risposto a semplici domande sulla razza. Il tipo di opinioni apertamente negative nei confronti dei neri non è più accettato pubblicamente, come lo erano prima dell'era dei diritti civili. Lo IAT non ci sta dicendo che queste espressioni più sfacciate di razzismo potrebbero essere cambiate senza un corrispondente cambiamento nelle associazioni implicite negative che molte persone potrebbero continuare a mantenere nei confronti dei neri?

AG: Sì, io e Mahzarin siamo stati molto attenti a dire che ciò che le misure IAT non meritano si chiamano razzismo. Lo IAT misura le preferenze automatiche per i bianchi relativi ai neri. Questa è una preferenza che si può avere se si piacciono sia i bianchi che i neri, se uno non ama sia i bianchi che i neri, o addirittura se a uno piacciono i bianchi e quelli non amano i neri. Ma questo non è razzismo. È un'associazione mentale che avviene automaticamente. È legato al comportamento discriminatorio, ma non è necessariamente un comportamento discriminatorio ostile. Questo è qualcosa che si verifica in modo molto più sottile.

JR: Una delle scoperte interessanti che descrivi nel tuo libro è che molti afroamericani hanno anche una preferenza inconscia per i bianchi.

AG: È vero. Tra gli afro-americani negli Stati Uniti vi è quasi una divisione tra coloro che hanno una preferenza per i volti bianchi rispetto al nero e quelli che preferiscono il bianco relativo nero. Tuttavia, se a queste stesse persone viene chiesto se si sentono più caldi nei confronti dei bianchi rispetto ai neri, gli afro-americani faranno chiaramente capire che si sentono più affettuosamente dei neri rispetto ai bianchi. È interessante notare che molti afroamericani non sono governati da correttezza politica come i bianchi, molti dei quali pensano che se si sentono più cordialmente verso una razza piuttosto che un'altra non dovrebbero esprimere questo sentimento. Ma non tra i neri. Gli afroamericani mostrano schemi diversi sulla razza IAT rispetto ai bianchi, ma non è esattamente l'opposto. Sono molto equilibrati e mostrano in media pochissime preferenze nette in un modo o nell'altro. Ma ciò che è simile è la distinzione tra ciò che le loro parole dicono sulle preferenze e ciò che lo IAT dice sulle loro preferenze. Ciò che credono onestamente di se stesso spesso si differenzia dalle loro preferenze implicite, come spesso accade ai bianchi.

JR: Mi chiedo se il tuo libro abbia suscitato polemiche pubbliche.

AG: È interessante. Il nostro lavoro scientifico è stato controverso in quanto ci sono persone che sono molto contrarie all'idea di usare il tempo di reazione come un modo per misurare il tipo di atteggiamenti che erano nel passato misurati da domande di sondaggio che avevano risposte verbali o segni di spunta usati. Viviamo molte più polemiche all'interno del nostro campo di quanto non facciamo nel pubblico in generale, compresi i lettori di Blindspot . Non c'è stata quasi nessuna opposizione forte alle conclusioni del libro, e molte persone stanno scoprendo che queste idee li portano a capire che è necessario fare qualcosa per prevenire il funzionamento dei pregiudizi inconsci. Ma abbiamo alcuni colleghi scientifici che vogliono combattere su tutto questo.

JR: The science in Blindspot suggerisce quanto resistenti siano molti di questi pregiudizi impliciti a cambiare. Ma il fatto che Barack Obama sia stato eletto due volte alla presidenza sembra riflettere alcuni importanti cambiamenti. Alcuni dicono addirittura che l'era della razza è finita e che siamo in un'era post-razziale.

AG: Condivido l'opinione che conosco un certo numero di scienziati politici, il che è che Barack Obama è riuscito a diventare presidente eletto nonostante fosse nero. Ciò ha avuto, in parte, a che fare con altre cose in corso nel paese. I repubblicani stavano iniziando a perdere il sostegno politico a causa di problemi come l'immigrazione e la catastrofe finanziaria del 2008. Queste forze sono appena riuscite a superare la perdita di voti che Obama ha vissuto a causa del fatto che è nero. Ho effettivamente svolto ricerche su questo argomento che è stato pubblicato su riviste scientifiche.

JR: Nella società nera a volte parliamo di qualcosa chiamata la tassa nera. Questo è l'importo aggiuntivo che le persone di colore pagano per le cose perché guadagnano meno, non gli vengono offerte offerte oneste, o gli ostacoli al successo sono più difficili per loro. Allora, qual è stata la tassa nera di Barack Obama? Cosa gli costava il nero in termini di punti percentuali delle elezioni?

AG: Le stime dello studio che abbiamo fatto sono state vicine a una riduzione del 5% dei voti per Obama a causa della sua razza. E altri hanno fatto calcoli simili. Non c'è dubbio che Barack Obama non sarebbe stato eletto in un'elezione presidenziale condotta solo da elettori bianchi. Obama si sarebbe perso per un'enorme frana, forse fino al 60% al 40% a favore del suo avversario.

JR: Mi chiedo che cosa può fare la tua ricerca IAT per aiutarci a navigare sui numerosi problemi di razza che sono stati recentemente nei titoli di cronaca: cose come sparatorie ingiustificate della polizia degli afro-americani? In questi casi, gli ufficiali dicono quasi sempre che sentivano che le loro vite erano in pericolo, ma la maggior parte degli afro-americani – e forse la maggior parte delle persone – guarda la situazione e pensa come sarebbe possibile?

AG: Per rispondere a questa domanda, dobbiamo distinguere tra i diversi tipi di situazioni nella polizia. Ad esempio, quando la polizia si trova di fronte a qualcuno che sta probabilmente portando una pistola, non può fare la differenza se quella persona è nera o bianca. Possono presumere che non importa chi sia quella persona, se stanno cercando qualcosa che potrebbe essere una pistola, l'ufficiale di polizia può effettivamente sentire che c'è una vera minaccia. Questo è un tipo di situazione molto importante, ma non uno che ho studiato. Né sono preparato a dire esattamente come si applica lo IAT.

I tipi di situazioni di polizia che studio sono molto più comuni, come la profilazione. Dire che un agente di polizia sta seguendo un'auto e decide di fermarlo perché un fanalino posteriore non funziona. È ben noto dagli studi stop e frisk che fa la differenza se il guidatore è bianco o nero. Questo è il tipo di cosa che può risultare da processi automatici di cui l'ufficiale di polizia potrebbe non essere necessariamente a conoscenza. Non sto dicendo che non ci siano poliziotti che si impegnano nella profilazione deliberata di neri per le fermate. Penso che succeda. Ma penso che il problema più significativo sia il profilo implicito che opera in modo più automatico. Se il poliziotto ha più sospetti che qualcosa di illegale stia accadendo se il guidatore è nero, allora mi sembra che possa esserci un implicito, automatico.

JR: Sono stato sorpreso di scoprire dal tuo libro che alcuni dei migliori pregiudizi documentati si trovano nella pratica medica, dove gli afroamericani ricevono più frequentemente gli interventi medici meno preferiti. E le persone che mostrano questo pregiudizio nelle cure mediche sono tra le persone meglio addestrate nel paese.

AG: È molto difficile sospettare che i medici producano disparità di assistenza sanitaria, che spesso si manifestano nella disparità di trattamento tra bianchi e neri. È molto difficile trattarlo come qualcosa che è coperto dall'intento consapevole di fornire un trattamento meno soddisfacente ai pazienti di razza nera. Quindi diventa plausibile che qualcosa stia operando su un livello più automatico di stereotipi di base di cui i dottori potrebbero non essere a conoscenza. Molti professionisti del settore medico sono interessati a questo. Nelle sessioni di formazione relative alle disparità mediche spesso hanno difficoltà a convincere l'idea che ci potrebbe essere qualcosa che le loro menti stanno causando loro di fornire meno cure di quelle che vorrebbero fornire. È qualcosa che un giorno sarà risolto con l'allenamento, ma non il tipo di allenamento che è facile da fare. Gli psicologi devono fornire più formazione continua sulla rivoluzione implicita per far capire alle persone in quale misura le loro menti possono operare automaticamente.

JR: Questa rivoluzione implicita è un importante cambiamento di paradigma per noi. La maggior parte di noi ha superato l'idea che la terra sia rotonda e che giri attorno al sole. Ma questo è un grande per le persone che hanno un forte senso di indipendenza personale e amano pensare di essere il padrone del loro destino.

Mentre avvolgiamo le cose, mi chiedo che cosa considereresti l'importante messaggio da portare a casa che vorresti che le persone ricevessero da Blindspot ?

AG: È una specie di un messaggio di te stesso. In questo libro, stavamo cercando di mostrare ciò che la psicologia ha imparato di recente su come funzionano le nostre menti e cosa possiamo fare per allineare meglio il nostro comportamento con le nostre convinzioni coscienti, al contrario dei nostri pregiudizi inconsci. Parte del segreto per farlo è semplicemente fare cose che fanno sì che la tua mente faccia di più che semplicemente operare automaticamente. Puoi farlo monitorando da vicino quello che stai facendo.

JR: Offri una sfida nel titolo del tuo libro dicendo che questi sono i pregiudizi nascosti delle brave persone. Queste sono persone con buone intenzioni che si considerano buone, ma alcune delle tue ricerche potrebbero mettere in discussione tale assunto.

AG: Devi capire che una parte della ragione di quel sottotitolo è che i due autori del libro si considerano brave persone e hanno questi pregiudizi. E crediamo che non siamo soli nel pensare che siamo brave persone e non siamo soli nel non voler essere governati da questi pregiudizi. Ci sono così tante persone che se fossero tutte e comprassero il libro sarei davvero molto ricco.

JR: Una cosa che faccio spesso notare nell'insegnare agli studenti o ai tirocinanti come trattare con le popolazioni offensive, le personalità antisociali e gli psicopatici è che le brave persone vogliono essere buone e vogliono anche essere viste come brave. Al contrario, con personalità criminali, spesso si scopre che non vogliono essere bravi e che non sono visti come buoni. Quindi penso che voler essere buono faccia un lungo cammino verso l'iniziare ad essere buono. Questo processo di conoscenza di te stesso è qualcosa che dovresti coinvolgere nel fatto che tu sia coinvolto nella conversazione di razza o meno. Consiglio vivamente il tuo libro e la tua ricerca come punto di partenza per quel processo di conoscenza di te stesso, sapendo dove ti trovi e dove siamo qui in America.

AG: Voglio ringraziarti per averlo fatto. Quelli di noi che vogliono vederci come brave persone dovrebbero essere interessati ad apprendere come le operazioni automatiche della nostra mente possano intralciare le nostre intenzioni. Questo è un ottimo punto per finire.

JR: Grazie, Tony. Apprezzo molto la tua generosità con il tuo tempo e anche dando ai lettori la possibilità di condividere il debutto di alcuni nuovi concetti rivoluzionari che hai introdotto durante la nostra intervista. Cercherò sicuramente di più sulla rivoluzione implicita. Avere queste idee più comunemente comprese preparerà la strada a molti cambiamenti positivi.

AG: Grazie per questa conversazione apprezzo il tuo interesse per il nostro lavoro.

________________________

Clicca qui per ascoltare l'intervista completa a Anthony Greenwald sul suo libro Blindspot .

Solutions Collecting From Web of "Race in America: The Invisible Hand of the Implicit Mind"