"Rabbia invernale", consapevolezza e dono del presente

C'è un post divertente su NPR sulle "fasi della rabbia invernale" (puoi vederlo qui). Si sta godendo una bella gita in giro per Facebook attraverso azioni punteggiate dalla commiserazione. Recentemente, ho commentato: "Scuoto il mio pugno contro di te, Old Man Winter!" Ho creduto, per un momento, in un mitologico sadico che affligge il nord-est con la neve. A New York, dove pratico, abbiamo ottenuto la dubbia distinzione di aver fatto la top ten in termini di accumulo per una determinata stagione. Questo ha generato fantasie di donare il mio parka e, come i miei nonni hanno fatto prima di me, fuggire in Florida. Sono stato freddo, stanco, dannatamente stanco di essere freddo e stanco , e francamente incazzato che New York è il nuovo Maine per quanto riguarda il tempo. Ma recentemente, qualcosa è cambiato.

L'inverno può insegnarci molto sulla consapevolezza. Sì, hai sentito bene, l'inverno può insegnarci come stare e sederci con il presente, qualunque esso sia. Arrabbiarsi in inverno non lo fa primavera. Non scioglie la neve, non fa sbocciare i fiori. La rabbia, la frustrazione e il risentimento sono emozioni provate nel momento, ed è bello e anche importante riconoscerle. Ma aggrapparsi a quei sentimenti non fa altro che prolungarsi sentendosi arrabbiato, frustrato, risentito. Davvero . Il che ci impedisce di notare molto altro nei momenti che effettivamente abbiamo.

Dopo tutto, il momento presente è l'unico che possiamo mai veramente possedere, anche se fugacemente. È l'unico momento in cui effettivamente fare o sperimentare qualcosa. Tutto il resto sta davvero ricordando o rimuginando sul passato, temendo o desiderando un futuro che non assomigli mai a quello immaginario. Quando stava accadendo il passato, era il presente. Quando arriverà il futuro, di nuovo, sarà il nostro regalo . E noi sperimentiamo il presente solo quando ci siamo dentro. Completamente

Così spesso ci diciamo cose come "Se solo potessi tornare a …" ("liceo, college, l'anno scorso, quando ero in forma / salute migliore" ecc.). Oppure pensiamo: "Finalmente sarò felice / a posto / a posto quando … (" perdere peso "," guadagnare più soldi "," finire la scuola "," sono in una relazione "," quando è di nuovo estate ", ecc. ). Desiderare ciò che è passato o rendere la nostra felicità contingente ad un futuro, sperato, è un risultato del tutto naturale, e una condizione dalla quale pochi pochi di noi potranno mai "curarsi" completamente noi stessi. Ma c'è così tanto da guadagnare dall'imparare ad essere dove siamo, comunque o qualunque cosa sia in questo momento, anche se riteniamo che una parte del momento presente sia spiacevole, o stimolante, o scomoda.

Desiderare il momento (o l'inverno) di distanza, in effetti, vuol augurare la nostra vita. Va abbastanza velocemente così com'è.

La consapevolezza del momento presente ci consente di sperimentare qualcosa di molto al di là di ciò che abitualmente utilizziamo attraverso le nostre lenti quotidiane. Ancora una volta, l'inverno può insegnarci molto sul dono del presente. Per esempio, sono andato in spiaggia lunedì, all'inizio, con il vento ipercalco che mi strofinava il viso, le dita, come piccoli ghiaccioli nelle tasche, il fondo dei pantaloni e il cappotto ancora una volta spolverato di sale e neve sporca. Lì, rabbrividii e piansi l'inaspettata sepoltura innevata dei crochi che solo un giorno prima aveva sfondato la fredda terra. "Sono così stufo di congelarmi il culo!" Ho pensato. "Dove diavolo è primavera?"

Nonostante il vento e il freddo, tuttavia, mi sono avvicinato all'oceano, osservando il cielo grigio che incontrava l'acqua in lontananza. Mentre mi permettevo di rimanere pienamente presente e rilasciare temporaneamente la mia frustrazione e il mio disagio, notai un grande stormo di gabbiani che si accontentava di galleggiare sull'acqua. Nelle vicinanze, altri guardavano il mare da un affioramento roccioso, mentre alcuni si immergevano con grazia nell'acqua gelida in cerca di sostentamento. Non avevo mai pensato molto alla vita dei gabbiani, lo ammetto, ma mentre li guardavo, mi meravigliavo della loro capacità di essere in pace con quello che è – se il sole estivo infuocato scottasse le rocce al di sotto o lo spruzzo ghiacciato schizzasse su loro. Mi ritrovai paralizzato dal gioco di luci attraverso la sabbia, la neve e il mare, il mosaico di conchiglie congelate nel paesaggio, il silenzio squisito di questo spazio incantevole e desolato. Inaspettatamente, tornai a camminare lungo il fiume Hudson durante una precedente tempesta di neve, il mio corpo si raffreddò allo stesso modo, e il silenzio della tarda mattinata fu interrotto solo dal rumore degli stivali che scricchiolavano sulla passerella ghiacciata. Mi ricordai che in quel momento ero stato completamente preso dalle barche a vela ormeggiate tra le lastre di ghiaccio che danzavano sull'acqua, entrambe sullo sfondo della città.

Che regalo uscire dalla mia testa e nel mio mondo.

Tra pochi mesi, la spiaggia sarà di nuovo calda e affollata e punteggiata da gente che si prende il sole, i bambini si rincorrono sulla sabbia. Il silenzio sarà rotto dalle auto che corrono per gli spot e dalle campane tintinnanti degli incrociatori da spiaggia. La città sarà più rumorosa, vibrante e movimentata che mai, l'Hudson che fa squadra con le barche, la passeggiata popolata da gente che fa jogging, passeggini, cani e gente che ciondola sulle panchine. Un giorno, potrei infatti passare a un clima più mite. Ma non scambierei dopo aver sperimentato la bellezza dell'inverno.

Come tutto il resto, l'inverno, per quanto rigido, è transitorio, fugace nello schema delle nostre vite. È importante essere consapevoli e onesti delle nostre reazioni all'inverno (e tutto , penso). I nostri pensieri e sentimenti sono ciò che sono nel momento. Ma se possiamo uscire dalla nostra testa e nel presente, ogni tanto – comunque e qualunque cosa sia – possiamo essere piacevolmente sorpresi dai suoi doni.

Solutions Collecting From Web of ""Rabbia invernale", consapevolezza e dono del presente"