Quindi io sono Tweet

Ho sentito un'esperienza simile descritta da molti giovani nel mio ufficio, un'esperienza che è ossessivamente simbolica, credo, della nostra cultura attuale e in cui la tecnologia ci sta guidando.

L'esperienza è questa: il giovane piange e si sente costretto a trovare uno specchio in cui guardarsi piangere. Sperimentano la loro esperienza non direttamente, ma piuttosto attraverso la loro riflessione. Osservando se stessi nell'atto di piangere, mettono in relazione costantemente la sensazione di sorpresa – che in effetti c'è qualcuno che li guarda allo specchio, una persona reale con le lacrime che escono dai loro occhi. La loro sorpresa è mostrarsi allo specchio, in forma solida, con una faccia bagnata per provare i loro sentimenti sconvolti. Non posso credere che sto davvero piangendo, spesso dicono, stranamente. Lo specchio aiuta a mostrare loro che sono reali, che ciò che sta accadendo è reale. Una giovane donna che conosco è arrivata al punto di ottenere i raggi X delle sue braccia e delle sue gambe per dimostrare a se stessa che era abbastanza reale da presentarsi al cinema.

Una cosa interessante accade per questi giovani, tuttavia, nel processo di guardare i loro riflessi allo specchio. Diventano ancora più disconnessi dall'esperienza che stanno avendo, più alienati dai sentimenti che li fanno piangere. Invece, la loro esperienza diventa quella di guardare se stessi sentire. Diventano l'oggetto piuttosto che il soggetto della loro propria esperienza.

Siamo diventati una società che ci osserva facendo tutto. Non è reale a meno che non sia stato catturato e visualizzato dai nostri smartphone. Quando mia figlia ha un play-date, ricevo almeno una manciata di foto dalle baby-sitter che registrano diligentemente e abbracciando ogni mia figlia e i suoi amici. Mentre sono sempre deliziata da una foto di mia figlia, c'è una parte di me che si chiede perché abbiamo bisogno di registrare ogni cono gelato che lecciamo. Si sente meno delizioso, meno come è successo se non catturato da un obiettivo? C'è una parte di me che spera che ai bambini sia permesso di continuare a giocare e smettere di suonare per l'iPhone.

Recentemente, ho letto un post su Facebook da una mia amica molto intelligente, una donna di circa 50 anni. Il post ha letto quanto segue: "Presto un giro in bicicletta, ora seguito da un po 'di frutta fresca e un succo di acai." I leggilo e ti chiedi che cosa forse ti chiedi anche tu, perché? Perché prenditi il ​​tuo tempo per segnalarlo? Perché è importante che lo sappiamo sul rituale del succo mattutino? Non raccoglierai gli stessi benefici che inducono sulla salute, provi lo stesso orgoglio di quel giro in bici se gli altri non lo conoscono? Cosa è successo al potere dell'esperienza interiore? Che cosa è successo alla proprietà delle nostre azioni e intenzioni, conoscenza privata di ciò che stiamo facendo e di essere, senza un pubblico?

Noi adulti stiamo perdendo la capacità di vivere la nostra vita e di diventare, come quei giovani nel mio ufficio, incapaci di sentire che esistiamo senza il riflesso di una lente o di uno schermo. Mi chiedo se la tecnologia non ci stia riportando a quello stato infantile quando abbiamo cessato di esistere se non si fosse specchiato negli occhi di nostra madre. Con la tecnologia che sta aprendo la strada, stiamo creando un'infanzia adulta, uno stato in cui nessuna esperienza personale esiste a meno che non venga riflessa attraverso la nostra lente digitale, la nostra nuova madre. Quale sarà il risultato di tutta questa riflessione incessante? Forse scompariremo del tutto nei nostri dispositivi, finalmente esistenti solo in forma digitale, che ci daranno il via attraverso una nuova app. La mia speranza tuttavia è che rimaniamo in forma umana e troviamo un modo per scoprire ancora una volta la nostra presenza, un senso di esistenza che ha il suo peso senza bisogno di essere catturato o visto. Rimanete sintonizzati.

Copyright 2012 Nancy Colier

Solutions Collecting From Web of "Quindi io sono Tweet"