Questo quarto luglio, ascolta un veterano

Nota: spero ardentemente che la gente leggerà questo saggio. Di tutti gli argomenti abbastanza vari che scrivo su Psychology Today , quelli che sono visti molto meno spesso sono quelli che riguardano i veterani di guerra. Questo riflette l'isolamento dei veterani, che è la ragione per cui ho scritto il pezzo OpEd qui sotto.

Pubblicato su Atlanta Journal Constitution all'indirizzo http://www.ajc.com/opinion/this-july-fourth-listen-995546.html

Questo quarto luglio, ascolta un veterano

Di Paula J. Caplan

20:37 venerdì 1 luglio 2011

Funzionari dell'amministrazione dei veterani citano l'aumento dei tassi di suicidio, incarcerazione, senzatetto e disoccupazione. Non c'è da meravigliarsi se una corte d'appello statunitense ha recentemente ordinato una revisione completa del trattamento di salute mentale VA.

Per il 4 luglio, ogni americano può immediatamente alleviare i carichi emotivi dei veterani, riducendo il terribile isolamento di chi torna dalla guerra con devastanti conflitti interni.

La buona notizia: l'azione è semplice ma straordinariamente efficace. Ogni civile può ascoltare la storia di un veterano. Molti veterani che ho intervistato hanno detto: "La notte in cui ho raccontato la mia storia è stata la mia prima notte di sonno dalla guerra".

Gli americani sono tristemente disaccordi sugli effetti persistenti della guerra. Meno dell'1 percento è servito nell'esercito. I veterani parlano poco ai non soldati della guerra e pochi civili si offrono volontari per ascoltare. Di conseguenza, pochi di noi comprendono davvero l'impatto duraturo della guerra.

La decisione del tribunale d'appello ha rilevato che il sistema di salute mentale VA "incompetente e afflitto da gravi ritardi". Mentre i veterani attendono una trasformazione, è urgente chiedersi di curare le ferite emotive a guarigione lenta. I tassi di suicidio per i membri dei servizi e per i veterani continuano a crescere nonostante i nuovi programmi VA. Più di 100.000 veterani sono senzatetto ogni notte. La ragione più comune per l'ospedalizzazione del personale militare rimane una grave sofferenza emotiva.

Il costo di un programma nazionale "Ascolta un veterinario": praticamente nulla. L'ascolto funziona anche meglio e comporta meno rischi della diagnosi psichiatrica seguita dai veterani drogati.

È difficile imparare la realtà della guerra quando i veterani non vogliono parlare. Molti temono che se descrivono il loro tormento, gli ascoltatori "penseranno che sono pazzo". Infatti, medici e laici spesso concludono che coloro che lottano con l'angoscia della guerra sono malati di mente. Qual è una sana risposta alla carneficina della guerra?

Molti temono di essere giudicati per le loro azioni in guerra, perché non riescono – come loro vedono – a mostrare un valore sufficiente o entrambi. Altri temono sconvolgenti parenti raccontando storie di orrore, dolore, vergogna, conflitto morale e disperazione totale. Molti avvertono il pericolo di aver infranto un tabù culturale contro il parlare di morte riferendo di incontri di guerra.

Perché pochi civili chiedono ai veterani le loro prove? Molti temono che non possiamo gestire ciò che ci diranno. Potremmo pensare che debbano "andare avanti" con le loro vite, cosa che noi traduciamo nell'urgenza di non parlare di guerra. Troppi non-terapeuti commettono due errori deplorevoli: credono che i medici formati professionalmente possano riparare la carneficina emotiva della guerra (anche se alcuni possono aiutare, ci sono troppi malati e troppi pochi ascoltatori compassionevoli) e credono che i laici non abbiano le capacità per aiutare . Ma i dati mostrano che, anche se tutti i terapeuti VA assunti di recente sono stati utili, è necessario un ulteriore aiuto.

La ricerca abbondante mostra che il supporto sociale – non gli approcci clinici ad alta potenza, ma i collegamenti ordinari e compassionevoli – ha un enorme potere di guarigione. In altre culture, ma meno nella nostra, le comunità aiutano la guarigione traumatizzata ricollegandole con gli amici e gli altri.

È tempo di sfidare i pregiudizi culturali contro la sincera empatia. In tutta l'America, i cittadini sanno o sentono che i veterani stanno soffrendo, spesso da soli e in silenzio.

Lascia che ogni civile parlino con un membro del servizio o un veterano. Dite loro che, come americani il cui paese ha perseguito una guerra, sono stati mandati a combattere, ci assumiamo la responsabilità di ascoltare ciò che hanno vissuto e come li influenza, che desideriamo capire ma non giudicare. Tutti possono cercare opportunità per dire loro che assistiamo alla loro sofferenza, senza dubbio avremmo risposto lo stesso, e soprattutto, non crediamo che siano malati di mente a causa del trauma della guerra.

È straordinario come questo possa essere fatto da chiunque se ne interessi, indipendentemente dal fatto che loro e chi parla condividono le stesse opinioni sulla politica o sulla guerra. Ascoltare i veterani aiuta a rompere l'isolamento che è uno dei pericoli più dannosi del ritorno a casa.

Impegnandosi a "fare la pace" della mente per coloro che hanno servito almeno la stessa energia nazionale che entra in guerra, portiamo nuovo significato il 4 luglio a ciò che significa essere un americano.

Solutions Collecting From Web of "Questo quarto luglio, ascolta un veterano"