Questo è il tuo cervello nel dare caritatevole

Quando ero in prima elementare, ho frequentato un programma di doposcuola presso il Jewish Community Center nella mia città natale di Santa Monica, in California. Nell'atrio c'era un grande striscione che sollecitava donazioni all'appello ebraico unito che diceva: "Dai a Til" Fa male."

Non l'ho capito e ho trovato il tutto vagamente inquietante, al punto che, ogni volta che fosse possibile, avrei fatto il giro della lobby per evitare di guardare lo stendardo.

Diversi mesi dopo è stato sostituito con uno stesso font simile, stesso logo, che diceva "Give 'Til It Feels Good".

Adulti !, ho pensato. Perché tutto deve essere così confuso? Il dare deve essere piacevole o doloroso?

Quella relazione complicata e ambivalente con il dare è solo un segno di tutti gli altri modi complicati in cui gli umani perseguono il piacere. Il piacere è un motivatore centrale nelle nostre vite; dopotutto, se non trovassimo cose come cibo, acqua e sesso gratificante, non sopravviveremo e passeremo il nostro materiale genetico alla generazione successiva.

Inoltre, la maggior parte delle esperienze nella nostra vita che troviamo trascendente – se i vizi illeciti o le pratiche rituali socialmente sanzionate e le pratiche sociali diverse come l'esercizio e la meditazione attivano un circuito di piacere definito anatomicamente e biochimicamente nel cervello. Orgasmo, apprendimento, cibi altamente calorici, gioco d'azzardo, preghiera, danza fino allo sfinimento e gioco su Internet: tutti evocano segnali neurali che convergono in un piccolo gruppo di aree cerebrali interconnesse chiamate "circuito del piacere del tronco mediale" in cui il neurotrasmettitore dopamina svolge un ruolo cruciale. È in questi piccoli gruppi di neuroni che si avverte il piacere umano. Questo circuito di piacere che utilizza la dopamina può anche essere cooptato da alcune, ma non tutte, sostanze psicoattive come cocaina, nicotina, eroina o alcool.

Quel legame con il piacere a cui ho assistito guardando gli striscioni di "Give Til It Feels Good" ha avuto più senso quando ho iniziato a esaminare un nuovo sviluppo nella ricerca sul cervello che potrebbe aiutarci a capire meglio ciò che motiva la donazione caritatevole.

Una serie di studi è stata condotta da William Harbaugh, professore di economia, presso l'Università dell'Oregon, e dai suoi colleghi. L'obiettivo del loro studio era di capire come il circuito del piacere del cervello rispondesse a differenti approcci al dare e pagare le tasse.

Una teoria sostiene che alcune persone danno alla carità per altruismo. Si sentono soddisfatti dall'offrire un bene pubblico, come l'assistenza ai bisognosi, e si preoccupano solo di quanti benefici vengono offerti e non del processo attraverso il quale avviene. Questo modello implica che queste persone dovrebbero ricevere piacere anche quando tale trasferimento di ricchezza è obbligatorio, come nella tassazione.

Una seconda teoria, chiamata "incandescenza calda", sostiene che alla gente piace prendere la propria decisione. Derivano il piacere dal senso dell'agire, più o meno allo stesso modo in cui la gente preferisce molto tirare i propri dadi mentre giocano a dadi e scegliere i propri numeri della lotteria. In questo modello, non è previsto che la tassazione obbligatoria produca una "luce calda".

Una terza teoria propone che alcune persone traggano piacere dalle donazioni caritatevoli a causa del miglioramento del loro status sociale. A loro piace essere considerati ricchi o generosi dai loro coetanei. Naturalmente, queste teorie non si escludono a vicenda. Qualcuno potrebbe essere motivato dall'altruismo e dal caldo bagliore dell'agenzia e dal desiderio di approvazione sociale.
Il Dr. Harbaugh e il suo team hanno progettato il loro esperimento per affrontare le prime due teorie, ma non il terzo. Reclutarono diciannove giovani donne dall'area intorno a Eugene, nell'Oregon, e fecero compiere a loro varie transazioni economiche in uno scanner cerebrale. Furono istruiti che nessuno, nemmeno gli sperimentatori, avrebbero saputo le loro scelte. (Questo era vero: le loro decisioni furono scritte direttamente sul disco del computer e codificate a macchina prima dell'analisi). Presumibilmente, la progettazione di questo esperimento rimuove il miglioramento dello status sociale come motivatore. Ogni soggetto ha ricevuto $ 100 in un conto, che sarebbe poi assegnato in vari importi a una banca alimentare locale. In alcune delle prove, i soggetti hanno avuto la possibilità di donare, in altri non hanno avuto scelta – sono stati "tassati". In altri studi, hanno ricevuto denaro senza condizioni. Il modo in cui è stato condotto lo studio è stato il seguente: i soggetti per primi hanno presentato una somma di denaro su uno schermo video, ad esempio $ 15 o $ 30. Pochi secondi dopo, hanno appreso lo stato del processo: questa somma era o un regalo per loro, una tassa involontaria sul loro conto, o un'offerta per donare in beneficenza, che potevano accettare o rifiutare premendo uno dei due pulsanti . I risultati della scansione cerebrale hanno mostrato sull'intera popolazione che, proprio come ricevere denaro, sia la tassazione che la beneficenza hanno attivato regioni quasi sovrapposte del circuito del piacere. Tuttavia, in media, la donazione ha prodotto un'attivazione più forte di questo centro di piacere rispetto alla tassazione. Questi risultati supportano entrambi i modelli di "puro altruismo" e "caldo splendore" come motivatori di donazioni caritatevoli.
Naturalmente, questo non significa che questi stessi soggetti sorridano mentre scrivono i loro assegni all'IRS, che supporta molti programmi che potrebbero essere meno attraenti di una banca del cibo. Inoltre, non significa che il cervello di tutti risponde esattamente allo stesso modo in tali condizioni. Circa la metà dei soggetti nello studio ha avuto più attivazione del centro di piacere dal ricevere denaro che dal darlo, mentre l'altra metà ha mostrato risultati opposti. Non sorprendentemente, quelli che hanno avuto più piacere nel dare hanno effettivamente scelto di dare molto di più alla beneficenza rispetto all'altro gruppo.
Una domanda filosofica nasce da questi risultati: se dare, anche dare obbligatorio anonimo, attiva i centri del piacere del cervello, significa che "l'altruismo puro" non esiste realmente? In altre parole, se percepiamo un ronzio del piacere dai nostri più nobili istinti, ciò li rende meno nobili? Vale la pena notare che le motivazioni per il comportamento prosociale sono state un argomento di intenso interesse in molte tradizioni filosofiche e religiose. Kant, per esempio, scrisse che atti guidati da sentimenti di simpatia non erano veramente altruisti e perciò non meritavano elogi, perché facevano sentire bene l'attore. E questa non è solo una fredda nozione nordeuropea: un'idea simile si trova nel concetto buddista di dana, o puro altruismo, che dà il divorzio anche dalla ricompensa interna, un attributo chiave dell'illuminato Bodhisattva. Gli esperimenti di Harbaugh suggerirebbero che l'altruismo totalmente puro, il dare senza piacere, è una cosa molto innaturale e difficile da raggiungere.
Che cosa significa questo nel mondo reale, in cui le interazioni sociali e la reputazione sono fondamentali, in quanto i raccoglitori di fondi cercano di motivare le persone a dare? Tutto il nostro comportamento è incorporato in un contesto sociale e questo contesto sociale influenza in modo potente i nostri sentimenti e le nostre decisioni. Gli studi hanno dimostrato che anche un lieve rifiuto sociale può attivare i centri del dolore emotivo del cervello. Questo significa che interazioni sociali positive possono attivare anche centri di piacere?
Per questo, è utile rivolgersi a uno studio di Norihiro Sadato e dei suoi colleghi all'Istituto Nazionale di Scienze Fisiologiche in Giappone, che ha cercato di capire se il cervello ha avuto più piacere dal migliorare il proprio stato sociale e la propria reputazione – come ad esempio generoso donazioni di beneficenza – o ricevendo un sacco di soldi che potrebbero essere utilizzati in qualsiasi modo desiderato da una persona.

I soggetti in uno scanner cerebrale hanno scelto una scheda di tre su uno schermo video e hanno ricevuto somme diverse. Le più forti attivazioni cerebrali sono state prodotte dai maggiori pagamenti monetari.

Quando gli stessi soggetti ritornarono per un secondo giorno di test, presero un ampio sondaggio scritto sulla personalità e registrarono una breve intervista video. Poi sono entrati nello scanner, dove hanno ricevuto un feedback sociale sotto forma di valutazioni della loro personalità che era stata presumibilmente preparata da un gruppo di quattro osservatori di sesso maschile e quattro donne.

Per favorire l'inganno, furono mostrate le foto di questi osservatori e fu detto loro che li avrebbero incontrati alla fine dell'esperimento. Il feedback ha assunto la forma di una foto del volto del soggetto con un descrittore di una sola parola al di sotto. Alcuni dei descrittori erano positivi, come "affidabile" e "sincero", mentre altri erano piuttosto neutrali, come "paziente". Naturalmente, questi descrittori erano tutti generati dagli sperimentatori e presentati in ordine casuale.

La scoperta principale è stata che i descrittori di ricompensa sociale più positivi hanno attivato porzioni del circuito di ricompensa – in particolare il nucleo accumbens e lo striato dorsale – sostanzialmente sovrapposte a quelle attivate nel compito di ricompensa monetaria. Questa scoperta suggerisce che esiste, letteralmente, una moneta neurale comune per la ricompensa sociale e monetaria.

Quindi, cosa possiamo imparare da tutta questa scienza del cervello? Non preoccuparti di essere un Bodhisattva – è giusto cogliere un ronzio di piacere da una luce calda interna, un senso di agenzia o l'approvazione degli altri – basta dare fino a che si sente bene.

Solutions Collecting From Web of "Questo è il tuo cervello nel dare caritatevole"