Questo è il tuo cervello che binge di cibo, sesso, alcol o droghe

Jocelyn Richard/Johns Hopkins University
Il pallidum ventrale (area triangolare in rosso) è il luogo in cui i ricercatori ritengono che il comportamento binge possa essere innescato o soppresso.
Fonte: Jocelyn Richard / Johns Hopkins University

Conosciamo tutti la sensazione di essere costretti a esagerare. A seconda del tuo vizio, il binging può portare a: eccesso di cibo, consumo di blackout, overdose di droga, comportamenti compulsivi sessuali, ecc. I meccanismi cerebrali coinvolti nei comportamenti binge sono complessi ed enigmatici.

Tuttavia, un nuovo studio pubblicato online oggi ha identificato un gruppo di neuroni in una regione del cervello sottocorticale chiamata Ventral Pallidum (VP) che sembra innescare le abbuffate. Questi neuroni rispondono selettivamente a una stecca che predice la disponibilità della ricompensa. Sembrano essere profondamente collegati alla tendenza ad abbuffarsi in risposta a trigger esterni.

Il documento del giugno 2016, "Ventral Pallidum Neurons Encode Value Incentive and Promote Cue-Elicited Instrumental Actions", è disponibile online e apparirà sulla rivista Neuron .

I neuroni nel Pallidum ventrale sono collegati ai comportamenti di abbaiare

Nel nuovo studio della Johns Hopkins University, i ricercatori hanno scoperto che i ratti potevano essere condizionati a impegnarsi in comportamenti di abbuffata se i segnali esterni erano collegati a ricevere un trattamento zuccherino. Infatti, quando alcuni neuroni nel VP venivano attivati, i ratti si abbeveravano a dolcetti zuccherini con la stessa voracità che è stata osservata nei mangiatori di abbuffate umane.

Tuttavia, quando i neuroni ventrale pallidum sono stati soppressi, i ratti sono diventati molto meno motivati ​​a cercare il trattamento zuccherino. Sebbene si trattasse di uno studio sugli animali, i risultati potrebbero avere implicazioni per qualsiasi tipo di comportamento di abbuffata.

L'inibizione del pallido ventrale sembra ridurre i comportamenti di ricerca della ricompensa e la probabilità di una baldoria. Viceversa, sembra che le risposte di stimolo che attivano i neuroni VP aumentano la probabilità che un topo da laboratorio abbia una abbuffata alla ricerca di ricompense.

In una dichiarazione, Jocelyn M. Richard, un borsista post-dottorato della Johns Hopkins University in scienze psicologiche e del cervello, e autore principale di questo studio ha detto,

"I segnali esterni – qualsiasi cosa da un assaggio di polvere che assomiglia alla cocaina o al tintinnio di un camion di gelati – possono innescare una ricaduta o abbuffate. I nostri risultati mostrano dove nel cervello si sta verificando questa connessione tra gli stimoli ambientali e la ricerca di cibo o droghe. Siamo stati sorpresi nel vedere un numero così elevato di neuroni che mostra un così grande aumento di attività non appena il suono è suonato "

Nella prima fase di questo studio, i ricercatori hanno addestrato i ratti per rendersi conto che se sentivano un certo suono (una sirena o un segnale acustico staccato) e poi spingevano una leva, avrebbero ricevuto una bevanda di acqua zuccherata. Questo è un condizionamento classico in azione. Mentre i topi eseguivano ripetutamente il compito, i ricercatori stavano monitorando i neuroni all'interno dell'area pallidale ventrale del cervello dei ratti.

I ricercatori hanno osservato che quando i ratti hanno sentito la stecca legata al loro trattamento zuccherino, un VP molto più grande del previsto di neuroni ha reagito. Questa risposta ha portato a comportamenti robusti e bizzarri.

I ricercatori hanno anche osservato che quando la risposta dei neuroni era particolarmente robusta, i ratti erano molto più veloci nel divorare tonnellate di zucchero. In effetti, i ricercatori erano in grado di prevedere quanto velocemente i ratti si sarebbero mossi per lo zucchero solo osservando quanto i neuroni VP fossero eccitati al suono di una stecca.

Infine, i ricercatori hanno optato per l'optogenetica, una nuova tecnica che consente ai ricercatori di manipolare le cellule usando fasci di luce mirati per sopprimere temporaneamente l'attività dei neuroni del pallidum ventrale mentre i ratti sentivano i segnali dello zucchero. È interessante notare che quando i neuroni VP sono stati disattivati, i ratti hanno meno probabilità di tirare la leva dello zucchero. E, se finalmente hanno tirato la leva, sono stati molto più lenti a farlo. Questa è una scoperta affascinante che aiuta a spiegare le basi neurobioligiche del binging.

Il condizionamento classico e le risposte di Pavlov possono scatenare comportamenti da sballo

Marcos Mesa Sam Wordley/Shutterstock
Fonte: Marcos Mesa Sam Wordley / Shutterstock

Questa settimana, un altro studio relativo ai comportamenti di binging è stato pubblicato da ricercatori della Concordia University in Canada. I ricercatori canadesi hanno scoperto che quando accoppiavano un segnale visivo con l'assunzione di alcol, i topi si aspettavano l'alcol ogni volta che vedevano quella stecca. Secondo me, questo studio si sposa perfettamente con i risultati di Johns Hopkins sui comportamenti binge pubblicati oggi.

Lo studio di Concordia del maggio 2016, "L'attribuzione dell'incentivazione della sussistenza agli spunti di alcol pavloviani: uno spostamento dal monitoraggio degli obiettivi al tracciamento dei segni", è stato pubblicato sulla rivista Frontiers in Behavioral Neuroscience .

Per questo studio, un gruppo di studenti di Concordia ha lavorato con 25 ratti da laboratorio che sono stati condizionati ad associare uno specifico segnale con la presenza di etanolo, che è l'alcol predominante che si trova nelle bevande alcoliche consumate dagli esseri umani.

Come sappiamo dall'esperienza di vita e dalla ricerca empirica, in molti modi gli esseri umani non sono molto diversi dagli altri animali. I ricercatori sottolineano che possiamo usare modelli animali per capire come minimizzare i comportamenti indesiderati, come rispondere agli stimoli che portano all'abuso di alcol negli esseri umani, anche.

Proprio come i cani di Pavlov, gli umani spesso diventano condizionati per associare gli stimoli ambientali alle ricompense. Questa è una tipica risposta di Pavlov. Ovviamente, il tipo di indizi pavloviani che portano qualcuno a bramare l'alcol può portare a binge drinking e dipendenza.

In una dichiarazione, Nadia Chaudhri, autrice principale e professore dello studio nel Dipartimento di Psicologia, ha detto:

"La dipendenza da alcol è aggravata dalla nostra capacità di apprendere su segnali predittivi. Le reazioni condizionate a quegli stimoli possono innescare comportamenti che si traducono in consumo di alcol, come la trasformazione in SAQ o il raggiungimento di una birra.

Queste preferenze potrebbero essere guidate dalle proprietà sensoriali dell'alcol, come il suo sapore, il suo odore e il suo aspetto. È importante per le persone rendersi conto che bere alcolici è un comportamento complesso e, oltre a ciò che l'alcol fa al nostro cervello, gioca anche un ruolo nel regolare i nostri comportamenti ".

Alla fine, quando è stata presentata la stecca, i ratti si sono avvicinati al luogo in cui stava per essere consegnato l'alcol. Ma dopo un po ', hanno smesso di eseguire questo comportamento e invece hanno iniziato ad avvicinarsi e interagire con la stecca. Secondo i ricercatori, "i bevitori che desiderano cambiare le loro abitudini non dovrebbero concentrarsi solo sull'alcol, ma su tutti i fattori che circondano il consumo di alcol".

Conclusione: ridurre al minimo i trigger può sopprimere i neuroni VP e prevenire le abbuffate

In un precedente post sul blog di Psychology Today , "What Triggers Cravings?" Ho discusso di come gli indizi di persona specifica possano anche scatenare le voglie che portano alle abbuffate. Se stai lottando con qualsiasi tipo di dipendenza, l'ultima ricerca empirica suggerisce, è importante circondarsi di persone, luoghi e cose che mantengono calmo il tuo ventre pallido.

Per me personalmente, visualizzare i triangoli rosso e rosa nell'immagine nella parte superiore di questa pagina come su un interruttore "on-off" che può innescare un abbuffata o prevenire comportamenti di binging è una visualizzazione utile. Spero che questa informazione ti aiuti anche se sei incline a qualsiasi tipo di comportamento di abbuffata.

© 2016 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland.

Solutions Collecting From Web of "Questo è il tuo cervello che binge di cibo, sesso, alcol o droghe"