Questo giorno dell'Indipendenza, liberati dalla critica del corpo

YinYang/iStockPhoto
Fonte: YinYang / iStockPhoto

"Stai benissimo in quella! Sooo magro! "

Sono sicuro che hai sentito quel tipo di commento in ogni situazione in cui due o più donne sono presenti. L'ultimo complimento – così magro! Quando sento questo, di solito si tinge di un po 'di invidia, come un nastro verde che sbircia attraverso la nuvola di ammirazione. Lo chiamo "complimento geloso". Cosa strana, confrontandoci con le persone intorno a noi. Senza nemmeno rendercene conto, scansioniamo la stanza e decidiamo come sentirci su noi stessi in base a come tutti gli altri guardano all'esterno.

Gli psicologi sociali hanno un nome per questo. Nel 1954, Leon Festinger la definì la teoria del confronto sociale. Secondo lui, è la natura umana basare la propria autostima su come stanno facendo le persone intorno a noi. Se sembrano leggermente migliori di noi (cioè più intelligenti o più ricchi) cerchiamo di abbinarli a quelli che seguono la moda "al passo con i Jones". Se le persone che associamo sembrano irrimediabilmente superiori ai nostri standard (cioè miliardari o geni) tendiamo a fermare il confronto.

La strana eccezione a questa regola è rappresentata dalle donne e dall'immagine del corpo. Quando ci confrontiamo con ideali di bellezza irrealistici che vediamo sulle riviste o di persona, continuiamo a cercare di soddisfare quegli ideali, anche se in fondo sappiamo che è impossibile. Pensa ai milioni di dollari che spendiamo su trucco, chirurgia plastica, Botox e prodotti dietetici ogni anno, nel tentativo di renderci più magri e più simili ai modelli. È oltre ciò che sembra razionale.

La mia teoria è che Festinger non avrebbe mai potuto prevedere questo, perché ha vissuto prima dell'età di streaming di Internet e TV a colori. Non avrebbe avuto modo di immaginare esattamente quanto dannose sarebbero state quelle influenze. Molti di noi sono insensibili ai messaggi sottili che guardiamo e vediamo ogni giorno, e non iniziamo nemmeno a renderci conto che stanno lentamente filtrando nelle nostre menti. I buoni cittadini di Nadroga, Fiji, furono completamente ingenui con i nostri media americani nel 1995. Fu allora che i primi televisori furono portati nella regione. Alcuni ricercatori (Becker, Burwell, Herzog, Hamburg, e Gilman, 2002) hanno dato un'occhiata a quello che è successo dopo, ed è stato terrificante. Prima dell'introduzione della TV, i fijiani originari pensavano che le donne robuste e formose fossero belle e non vedevano alcun bisogno di stare a dieta. Il tasso di bulimia? Zero. Tre anni dopo, la maggior parte della popolazione disponeva di televisori e il 74% delle persone intervistate ha dichiarato di sentirsi "troppo grosso o grasso" almeno una parte del tempo. E l'11,3% di quelli ha detto di aver vomitato per perdere peso. Un totale del 77% di coloro che sono stati intervistati ha dichiarato che la televisione ha influenzato la propria immagine corporea e molti hanno espresso il desiderio di sembrare più simili ai personaggi della televisione occidentale.

1995 – PRIMA DELLA TV

  • Valori robusti del corpo valutati
  • Tasso di bulimia – 0 percento
  • Tassi di insoddisfazione del corpo: bassi

1998 – DOPO TV

  • I tipi di corpo sottile sono apprezzati
  • Tasso di bulimia: 11,3 per cento
  • Tasso di insoddisfazione corporale: 74 percento

I cittadini di Nadroga avevano imparato a provare vergogna e disgusto nei corpi che trovavano accettabili prima che le immagini dei media si infiltrassero nelle loro menti. Nella nostra cultura attuale, non possiamo sempre controllare le immagini che lampeggiano davanti ai nostri occhi. Possiamo, tuttavia, controllare se scegliamo di lasciare che i media e gli inserzionisti ci dicano quali caratteristiche sono attraenti. E possiamo aiutare i nostri amici, la famiglia e i nostri figli richiamando l'attenzione su cose diverse da come guardano all'esterno. La prossima volta che hai voglia di commentare le dimensioni del vestito di qualcuno, prova a guardare un po 'più a fondo e a dire qualcosa che sia veramente significativo.

"Sembri radioso di gioia!"
"Sembri così sicuro adesso."
"Il tuo sorriso illumina solo questa stanza!"

Siamo molto più della somma delle nostre parti fisiche. Questo giorno dell'Indipendenza, concediamoci una pausa dal ciclo di paragone e rilassarci nella nostra pelle, nella cellulite e in tutti.

Solutions Collecting From Web of "Questo giorno dell'Indipendenza, liberati dalla critica del corpo"