Questo è il motivo per cui sei bloccato e infelice

Come passare dallo stato di sopravvivenza allo stato di creazione.

unsplash

Fonte: unsplash

La differenza tra uomo e animale: possiamo attivare la nostra lotta o fuga solo con i nostri pensieri da soli. Non dobbiamo essere in pericolo reale. Il nostro subconscio non può dire la differenza tra ciò che è reale e ciò che non lo è. Quindi i nostri pensieri ci mettono in uno stato di combattimento o di volo, anche se è sottile. Questo ci spinge verso il basso in frequenze più basse che eventualmente ci gratificano. Fermati un attimo e pensa a cosa pensi tutto il giorno. Sì, la logistica è come quello che devi fare e quello che vuoi per cena. Pensieri che non sono carichi emotivamente. Ma anche una tonnellata di pensieri che producono preoccupazione, terrore e stress. Corretta? E quei pensieri sono in riproduzione. Sono stati per anni. Il contenuto potrebbe essere cambiato ma i sentimenti sono gli stessi.

Ciò che sentiamo è sempre più potente di ciò che pensiamo. I nostri sentimenti, l’elefante. La nostra logica, il piccolo pilota in cima. L’elefante sta per andare dove sta andando.

La maggior parte dei nostri pensieri proviene dalla paura e da tutte le cose che potrebbero andare storte (le nostre distorsioni cognitive). Questo diventa un circolo vizioso che ci sommerge in uno stato di sopravvivenza dell’essere. Anni di questo e non stiamo più vivendo. Invece siamo in uno stato di panico. Come ho detto sopra, questo ci spinge verso il basso in una frequenza più bassa e iniziamo a restringere invece di espanderci. Inseguiamo invece di attrarre. Quindi il comportamento segue questo. Ci liberiamo. Check-out. Abbandonare. Affrontare i vizi. Iniziamo a sentirlo nel nostro corpo. Guardalo nella nostra postura. La nostra energia cambia. E nel tempo, possiamo ammalarci. Letteralmente.

La maggior parte delle persone vive in questo modo.

Ogni giorno è una costante battaglia di sopravvivenza.

Un combattimento.

Con noi stessi e cosa è successo.

O cosa succederà.

Ho vissuto la maggior parte della mia vita in questo modo.

Mi ha tenuto bloccato e infelice.

“Se non stai creando una nuova vita creando nuovi pensieri che producono sentimenti e nuovi comportamenti, stai vivendo nel passato.
I nostri pensieri possono farci ammalare. Allora i nostri pensieri possono farci bene? Certo che possono. ”
– Dott. Joe Dispenza

Ora parliamo di uscire dal tuo schifo.

In poche parole, tirati fuori dalla modalità di sopravvivenza e entrando in modalità Creatore in modo da non essere sempre in uno stato di combattimento o di volo. Quindi non stai più vivendo nel passato. Quindi inizi a nuotare attraverso la vita invece di remare con i cani. Per molti, annegamento.

La modalità Creatore ti fa vivere a una frequenza più alta = creare = attrarre.

Immagina che ogni volta che hai pensieri, stai mettendo le tracce. E queste tracce si trasformano nel tuo percorso. Leggi di nuovo quella frase perché è quello che succede. I tuoi pensieri creano il tuo percorso. Se pensi sempre a pensieri che generano preoccupazione, stress, paura e panico, ti manterranno in uno stato di sopravvivenza. Questo stato impedisce il comportamento richiesto per creare nuove esperienze. Quindi rimani bloccato, sia nella tua testa che nella vita. Invece di andare avanti, ti muovi lateralmente o in cerchio. E tu guardi tutti gli altri che vanno avanti e si sentono meno di ciò che interiorizzi, creando credenze false e limitanti su di te. Diventi uno spettatore della tua vita. Guardando dagli spalti. Invece di vivere la tua vita.

So cosa stai pensando. Ma ho provato così tante volte a cambiare i miei pensieri e il modo in cui penso. Non funziona.

Potresti averlo fatto per un giorno o due. O forse una settimana. Oppure hai seguito un corso di meditazione o un seminario di miglioramento personale. Ma non è abbastanza. Ancora una volta, stiamo parlando di anni e anni di cablaggio e condizionamento. Un fine settimana non cambierà la merda. Se vuoi cambiare i tuoi pensieri quotidiani e lo stato, devi trasformarlo in una pratica di vita. Non c’è altro modo.

Capisco che è difficile. Capisco. Anch’io lotto con lui. Ma non sono più come ero. O più esattamente, pensa a quello che pensavo. O come pensavo. Sì, ho giorni migliori di altri, ma nel complesso ho dato una mancia. Non vivo in modalità sopravvivenza. Sono in modalità Creatore. E ha cambiato la mia vita.

Come passare dalla modalità sopravvivenza alla modalità creatore

Come l’amore e l’odio, lo stato di sopravvivenza e lo stato di creatore non possono esistere allo stesso tempo. Puoi andare avanti e indietro ma non puoi essere in entrambi gli stati contemporaneamente. Se entri in uno stato di creatore, molto probabilmente non lo sarà a lungo. Naturalmente tornerai di default allo stato di sopravvivenza. Abbastanza rapidamente I pensieri negativi e le emozioni che ne derivano si riverseranno velocemente come sono andati via.

La chiave è di rimanere in modalità creatore finché puoi. L’idea è di allungarla. Non una volta. Quotidiano. Questa è la pratica. Come ogni pratica, più lo fai meglio otterrai. Fino a un giorno, ti rendi conto che sei più in modalità Creatore che in modalità Sopravvivenza.

Questo è quando le cose si capiscono.

Ecco alcuni suggerimenti che potrebbero aiutarti.

1. Cambia il modo in cui guardi questo processo.

Non stai solo cambiando i tuoi pensieri. Hai già sentito molte, molte volte da varie persone, libri di autoaiuto, blog e video. È solo diventato un rumore per te ora. È come dire a qualcuno che è fuori forma andare in palestra. Loro sanno. È la motivazione e il pezzo di esecuzione con cui lottano. Devi considerare questo come una scelta di vita. Un cambiamento di stile. Come se stessi diventando vegano o paleo. Non una soluzione temporanea. E conosci il tuo “perché”. Lascia che ti aiuti con la tua risposta. Perché hai vissuto per anni in uno stato di sopravvivenza e non ti sta più servendo. Perché sei stufo di sentirti di merda e scoraggiato. Perché tu vuoi meglio per te stesso. Perché non vuoi solo essere vivo. Tu vuoi vivere.

2. Infilarlo nella tua vita.

Come il tuo caffè mattutino. La tua pratica yoga Come il pranzo, dormire e andare in bagno. Questa è una cosa quotidiana che fai.

Mentre svolgi la tua giornata, eserciti consapevolmente consapevolezza dei tuoi pensieri. Quindi fai uno sforzo per cambiarli. Pensa a quelli nuovi. Diverso. Positivo. Quelli pieni di speranza e certezza. Mentre lavori. Guida. Mangiare. Fare sesso Ogni volta che ti accorgi di avere pensieri che ti spara in un tunnel buio e in uno stato di panico. Questa sarà la tua nuova abitudine e sarà in cima alla tua lista quotidiana.

3. Crea distanza.

Molte persone creano distanza dai loro pensieri con la meditazione. Ma se questa è una lotta per te, invece di meditazioni bianche e nocche, fai ciò che funziona. Creo la distanza attraverso il fitness. Creo la distanza attraverso la consapevolezza dove mi ancoro e uso i miei sensi per rimanere nel momento. Creo la distanza attraverso la mia motocicletta. Creo la distanza attraverso i piatti di lavaggio. Qualunque cosa mi dia quella pausa e mi permetta di distaccarmi dalla viscosità dei miei pensieri.

Mi rifiuto di scendere con loro.

Rimani nella modalità di creazione abbastanza a lungo e inizierai a vedere il mondo in modo diverso. Ti troverai a costruire cose. Prendendo rischi. Sperando in muri di paura. Credere in te stesso. Accettare la tua storia Inizierai a sentirti pieno di speranza. Unstuck. Meglio. Contento. Totale.
È lo stato in cui siamo destinati a vivere.
Non siamo destinati a sopravvivere.
Siamo destinati a creare.

– Arrabbiato

Solutions Collecting From Web of "Questo è il motivo per cui sei bloccato e infelice"