Questo è di nuovo l'ADHD? Tu non dici!

  • Perché devo ripetermi, te l'ho già detto dieci volte.
  • Fuori con esso già! È meglio avere una spiegazione migliore di quella.
  • Com'e 'andata a scuola oggi? E non dire "niente", qualcosa deve essere successo.

Gestire l'ADHD non ha mai a che fare con l'attenzione o l'impulsività da solo. L'ADHD rappresenta un deficit nella funzione esecutiva, un insieme di competenze che include l'attenzione, il controllo degli impulsi … e molto altro ancora. Considerato come un disturbo dell'autoregolamentazione, l'ADHD potenzialmente influisce su qualsiasi cosa richieda pianificazione e coordinazione, dal sonno alle abitudini alimentari, alla stesura di un progetto scientifico a lungo termine fino al modo in cui qualcuno parla e ascolta nella conversazione.

La funzione esecutiva agisce da "manager del cervello" nel coordinare i nostri pensieri, le azioni e la capacità di pianificare. È responsabile per l'ordinamento attraverso tutte le informazioni complesse che incontriamo, prestando attenzione alla voce giusta in una classe per organizzare le risposte nel mezzo di una discussione a ritmo rapido. La cura completa dell'ADHD richiede una visione ampia degli effetti spesso sottili che ha sulla vita, affrontando il suo impatto ovunque si manifesti. Uno degli aspetti più comunemente trascurati dell'ADHD è il suo effetto diretto sulla comunicazione.

Parla il discorso

Il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) 5 è il manuale diagnostico standard per i medici nei campi dello sviluppo infantile e della salute mentale. Aggiornato di recente (anche se non ancora rilasciato), la nuova versione divide la comunicazione in tre componenti: linguaggio, linguaggio e pragmatica. Queste abilità sono definite come segue:

  • Il discorso comprende tutto ciò che va nel produrre suoni. Le preoccupazioni più comuni del linguaggio includono disturbi articolari (incapacità inattese a produrre suoni specifici), balbuzie e balbuzie.
  • La lingua è il significato delle parole e come le mettiamo insieme. Comprende il vocabolario, la grammatica e il discorso narrativo insieme alle corrispondenti abilità del linguaggio ricettivo. Nell'ambito del sistema attuale, le diagnosi comuni in quest'area sono ritardi espressivi del linguaggio (come l'uso di un minor numero di parole o frasi del previsto) e ritardi del linguaggio ricettivo (comprensione inferiore al previsto per l'età).
  • Il linguaggio pragmatico rappresenta tutte le sfumature non verbali che facilitano la conversazione di tutti i giorni e comprende in generale qualsiasi cosa riguardante il lato sociale della comunicazione. Comprende tutti gli aspetti non detti della comunicazione, come la lettura di volti e il monitoraggio del tono della voce, oltre ad adattarsi a situazioni diverse (come parlare a un insegnante contro un pari). Abilità come la comprensione di gesti, incontri non letterali (come metafora, ironia e sarcasmo) e la rilevazione del significato emotivo dietro un cambiamento nell'espressione facciale dipendono da una comprensione intuitiva della pragmatica.

Discorso e ADHD

Gli studi dimostrano che i bambini con ADHD sono a rischio di disturbi dell'articolazione, che influenzano la loro capacità di produrre suoni di lettere appropriati per la loro età. Oltre a ciò, hanno anche comunemente differenze di fluidità e qualità vocale quando parlano. Uno studio ha anche rilevato l'ADHD attraverso queste differenze di pronuncia. Rispetto ai coetanei con disabilità dell'apprendimento da soli, i bambini con ADHD hanno mostrato un aumento del volume e della variabilità nell'intonazione durante la conversazione, insieme a modelli particolari come un aumento del numero di pause vocali.

I bambini con ADHD producono più ripetizioni vocali o riempitivi di parole mentre cercano di organizzare i loro pensieri, in qualche modo simili a una balbuzie. Ciò può portare a impazienza e incomprensioni da parte di altri, in particolare i bambini in quanto generalmente non hanno la stessa pazienza e la stessa prospettiva degli adulti. Una risposta in classe potrebbe essere sulla falsariga di: "È una storia su … um … una storia … um … um … riguarda … akidwhofliesakite … um".

Comunicazione e ADHD

Anche i bambini con il linguaggio ADHD elaborano diversamente. Per i principianti, sono a maggior rischio di ritardi linguistici significativi. Anche senza ritardi specifici, a causa della distraibilità e dei sintomi correlati di ADHD, è più probabile che rimangano fuori tema quando parlano. Inoltre, spesso fanno fatica a trovare le parole giuste e mettono insieme i pensieri in modo rapido e lineare nella conversazione. Possono verificarsi anche errori grammaticali durante la composizione delle frasi, a causa delle difficoltà di pianificazione presenti anche quando le competenze di base in quest'area sono intatte. Tutti questi sintomi correlati all'ADHD, con o senza ritardi del linguaggio, possono influire sulla capacità di comunicare in modo efficace.

Nell'ADHD la comprensione dell'ascolto può essere compromessa direttamente, in particolare a causa della difficoltà nella gestione della lingua parlata rapidamente o nella gestione di ambienti fastidiosi, rumorosi come una festa o un'aula impegnata. Di nuovo, questo è vero anche quando un bambino non ha un ritardo nella lingua reale; hanno la capacità di capire, ma a causa dei dettagli della mancanza di ADHD in entrambe le conversazioni e storie. Durante l'ascolto, potrebbero perdere completamente la traccia dei thread conversazionali o mancare di dettagli, e quindi non riuscire a registrare informazioni vitali. Queste stesse lacune si presentano spesso come comportamento oppositivo quando una richiesta appare intenzionalmente ignorata invece di non essere ascoltata in primo luogo. Questi modelli si riferiscono anche alle difficoltà di comprensione della lettura spesso riscontrate con l'ADHD.

Prestare attenzione al filo della conversazione può diventare ancora più problematico per un bambino con ADHD in gruppo o in situazioni rumorose. La capacità di mantenere la concentrazione su un singolo altoparlante e la transizione tra i diffusori è impegnativa. Questo ha implicazioni sociali, portando alcuni bambini con ADHD a trovare più facile andare d'accordo uno contro uno piuttosto che in gruppo. Le aule di distrazione, quando più attività si verificano contemporaneamente, possono rendere particolarmente difficile per un bambino con ADHD impegnarsi.

L'ADHD rende spesso difficile per un bambino gestire grandi gruppi di conversazioni contemporaneamente. Mentre un altro bambino di otto anni potrebbe essere in grado di gestire fino a dodici parole in una clip con una buona comprensione, con ADHD sette o otto potrebbe essere il massimo. Qualcosa di più grande e le informazioni cominciano a cadere.

Questi tipi di problemi nella comprensione della lingua parlata sono spesso erroneamente etichettati come "disturbo dell'elaborazione uditiva". Non c'è nulla di sbagliato nell'effettivo percorso uditivo; le informazioni entrano in gioco, ma la menomazione della funzione esecutiva lo gestisce male. Il manager del cervello è di nuovo addormentato sul posto di lavoro, confondendo i dettagli su ciò che viene detto.

Pragmatica e ADHD

Il linguaggio pragmatico, come notato sopra, comprende tutti i costumi sociali relativi alla lingua parlata e alla comunicazione non verbale. I sintomi dell'ADHD di base minano questo aspetto della comunicazione da soli. Escludere le risposte, interrompere, parlare eccessivamente e parlare a voce troppo alta interrompono tutti gli standard comuni di comunicazione, ad esempio. Anche le persone con ADHD fanno spesso commenti tangenziali nella conversazione o faticano a organizzare i loro pensieri al volo. Anche per quelli con vocabolari avanzati e comprensione per età, queste difficoltà pragmatiche possono intralciare il successo sociale.

Queste difficoltà pragmatiche sono simili ma non uguali a quelle riscontrate in un bambino con autismo. Nell'autismo, la questione di fondo è che i bambini non afferrano intuitivamente il mondo sociale – che include ritardi linguistici pragmatici. A differenza di quelli con ADHD, tuttavia, i bambini con autismo hanno un ritardo inerente allo sviluppo in una gamma molto più ampia di abilità sociali e comunicative.

Con l'ADHD, la capacità di comprendere il linguaggio non verbale e le interazioni sociali nel suo complesso è molto probabilmente intatta. Riconoscono la comunicazione non verbale per quello che è e comprendono le regole di base della comunicazione come "aspetta il tuo turno per rispondere". A causa della distraibilità, dell'impulsività o di altre disfunzioni della funzione esecutiva, potrebbero non seguire le stesse regole in un dato momento, o addirittura non notare alcun indizio sociale; molti soddisfano i criteri per una nuova categoria DSM-5 di "disturbo di comunicazione sociale (pragmatica)". Quindi, mentre l'autismo causa un peggioramento del giudizio sociale, a causa di errori nelle abilità pragmatiche, l'ADHD può minare le abilità sociali nei bambini da solo.

Le azioni parlano più forte delle parole

Cosa possiamo fare per aiutare con l'ADHD e la comunicazione? Cerca potenziali ritardi linguistici. Intervenire quando necessario. E da adulti, adattare il più possibile il nostro stile di comunicazione.

  • Valutare i ritardi specifici attraverso test diretti e quindi avviare gli interventi appropriati quando indicato.
  • Attendi fino a quando non ricevi la piena attenzione di tuo figlio prima di fare una richiesta o di iniziare una conversazione; altrimenti i dettagli probabilmente saranno persi. Aiuta a trasferire la loro attenzione usando un breve indicatore, come "Joseph, ho una domanda per te". Se è utile, agganciateli fisicamente toccandoli delicatamente la spalla o un approccio simile, quindi cercate di mantenere anche il contatto visivo . La stessa tecnica (forse senza il tocco fisico) supporta ugualmente gli adulti con ADHD.
  • Affrontare le preoccupazioni pragmatiche per i bambini che lottano socialmente come intervento comportamentale da soli potrebbe non essere sufficiente, lavorando con un terapeuta esperto in questo aspetto della comunicazione.
  • Offri un "tempo prolungato" nella conversazione , consentendo ai bambini che potrebbero essere in difficoltà di esprimere i loro pensieri. Offri loro tutto il tempo per sistemarsi e organizzare le loro risposte.
  • Pausa spesso e analizza il linguaggio in segmenti più brevi quando si parla a qualcuno con ADHD. Annuncia chiaramente e usa un linguaggio gestuale come contare i punti di proiettile sulle dita. Senza giudizio o condensazione, riformulare o ripetere te stesso quando necessario. Considera che i bambini devono riaffermare ciò che hanno capito da ciò che hai detto.

* Molte grazie alla dott.ssa Rosemary Tannock, poiché questo postato cita ampiamente la sua presentazione sullo stesso argomento alla recente conferenza CHADD a San Francisco.

Solutions Collecting From Web of "Questo è di nuovo l'ADHD? Tu non dici!"