Questioni di presenza!

Tanto, tanto tempo fa, in un mondo accademico che ora sembra molto, molto lontano, non ho mai preso parte alle mie lezioni. Non avevo davvero bisogno di farlo. La maggior parte degli studenti veniva abitualmente e la vita per loro non sembrava così frenetica.

Avanti di qualche decennio: gli studenti percepiscono che le loro vite sono molto impegnate e frequentare le lezioni è solo una parte della "Esperienza universitaria". Per essere sicuri, molti studenti vengono sempre in classe, ma c'è un altro gruppo per cui la frequenza è più sporadica. Di conseguenza, io e molti altri membri della facoltà ora prendiamo il tiro in ogni classe. Lo facciamo per premiare i partecipanti regolari (forse anche per tenere traccia della partecipazione della classe) e, purtroppo, per inviare avvertimenti o anche per penalizzare quegli studenti che frequentano meno frequentemente.

Perché frequentare la classe? Bene, come studente, fai parte della comunità di quella classe: hai la responsabilità di condividere le tue idee sulle letture e di contribuire. Se non ci sei regolarmente, non sei un partecipante attivo. Gli altri studenti devono recuperare il tuo gioco, per così dire.

Secondo, se non ci sei e non contribuisci, non stai imparando nel modo più efficace possibile. Più precisamente, coloro che frequentano ogni classe dovrebbero ricevere qualche ricompensa (ad esempio un grado di partecipazione più alto) per essere membri responsabili della "comunità" di classe.

In terzo luogo, si consideri una questione molto pratica: l'economia di perdere una classe, il costo effettivo di farlo. Mancando una classe, stai "spendendo" soldi che non torni mai e non ottieni niente per questo (beh, potresti dormire o fare qualcosa che ritieni più importante in quel momento che essere parte della classe, ma il "costo" è ora "affondato"). Se stai pagando la scuola, allora quei soldi persi sono su di te. Se qualcun altro (la mamma e il papà vengono in mente), in sostanza stai buttando via i loro soldi, o almeno non ottieni i tuoi "soldi".

Ora, non sto dicendo che non si possa perdere una lezione per una ragione seria: malattia, stanchezza, qualche impegno pressante o qualche altra ragione legittima. Certo che puoi mancare, ma non fare in modo che diventi un'abitudine. Quando ero uno studente, non mi piaceva dover chiedere a un professore il permesso di perdere una lezione, era infantilizzante e io ero un adulto. Così, quando sono diventato professore, ho giurato di non chiedere ai miei studenti perché hanno perso – se hanno saltato una lezione o due, ho pensato che dovesse essere per una buona ragione – la loro ragione / i – e ho detto loro di non dirmelo (in altre parole, da adulti, arriviamo a fare delle scelte). Seguo ancora questo ragionamento, ma li incoraggio a frequentare la maggior parte delle classi. Come ha osservato una volta Woody Allen, "l' 80% della vita si sta facendo vedere. "Perché non farlo?

Cosa possono fare i membri della facoltà per incoraggiare la partecipazione? Ovviamente, rendere interessante una classe è un buon modo per iniziare. Ridurre la quantità di lezioni a favore o discussione – scambio intellettuale reale sugli argomenti del corso – è un'altra buona cosa da fare. Rendere chiari gli incarichi dall'inizio del trimestre e le scadenze (tramite un programma dettagliato) è un buon inizio. La scelta di libri accattivanti o di altre letture (articoli di riviste, romanzi, saggistica) è anche una buona idea. Non è scienza missilistica (a meno che, ovviamente, questo sia l'argomento di classe). Gli studenti dovrebbero voler essere in classe e istruttori efficaci creano un ambiente che promuove il desiderio di essere lì.

Solutions Collecting From Web of "Questioni di presenza!"