Questioni di famiglia

"Uno dei più antichi bisogni umani è avere qualcuno che si chieda dove sei quando non torni a casa la sera."
-Margaret Mead

La parte che gli anziani svolgono nella vita familiare riflette ciò che è loro permesso dalla società. Il microcosmo della nostra cultura è la famiglia e il rapporto tra generazioni ha una forte influenza sulle nostre vite. Quali scambi avvengono nelle reciproche responsabilità dei giovani, di mezza età e dei vecchi nella società moderna? In una situazione ideale le persone anziane ricevono supporto, cura, rispetto, stato e senso dello scopo. In cambio forniscono significato culturale, stabilità e un'importante continuità con il passato. Se ci preoccupiamo per i nostri figli e ci vedono prenderci cura dei nostri genitori, forse si prenderanno cura di noi.

Una grande paura nella vecchiaia è stata costretta a passare dall'età adulta responsabile alla dipendenza e al bisogno di aiuto dagli altri. La dipendenza mette l'uomo in balia degli altri e questo ci fa sentire a disagio. Molti anziani rimangono vigili perché non si fidano delle persone di mezza età. Forse è un riflesso della nostra consapevolezza dell'ipocrisia, della insincerità e dei doppi standard che possono esistere in noi stessi e negli altri.

L'invecchiamento ci mette di fronte a una deliziosa ironia: se abbiamo opinioni negative o ostili sull'invecchiamento e sugli anziani, abbiamo suggellato il nostro futuro. Con l'avanzare dell'età diventiamo più simili a noi stessi: le nostre principali caratteristiche di personalità di fondo diventano sempre più evidenti. Le persone anziane con una vena sospetta potrebbero sospettare che le persone vicine accelereranno il loro declino piuttosto che contribuire a ridurlo. Malattia, infermità e cambiamenti economici possono essere temuti a causa dei cambiamenti di comportamento prodotti in altre persone. Ad esempio, lo sviluppo di una malattia può essere minimizzato o negato per evitare il desiderio percepito e non necessariamente reale della famiglia di istituzionalizzare la persona anziana alla prima opportunità.

Un proverbio persiano afferma "I bambini sono il ponte verso il cielo" e l'equilibrio emotivo delle persone anziane dipende spesso dalle relazioni con i loro figli. Nella vecchiaia, i padri nei rapporti con i loro figli sono obbligati a ricostruire le loro relazioni con i loro figli che esistevano prima e questo determinerà se i figli sentono affetto, ambivalenza o ostilità. Mark Twain ha scherzato: "Quando ero un ragazzo di quattordici anni, mio ​​padre era così ignorante che non riuscivo a sopportare di avere il vecchio in giro. Ma quando ho avuto ventun anni, sono rimasto stupito da quanto aveva imparato in sette anni. "Alcuni figli potrebbero non aver superato un giovane risentimento verso i loro padri e simbolicamente potrebbe ucciderlo. Un padre può focalizzare un atteggiamento impegnativo o diffidente verso i suoi figli perché sa che hanno difficoltà a sopportare l'autorità che mantiene o il fardello che è diventato. Normalmente, una figlia ama e ammira suo padre; il suo affetto rimane puro e lui lo restituisce. Il drammaturgo greco Euripide (480-406 aC) concluse: "Per un padre che invecchia non c'è nulla di più caro di una figlia". Un padre raramente può diventare geloso e mostrare risentimento quando si sposa. Raramente la figlia può rivelare un atteggiamento di superiorità e impazienza nei confronti del padre.

L'amore di una madre per suo figlio è probabilmente il meno ambivalente di tutte le relazioni. Una lettera egiziana del 2000 aC afferma: "Cara mamma: sto bene. Smettila di preoccuparti per me. "Se suo figlio si sposa può sentirsi abbandonata e diventare amara e gelosa di sua nuora. Una madre potrebbe identificarsi con sua figlia, ma la figlia potrebbe non crescere da un'ostilità adolescenziale e potrebbe voler liberarsi e tenere sua madre a distanza. Questo sentimento è umorosamente condiviso dalla scrittrice Erma Bombeck, "Mia madre non lo ammetterà, ma sono sempre stata una delusione per lei. Nel profondo, non perdonerà mai se stessa per aver dato alla luce una figlia che rifiuta di riciclare fogli di alluminio e di usarla di nuovo. "La madre potrebbe soffrire dell'ostilità di una figlia e risentirla. La madre può anche sentirsi minacciata dalla giovinezza della figlia e il loro rapporto è fortemente influenzato dal modo in cui questo viene risolto.

I sentimenti più caldi e più felici che gli anziani provano spesso sono quelli con i loro nipoti. Le donne spesso si considerano madri e la rivalità tra madre e figlia o nuora per i nipoti può a volte essere intensa. Un nonno coinvolto ha sentimenti caldi e meno ambigui. Quando i nipoti possono comunicare con lui, essere un nonno può portargli grande conforto. Possono amare in modo completamente imparziale e totalmente generoso perché non hanno né diritti né responsabilità l'uno verso l'altro. I nonni non devono allevarli, dire "no" o sacrificare il presente per il futuro. I nipoti mostrano loro affetto e li considerano un rifugio contro le regole dei loro genitori. Le interazioni intergenerazionali sono importanti per tutti. Credo che sia stata Margaret Mead a dire: "Gli anziani possono insegnare ai giovani che va bene invecchiare. E i giovani possono insegnare ai vecchi che va bene morire ".

Anche la struttura familiare sta cambiando perché la famiglia allargata continua a declinare a favore della famiglia nucleare. Anche dove i legami di affetto rimangono forti, le generazioni vecchie e giovani hanno preferito la loro indipendenza. Questo accentua sia la distanza fisica che quella psicologica.

Lezioni da Fairy Tales

Un ricco retaggio di saggezza umana è stato distillato nei numerosi racconti popolari e fiabe che sono stati tramandati nel corso dei secoli. In molte culture come i nativi americani i "narratori" erano anziani che comunicavano con i bambini. Queste storie offrono grandi informazioni sui modi per affrontare varie situazioni durante la vita. Come le parabole bibliche, queste storie possono avere numerosi significati a seconda del livello e delle esigenze del lettore o dell'ascoltatore e possono aiutare in modo significativo la nostra evoluzione cosciente. Una lezione importante per gli adulti è che le fiabe ripristinano in noi un senso infantile di innocenza e meraviglia. Tutto è possibile. Gli animali possono parlare e le persone possono volare o diventare invisibili. Ci sono fate, geni e oggetti magici. Ognuno di noi ha il potenziale per imparare preziose lezioni da queste narrative. Ci aiutano a imparare a sospendere il nostro solito modo di pensare alle cose per ottenere una nuova prospettiva. In effetti ci sono alcune idee, che non possono essere immaginate dalla mente umana con nessun altro metodo.

Alcune delle storie più memorabili riguardano le preoccupazioni dell'infanzia, come accettare il tuo aspetto e il tuo modo di fare (Il brutto anatroccolo) o essere cauto con gli estranei (Cappuccetto rosso). Altre storie affrontano problemi adolescenziali e giovani adulti, come la rottura dei genitori, la ricerca di un partner adatto e il superamento di varie difficoltà. Al contrario delle questioni della crescita, alcune storie affrontano le sfide dell'invecchiamento e riflettono ciò che lo psichiatra e autore Allan Chinen chiama la psicologia della maturità. L'ironia è che queste magiche storie con maghi, demoni e tesori informano e divertono i bambini e informano e arricchiscono l'adulto più anziano con le preziose lezioni che vengono insegnate.

Le fiabe con protagonisti più anziani possono aiutare nella nostra crescita spirituale e psicologica. In queste storie l'immagine dell'invecchiamento non è pessimista ma di trascendenza, crescita e saggezza. I più giovani eroi ed eroine hanno bisogno delle virtù della pazienza, del coraggio, dell'autodisciplina e del controllo. Gli eroi e le eroine più anziane mostrano consapevolezza, sincerità, curiosità e ampiezza mentale. L'avversario del vecchio protagonista è un demone interiore, non una minaccia esterna, e la battaglia è di trasformazione e trascendenza. Sta conquistando il mondo interiore, non il mondo esterno che sfida e minaccia la gioventù. Il bottino della vittoria è illuminazione e trascendenza piuttosto che gioielli e tesori materiali. E il risultato di questa lotta è benefico per tutta l'umanità non solo per il vincitore. Il nemico è spesso vanità, autoimportanza o incomprensione.

Solutions Collecting From Web of "Questioni di famiglia"